Home / Cultura / Turismo in Altosannio / Monumenti / Mura sannitiche di San Lorenzo in Agnone

Mura sannitiche di San Lorenzo in Agnone

Comunicato a cura del Comune di Agnone

La funzionaria Maria Diletta Colombo e l’archeologo Adriano La Regina sostanzialmente d’accordo sul modo di utilizzo dei ventimila euro a disposizione del Comune di Agnone. La Soprintendenza: “Auspicabile un progetto complessivo per l’intera area”

Capitello-proveniente-dall’area-archeologica-di-San-Lorenzo-fotografato-sul-luogo-nel-1964-Foto-A.-La-Regina
Capitello-proveniente-dall’area-archeologica-di-San-Lorenzo-fotografato-sul-luogo-nel-1964-Foto-A.-La-Regina

Agnone, 24 Settembre 2016

Pulizia del sottobosco, indagine conoscitiva con sondaggi mirati e progetto di sistemazione dell’intera area archeologica. Sugli interventi da portare avanti nel sito di San Lorenzo hanno le idee piuttosto chiare la funzionaria della Soprintendenza Archeologica per il Molise, Maria Diletta Colombo, e il prof. Adriano La Regina. Dopo due distinti sopralluoghi effettuati sul posto, i due archeologi hanno espresso pareri univoci sull’utilizzo che il Comune di Agnone dovrebbe fare dei ventimila euro a disposizione per le mura sannitiche e i resti di terme romane presenti alla periferia di Agnone. Preso atto degli autorevoli pareri, il Sindaco di Agnone Lorenzo Marcovecchio si attiverà già dalla settimana entrante per impegnare la cifra.

Due sopralluoghi, un unico parere: i ventimila euro che la Fondazione Banco di Napoli mise a disposizione per interventi nell’area archeologica di San Lorenzo dovranno servire da volano per una sistemazione complessiva e valorizzazione definitiva del sito. Essendo la cifra del tutto insufficiente per il consolidamento delle mura poligonali, oggi in situazione più che critica, sarà bene provvedere ad una seria progettazione che preveda un intervento importante dello Stato che non escluda ovviamente il concorso dei privati.

Maria Diletta Colombo, archeologa della Soprintendenza molisana, aveva visitato il sito nell’ultima settimana di Agosto e, pur dicendosi preoccupata per lo stato di un tratto delle mura poligonali, ne ha costatato il non immediato pericolo di crollo esprimendo l’opportunità di una valorizzazione seria e completa di tutti manufatti presenti in loco. E’ di venerdì 23 settembre, invece, la visita del Prof. Adriano La Regina, Presidente dell’Istituto Nazionale per l’Archeologia e la Storia dell’Arte, fra i massimi esperti viventi di Archeologia romana e italica. Egli, invitato dal Comune di Agnone a esprimere una sua valutazione della situazione, ha sostanzialmente concordato con l’analisi della funzionaria pubblica: San Lorenzo ha una importanza notevole per l’archeologia del territorio e, insieme alla zona di Fonte del Romito, merita finalmente un progetto complessivo di indagine, sistemazione e valorizzazione.

Dal canto loro, il Sindaco Lorenzo Marcovecchio e il suo vice Linda Marcovecchio assessore alla Cultura, hanno a questo punto deciso di procedere celermente verso la direzione indicata attivando già in settimana prossima le procedure opportune per dar concreta attuazione all’indirizzo segnalato dai due esperti.

Il Prof. La Regina, terminato il sopralluogo, ha messo a disposizione del Comune alcune foto (in questo comunicato riportate) delle mura sannitiche e dell’area archeologica risalenti al 1964, anno in cui egli le scattò per conto della Soprintendenza Abruzzo-Molise.

Un-tratto-delle-mura-poligonali-di-San-Lorenzo-nel-1964-Foto-A.-La-Regina
Un-tratto-delle-mura-poligonali-di-San-Lorenzo-nel-1964-Foto-A.-La-Regina

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.