Home / Cultura / Cultura Popolare / Impegni, speranze e miracoli (?) in Altosannio – (Video)

Impegni, speranze e miracoli (?) in Altosannio – (Video)

a cura di Enzo C. Delli Quadri

Altosannio 1

Un pò per merito nostro (scusate l’ immodestia), L’ALTOSANNIO  è tornato al centro dell’attenzione dei Media e della popolazione, attraverso la lotta socio-politica condotta con il progetto ALMOSAVA (per saperne di più clicca QUI), per la  riaggregazione di un territorio omogeneo per storia, cultura, ambiente ed economia (qual’è quello dell’ALTOMOLISESANGROVASTESE), smembrato contronatura 50 fa e sottoposto a ben 2 regioni e 4 province.

Schermata 2014-09-16 alle 17.22.57

Merito ben maggiore lo ha Nicola Mastrinardi che, con il suo romanzo storico “VITELIÙ – Il nome della Libertà” (per saperne di più clicca QUI), ha sollevato un polveroso velo  da 8 secoli di storia, raccontata solo da romani ligi al contesto della Roma Imperiale, e ha fatto emergere la grandezza del popolo sannita, in generale, e degli Altosanniti, in particolare,  rendendo giustizia a questo nostro territorio rivelandoci, come esso sia luogo di formazione della Prima Italia.

Agnone come Medjugorje 3

A tutto questo, oggi, si aggiungono le rivelazioni di un veggente che avrebbe contatti periodici con la Madonna sul Monte Sant’Onofrio di Agnone (IS). Le rivelazioni sono accompagnate da fenomeni particolari ed emozionanti definiti miracoli, per i credenti, coincidenze straodinarie per i non credenti. Ecco un video (cliccare QUIcirca la popolarità che hanno assunto gli avvenimenti e i “presunti miracoli” che sarebbero intervenuti.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.