Home / Cultura / Cultura Popolare / Metti una sera a cena con l’orsa Gemma

Metti una sera a cena con l’orsa Gemma

Al ristorante “La Foce” di Scanno

Da Il Gazzettino Quotidiano di Giovedì 19 Settembre 2013, segnalato da Antonia Anna Pinna [1]

Gemma e cuccioli per le strade di Scanno

SCANNO – Martedì sera, quella di cenare con l’orsa Gemma al Ristorante “La Foce” a Scanno, non è stata più un’ipotesi ma un fatto reale. La notizia ce l’ha data lo stesso proprietario del ristorante dopo la mezzanotte di martedì, quando già la nostra pagina di giornale era on line.
Ecco i fatti. Sandro ha scritto (noi lo abbiamo già pubblicato ieri nella pagina d’apertura, come ultim’ora, ma ci piace farlo di nuovo): Ieri sera (martedì per chi legge) alle ore 20,30 tra i tanti clienti che stavano cenando al Ristorante Pizzeria “LA FOCE” si è presentata la Star della stagione. Voi non ci credereste ma a farci visita è venuta l’Orsa GEMMA. Si è presentata nel giardino, forse pensava che ci fosse il “Terzo Tempo” della futura partita di Rugby a Pettorano.

Era enorme! Comunque è stata molto gentile e delicata nonostante la stazza. Non ha fatto molti danni nel mio orticello. Ha pestato la rucola, un po’ di piante di fagiolini, una pianta di zucchina. Dopo il solerte intervento dei due forestali, io ho aperto il cancello del giardino per dare a GEMMA la possibilità di fuga senza fare danni, Lei però ha preferito alzare la rete di confine con la casa dei De CRESCENTIS, saltando giù nel loro giardino, dando una panzata sull’erba.. Gli ho offerto gli arrosticini, ma mi ha fatto capire che preferisce i polli alla pecora. Comunque è stato uno spettacolo per i turisti che stavano cenando. Ho detto loro che avranno molto da raccontare ritornando al posto di lavoro e dai nipoti. Potranno dire che a Scanno mentre stavano cenando al Ristorante Pizzeria “LA FOCE” hanno conosciuto l’Orsa GEMMA.

Sandro non aveva “La coccia spiccia”, per cui non è riuscito a filmare l’insolito evento (anche se non è proprio così insolito, perché ormai gli orsi a Scanno, Villalago e Frattura sono “cittadini residenti”) o, per dirla tutta, ha tentato di farlo, ma la concitazione del momento non ha sortito un filmato leggibile. Come mi ha raccontato ieri mattina, era molto emozionato, perché non tutti possono vantarsi di avere una signora orsa a Cena.

L’orsa Gemma era stata avvistata in più zone di Scanno.

Sandro, con la “Coccia spiccia”, mi ha detto, poi, che non è più accettabile che un orso vaghi per il paese a suo piacimento, mentre la gente ha paura di uscire col buio, per non mettere a repentaglio la propria incolumità. Egli per un giorno intero, dopo che la notizia si è sparsa via web per tutto il mondo, ha ricevuto mail da tutti i suoi amici, soprattutto da quell’Antonio Pensa (ma è proprio sicura che Pensa bene?), che gli ha suggerito di contattare Gemma per la prossima partita di rugby a Pettorano. E Sandro ha risposto: «sarebbe un gran bel  tallonatore! Sottolineo, però, le doti di buongustaia di Gemma nella scelta del luogo della degustazione serale! (La Foce, ndr) Il problema, ora, è che le è piaciuta la cena!

In attesa del “ritorno di Gemma”, che le coccia vi sia spiccia.

__________________________
[1]  Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

About Antonia Anna Pinna

Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.