Me passa

 di Gustavo Tempesta Petresine [1] 

erba e goccia

.

Me  passa  

Me passa ‘na canzona pe’ la coccia,
e và candànne amore, amore, amore;
può z’allundàna lassànneme ‘n’addore
de jerva ‘ndurteràta da ‘na ‘occia.

 .

Mi passa

Mi passa una canzone per la testa,
e va cantando amore, amore, amore;
poi si allontana lasciandomi un odore
di erba macerata da una goccia.

 

_______________________________________
[1]
 Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti. Il suo lavoro più bello: il libro di poesie “Ne Cande”

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.