Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Me ne vuogli’ ì a Capracotta

Me ne vuogli’ ì a Capracotta

Una canzone dei pastori della transumanza ricordata e segnalata da Maria Delli Quadri

 

Me ne vuogli’ ì a Capracotta,
me la vuoglie truvà na brutta fatta,
bascta ca  è bona pe’ la notte,
ca ru iuorne la chiude dendr’a l’arca

L’ belle so’ de Scanne e de Frattura
uocchie nerille de la Valle scura,
e se pe sposa nen te pozze avé
pe cummarella me te vuoglie fà

Ardamm r’ fazzul’ttone
che t’haj purtate da Frus’lone
la pizza l’haj messa alla cavuta

E massera ar’vé Giuanne
t’arporta la cagliatella
calla, calla calla…..aaa.

Nen t’arcuord cchiù, bella mea,
quand la giacca meia fu da cuscine
e tu ch’ l’uocchie a r’ ciel,
e j de spalle le sang me suguaste dall’vene.

E massera ar’vé Giuanne
t’arporta la cagliatella
calla, calla calla.

Angì,Angì,Angela Rosa, me sci
sfasciate r’troave de la casa
p’l’ tropp’abballà quand’era spose

E massera ar’vé Giuanne
t’arporta la cagliatella
calla, calla calla.e

 

 

 

Voglio andarmene a Capracotta,
mela voglio trovare brutta fatta,
basta che sia buona per la notte,
perché il giorno la chiudo dentro all’arca

Le belle sono di Scanno e di Frattura
occhi neri della Valle scura,
e se per sposa non ti posso avere
per commarella mi ti voglio fare

Ridammi il fazzolettone
che t’ho portato da Frosolone
la pizza l’hai messa nella buca

E stasera torna Giovanni
Ti riporta la cagliatella
calda, calda calda…..aaa.

Non ti ricordi più, bella mia,
quando la giacca mia fece da cuscino
e tu con gli occhi al cielo, e io di spalle,
il sangue mi succhiasti dalle vene

E stasera torna Giovanni
Ti riporta la cagliatella
calda, calda, calda ….. aaa.

Angì, Angì, Angela Rosa,
hai sfasciato la trave della casa
Per il troppo ballare quand’ero sposo

E stasera torna Giovanni
Ti riporta la cagliatella
calda, calda, calda ….. aaa.

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.