Home / Cultura / Cultura Popolare / Marzo – Poesia

Marzo – Poesia

di Michele Di Ciero [1]

Questo articolo è tratto da libro “Tradizioni popolari di Agnone” di Lucia Amicarelli e “Folklore di Agnone” di Michele Di Ciero, libro curato e valorizzato  dallo studioso molisano di tradizioni popolari Domenico Meo[2], il quale, nell’ introduzione, ha voluto accennare alla storia dell’antropologia culturale e fare il punto sui contributi folklorici e di lingua dialettale riguardanti Agnone dalla fine dell’Ottocento ad oggi.

.

scrosci_di_pioggia_albero

.

Marzo

O chignè brutte marze quande’nciele
‘nce sta ru seule ‘nce sta l’azzurre:
trema ru prime sciaure de la miendra,
archiude l’uocchie ru sciurille gialle.
Che niente pò da ‘cima Monte Forte
quanta tarvolta de colpe ru viente
cala ‘mbenate,mocceca,arravoglia
fisca currenne abballe pe ru Verroine.
Dall’aria ‘mbracetata pe’ la neiia
cala a vracciate n’acquerella foina,
‘zuppa la terra,sciacqua prete e voiie
vervotta e se derrupa a ru uallaune.
Sott’a la gronza che le penne ricce
corre ru cielle p’aspettà che scheme:
s’eva ‘mpusteate ‘ncim’a nu pedeale
e zerlieva per chiamà ru seule.
Credeva ca ru vierne era passate
e s’eva preparata la canzaune
ch’eva cant’à ru sciore e la farfalla;
se l’eva preparata che da mò.
Da quande pe la grappa na matoina
vedette ca ce stavane ddù sciure.
E quase mo nen ce s’arracapezza:
Com’è? La pe ‘ru pruote ru capritte
corre zumpiettanne che l’agnielle
la iocca già caccia re pelgioine,
già ‘mpoppane le rocchie e re pediale,
pò esse ca continua ancora vierne?
Nt’appassiunà,ru frà,ce vo pacienza,
arresponne freschenne n’oltre cielle:
quist’è nu mese pazze,sbalestreate,
iè piece a scemiè,ce s’addecroia.
Vierne è passate,mo ve bontiempe,
neu fa ru spacenziuse,chiene,chiene,
c’aspette n’antra ‘zè dì,che iè fa?
Aspettanne le meglie une ce cude,
pure s’ada’spettà na bella ‘nzegna
st’acqua ventata,sta iurnata naira
fene sembrà chiù bielle,addemane,
ru sole calle e l’aria’mbalzameata.

 

Marzo
O come è brutto Marzo quando in cielo
non c’è il sole non ci sta l’azzurro
trema il primo fiore del mandorlo
richiude l’occhio il fiore giallo:
ecco che dalla cima di Monte Forte
di colpo si leva il vento:
scende imbronciato,morde,turbina
fischia correndo giù per il Verrino
Dall’aria guastata per la nebbia
scende a bracciate un’acquerella fine,
penetra nella terra ,lava pietre e vie
borbotta e cade nel vallone.
Sotto la grondaia,con le penne ricce,
corre un uccello per aspettare che finisca a piovere
s’era messo in cima ad un albero
e trilleggiava per chiamare il sole
Credeva che l’inverno fosse passato
e si era preparata la canzone
che doveva cantare al fiore ed alla farfalla:
se l’era preparata da parecchio.
Da quando una mattina su per la salita
vide che ci stavano due fiori
e quasi ora non comprende.
Com’è?Là per il prato il capretto
corre sgambettando con l’agnello
la chioccia mostra i suoi pulcini
già sbocciano le siepi e gli alberi
può essere che continua ancora l’inverno?
Non ti scoraggiare fratello ci vuole pazienza
risponde fischiettando un altro uccello
questo è un mese pazzo,scapestrato
gli piace scherzare, ci si diverte
L’inverno è passato,ora viene il buon tempo
non fare l’impaziente,piano piano
che aspetti un altro po’ che fa
Aspettando il meglio ci si gode
pure se devi aspettare un’altro pò:
quest’acqua ventata,questa giornata nera
farà sembrare più bello domani,
il sole e l’aria balsamica



[1] Michele Di Ciero, Molisano di Agnone (IS), fu Maestro e Direttore Didattico. Sue le ricerche “sul campo” di usi, credenze, proverbi, filastrocche e canzoni narrative.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone.

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.