Home / Cultura / Tradizioni / Gastronomia / Dolci / Marmellata di Prugnolo Selvatico

Marmellata di Prugnolo Selvatico

Ricetta di Luciano Pellegrini [1]

Il prugnolo selvatico è un frutto dimenticato che matura all’inizio dell’autunno. Nasce da una pianta selvatica che è facile vedere sui cigli delle strade di campagna, ma anche in montagna. I frutti sono molto aspri, di sapore acidulo, ed è difficoltoso raccoglierli perché i rami sono spinosi. Il frutto ha forma rotonda con superficie liscia, ricoperta da una patina chiara, il colore è bluastro tendente al nero quando è maturo.

Il prugnolo selvatico ha proprietà astringenti, depurative, toniche, diuretiche e stimolano i processi digestivi. Il consumo dei frutti produce un aumento dell’appetito, una sensazione tonificante e di calma. È anche una fonte di vitamina C.  Oggi ne propongo la Marmellata.

Ingredienti

1 kg di polpa di prugnolo
750 g di zucchero
1 mela
1 limone

Preparazione

Lavare i frutti di prugnolo e metterli in una pentola con un mestolo d’acqua. Cuocere fino a quando i frutti diventano molli. Togliere dal fuoco e con tanta pazienza, separare la polpa dai noccioli. Dopo questa operazione mettere nuovamente i frutti snocciolati nella pentola, aggiungere lo zucchero e la mela grattugiata. Girare con un cucchiaio di legno a fuoco basso per evitare che il composto si attacca sul fondo. A metà cottura, circa mezz’ora, aggiungere il succo di limone. Quando la marmellata avrà la giusta consistenza, (fare la prova con il piattino…, deve staccarsi e non scivolare), è pronta. Invasare la marmellata bollente nel barattolo e per “ottenere la chiusura sotto vuoto”, chiuderlo e capovolgerlo per almeno cinque minuti. Poi, raddrizzarlo e lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente. Se si pensa di non consumare la marmellata in breve tempo, immergere il barattolo di marmellata in acqua, che andrà poi portata ad ebollizione per circa trenta minuti. Una volta aperto il barattolo, la marmellata dev’essere conservata in frigorifero.

Consigli

Il limone e la mela sono utili come addensanti. Lo zucchero è un conservante naturale.
Con il prugnolo è possibile ottenere anche un ottimo liquore.  si veda QUI 

 


[1] Luciano Pellegrini, Abruzzese di Chieti, oggi in pensionecontinua, con dedizione, a praticare le sue passioni: Alpinismo, Ambientalismo, Fotografia, Reportage, Viaggi, Gastronomia, scrivendone su web, carta stampata, su riviste anche on-line.
agnpell@libero.it Cellulare +393404904001

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.