Home / Cultura / Cultura Popolare / La Mandera di Nonema – Il grembiule di mia nonna

La Mandera di Nonema – Il grembiule di mia nonna

Versione dialettale, con traduzione, di Flora Delli Quadri [1]

mandoira-646x340

La Mandera di Nonema

Nu iùarnə, ncima a nu giurneale haijə lett ca rə microbe chə stìanə davéndr alla casa, se nən ce stàme attìand, cə sə magnan. Ru giurneal dəciàiva pìjurə ca le mappòine so pərəecquelausə ca cmmùa “sono un concentrato di germi”! 

“Uh gesù, e meuuə gn’haija fa!” e haije uardata la mappoina appesa alle seggia. Apùa haijə uardate la mandòira che teneva dnend ca sctava facenne re servizie e m’haije mbaurjuta propriə prassia ca eva nanzé vretta. M’è fferrat ru tocc! 

Ma po’ haije penseata “Mbé, me l’haije messa pə fa rə serviziə, po’ però mə la loivə, mica mə la teng dənend tutta ru juarn gna faceva nonəma!”

Lə vecchiə də na volda la mandòira nən zə la ləvavanə mia, dalla matina alla saira, c’asciuì nə jə sə mbrattava la vescta, ca chella ìjuna ojva e bascta! Lə mandòirə  invecə, sə sprəcavanə ca cmmua sə lə facevan chə lə pezzə vecchiə, o che la sacchetta de ru cunzorziə chə eva də cutteunə bellə massiccə. 

Chə n’guìre sctrumend cə facevanə tuttə, sərviziə vrittə  e pulòitə: per esempiə, sə abbəlavanə lə patanə, po’ sə lə məttevanə nzoine chə tutta la ciajnə pə farlə arfrddà; chə ru pizz alzeatə tərevanə lə təjellə da ngima a ru fuachə asciuì nən zə pəlavanə; quandə ivanə allə alloinə, facevanə la məldnella e cə məttevanə l’euua. Na volda m’arcord ca nonema ce purtettə pur rə pəlcioinə e le puggettə nderra e chirə  allccovanə e pi pi pi e pi pi pi, e niuue uagliuna faciavam pi pi pi pur niuuə gnə mettə. N’aldra volta arrəndrettə che l’euua mesə apertə ca la alloina sfatijata nə lə vuleva cuveà, allora lə məttettə vicina alla sctiufa e chell chiean chiean s’apriarnə e scernə rə pəlcioinə. 

Quandə arrəndravanə  dall’uartə, dendrə alla məldnella cə tenevanə sembrə o lə ceppə e lə schieppə p’appccié ru fuach, o rə pəsille e rə cuchəccill dəll’ùartə. E gna jvanə lə nijucə! Pusavanə la məldnella ngima alla taura e rə uagliunə,  chə na proita, lə squacciavanə un’appressə all’aldra, una a te, una a me, una alla figlia də ru re. Lə sctessə facevanə chə lə castagnə quandə eva ru tìambə.

E lə maila? Chellə bruttə e ammaccheatə chə cadivanə nderra se le məttevanə nzoine e l’arpurtavanə alla casa, ca nən z’eva iettà cubbellə.

Sə tənevanə lə mìanə vrettə, mica sə lə lavavanə! Sə l’arpulivanə chə ru pizz də la mandoira e po’ facevanə l’eldrə sərviziə.

Dendrə alla vorza cə tənevanə sembrə nu dətalə, nu rucchettə chə l’aca e ru filə mbliatə, ru gliommarə pe fa la calza e, dəquartə, ru maccatiurə vrittə də ru nuasə. 

Mmah! Mo chə cə penzə, però, mica è lvairə ca tuttə lə malatoiə mənivanə pe la mandoira vretta də nonəma. Certə voldə ijoje mə jva a nasconnə elle sotte pə nə mə fa acchiappà da mamma chə mə vuleva mənà e chella, nonema, me ce sctrəsciuva ru muss vritt, me scəsciùava ru nuasə e, se chiagnajva, mə c’assecova purə lə lacrəmə.

N’é ca pə ccasə rə miedəcə che parlanə də “germi sugli strofinacci” dicənə fassaroiə?

Mo chə cə penz, l’artiquele m’ha fattə propria arraija! Jə haija scrivere a quirə scəmmənòitə də ru giurnaliscta e j’ haija mannà a dicərə:

“Signor giornalista, non devi fare mbaurìre i cristiani. A me, se m’è venuta una malatia non è stata per colpa de la mandera di mia nonna. Quella, la  malatia, m’é venute ca m’avete mbicciata la coccia per la troppa igiene. La mandera di nonema m’arialatə sicurezza e tenerezza, alla faccia vostra e degli “igienisti del cazzo” ca fate mbaurare la gende!”.

La pareula “igienisti” l’haijə truveata ngima a ru giurneale, ru riesct cə l’haije miss ioije ca m’è scijuta propria da ru chéurə

 vecchiette copiaIL GREMBIULE DI MIA NONNA 

Un giorno, sopra ad un giornale, ho letto che i microbi che stanno dentro casa, se non stiamo attenti, ci si mangiano. Il giornale diceva pure che gli strofinacci sono pericolosi perché “sono un concentrato di germi”!

“Uh Gesù, e adesso come devo fare!” e ho guardato lo strofinaccio appeso alla sedia. Dopo ho guardato il grembiule che avevo davanti che stavo facendo i servizi e ho avuto paura assai perché era un po’ sporco. Mi è preso un tocco!

Ma poi ho pensato “Beh, l’ho messo per fare i servizi, poi però me lo tolgo, mica lo tengo  davanti tutto il giorno come faceva mia nonna!”

Le vecchie di una volta il grembiule non se lo levavano mai, dalla mattina alla sera, così non si sporcava il vestito, che quello uno solo era! I grembiuli, invece, si sprecavano perché li facevano con le pezze vecchie, o con i sacchi del consorzio che era di cotone massiccio.

Con quello strumento ci facevano tutto, servizi sporchi e puliti: per esempio, se cuocevano le patate sotto la cenere, poi se le mettevano in grembo con tutta la cenere per farle raffreddare; con un angolo alzato tiravano il tegame da sopra al fuoco così non si scottavano; quando andavano alle galline, facevano il fagotto e ci mettevano le uova. Una volta mi ricordo che mia nonna ci portò pure i pulcini e li posò per terra e quelli gridavano pi pi pi e pi pi pi, e noi ragazzi facevamo pi pi pi pure noi come matti. Un’altra volta rientrò con le uova mezze aperte perché la gallina sfaticata non le voleva covare, allora le mise vicino la stufa e quelle piano piano si aprirono e uscirono i pulcini.

Quando tornavano dall’orto, dentro il fagotto ci tenevano sempre o le fascine e i legnetti per accendere il fuoco, o i piselli e le zucchine dell’orto. E come andavano le noci! Poggiavano il fagottino su tavolo e i ragazzi con una pietra le schiacciavano una dopo l’altra, una a te, una a me, una alla figlia del re. Lo stesso facevano con le castagne quando era il tempo.

E le mele? Quelle brutte e ammaccate che cadevano per terra se le mettevano nel grembo e le riportavano a casa, che non si doveva buttare niente.

Se tenevano le mani sporche, mica se le lavavano! Se le ripulivano con l’angolo del grembiule e poi facevano gli altri servizi.

Dentro la tasca ci tenevano sempre un ditale, un rocchetto con l’ago e il filo infilato, il gomitolo per fare la calza e, affianco, il fazzoletto del naso sporco.

Mah! Ora che ci penso, però, mica è vero che tutte le malattie venivano per il grembiule sporco di mia nonna. Certe volte io mi andavo a nascondere lì sotto per non farmi prendere da mia madre che mi voleva picchiare e quella, mia nonna, mi ci strofinava il muso sporco, mi ci soffiava il naso e, se piangevo, mi ci asciugava pure le lacrime.

Non è che per caso i medici che parlano di “germi sugli strofinacci” dicono fesserie?

Ora che ci penso, l’articolo mi ha fatto proprio arrabbiare! Gli devo scrivere a quello scimunito di giornalista e gli devo mandare a dire: “Signor giornalista, non devi fare impaurire i cristiani. A me, se m’è venuta una malattia non è stata per colpa del grembiule di mia nonna. Quella, la malattia, mi è venuta perché mi avete confuso la testa per la troppa igiene. Il grembiule di mia nonna mi ha regalato sicurezza e tenerezza, alla faccia vostra e degli “igienisti del cazzo” che fate impaurire la gente!”.

La parola “igienisti” l’ho trovata sopra al giornale, il resto ce l’ho messo io che mi è uscito proprio dal cuore.

_____________________________
[1] Flora Delli Quadri,
Molisana di Agnone (IS), prof.ssa di Matematica in pensione. Si occupa di cultura e politica; pur risiedendo altrove, ha conservato intatto l’amore per il suo paese d’origine che coltiva in forma attiva.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

13 commenti

  1. Gustavo Tempesta Petresine

    Ma che bella storia uscita dal cuore! I germi dai quali, molte persone che predicano, dovrebbero liberarsi: sono quelli incancreniti nelle loro teste di cazzo istituzionalizzate e conformate alla sciacquatura del culturame di regime. (Ferechete ru frà, D’addunna m’iene scìute sse pareule!)

    • Flora Delli Quadri

      La notizia che tutto quello che maneggiamo in cucina è pieno di germi è uscita veramente in questi giorni: spugne, taglieri e mestoli di legno, nonché strofinacci “sono pericolosissimi”. C’ho pensato su un po’, è vero, mi sono detta, ma per chi non ha le cognizioni scientifiche giuste, queste notizie non fanno che aumentare la confusione e le fobie di qualche mamma estremamente apprensiva. Allora la storia mi è venuta veramente dal cuore!

  2. Mercede Carlomagno

    Ma come hai fatto a scrivere in perfetto dialetto agn onese questo brillante racconto ? Comp limenti .La mandoira ….le alloine l’ euua .

    • Ho dovuto limare parecchio, perché scrivere in dialetto è proprio difficile. Sono contenta che il racconto ti sia piaciuto

  3. Flora, con questo racconto hai superato te stessa! complimenti sei stata grande, il tuo modo di raccontare tocca veramente il cuore!

  4. Sono soddisfatto che la nostra cultura e linguaggio paesano venga riproposta per poterlo anche apprezzare con i ricordi da noi paesani che viviamo a l`estero, spesso mi capita di pensare che la cultura dialettale di provincia sta morendo con gli anni che avanzano, le nuove generazioni non sembra interessati a tener vivo le nostre tradizioni di costume e linguaggio che usavano nella società dei paesi di provincia che purtroppo stanno spopolando, i giovani scappano dove ci sta il lavoro a fare i dipendenti per sostenere le proprie famiglie, manca a tanti giovani anche lo stimolo della creatività per escogitare la volontà anche collettiva di creare per far fruttare nel proprio territorio posti di lavoro, non diamo sempre colpa allo stato se nei paesi di provincia sono rimasti tutti mammoni fino a 40 anni che vivono ancora a spese dei genitori per motivo che non vogliono fare niente perché le mamme del sud coccolano troppo i figli, non insegnano loro il diritto e dovere ai propri figli e i bravi ragazzi svergognati ne approfittano sfruttando il povero vecchio che lavora per comprare da mangiare anche ai signori che fanno la dolce vita, dopo se succede le strage di sangue il vecchio a sempre torto e va anche in galera per aver sostenuto una famiglia di fannulloni che vogliono sfruttarlo e deve starsi anche zitto oppure se fa valere le ragioni si mettono tutti contro di lui, ricattato anche dalla moglie che se non la smette si divorzia, a quel punto il vecchio perde la stima della sua famiglia che lo stanno usando e anche incompreso e se gli viene il raptus da omicida commettendo una strage famigliare non e tutta colpa del vecchio sono loro che lo hanno fatto diventare un assassino……Cordiali saluti da Adamo di Zurigo nato a Carunchio 10.gennaio.1941 e dal 1958 risiedo a Zurigo

    • Flora Delli Quadri

      E’ vero quello che dici, i giovani aborriscono il dialetto e non hanno nessun interesse a coltivarlo. E così come ignorano il dialetto, allo stesso modo ignorano le buone abitudini di una volta.

  5. Pura verità , detta innanzitutto in allegria e grande ironia, ma con spirito di osservazione e riflessione e un pizzico di sarcasmo verso i moderni igienisti!
    Non mi ci sono ritrovata tanto da piccola-almeno non ricordo molto di mia nonna – morì che io avevo 4/ 5 anni – ma questo era il COSTUME usato dalle nonne delle mie compagne- Ed è il COSTUME CHE MI SONO CUCITA ADOSSO DA QUANDO SONO IO NONNA.
    Porto IL GREMBIULE tutti i giorni e TUTTO IL GIORNO e senza di esso mi sento priva di un essenziale accessorio!
    Ora ho tanti vestiti, ma anche tante “mandere”! Ho conoscenza di igiene e di contro -igiene,– specie i bambini infatti non devono essere ossessionati a non prendere i germi –perché devono pur formarsi gli anticorpi- ma uso la mandere anche per loro i ragazzi , mettendo in tasca qualche caramella o più spesso qualche euro e come passano al mattino per la scuola e mi salutano “ciao nonna “io rispondo: ” ciao tesoro, questo per il cornetto del giorno!-“
    E mio marito dice che li vizio!
    Mi piace il tuo racconto cara FLORA , perciò fai bene a scrivere ancora – la rima spicciola solo x dire COMPLIMENTI!

  6. Leonardo Tilli

    Flora Delli Quadri, ci “delizia” con un altro bel racconto in dialetto di Agnone, o meglio in lingua “agnonese” e poi tradotto in italiano, per quelli come me che non conoscono tutti i termini in uso in Agnone …
    A Fraine, il grembiule è quell’accessorio che si allaccia intorno alla vita e si chiama “ZINATe”! A Fraine la “MANDERA” è usata da diversi artigiani ed è in un unico pezzo di stoffa con un nastro che nella parte superiore permette di infilarci la testa per sostenere la parte di stoffa che copre il “petto” in modo tale che rimanga ben tesa. Alla “mandera” vi è sempre anche il nastro, “LA RIZZOLe” per allacciarla intorno alla vita, come il grembiule. Nei vari mestieri, il tipo di stoffa della “mandera” può essere diverso, ma la forma è simile per tutti. Può cambiare anche il colore della “mandera”, ad esempio i salumieri l’hanno di colore bianco, ho visto alcuni calzolai che hanno la “mandera” di pelle ed anche alcuni fabbri che scaldavano il ferro ai carboni ardenti per lavorarlo, … per fare “il ferro battuto” . …
    Belle le foto! Il racconto è molto bello, misurato, vissuto di persona nei tempi lontani: Nel ricordo vivo e pieno di affetto, traspare un mondo che non c’è più ma a cui si è ancora affezionati. Ci sembra di essere presenti e di assistere a tutte le vicende narrate, rapiti dai fatti descritti con molta naturalezza e con stile “sobrio” e … “assorbente” …
    La versione in lingua agnonese, è stata laboriosa ma per noi è affascinante, con una “freschezza” inusuale, anche se il significato di molti modi di dire ci sfugge e cerchiamo di comprendere i vari fatti raccontati dal contesto generale.
    Qualsiasi dialetto è immediato nel significato dei termini che indicano, quasi sempre, cose precise, … Tutte le cose descritte erano praticate anche a Fraine e, penso, in tutti i paesi in quei tempi.
    Leggendo l’inizio del racconto, ho subito pensato “indirettamente, senza volerlo, si era tutti, adulti e bambini, naturalmente vaccinati per gran parte dei mali!”
    Purtroppo in quei tempi vi erano malattie serie, per le quali non vi erano ancora i farmaci efficaci …

    • Flora Delli Quadri

      Leonardo Tilli, ho notato che sei molto bravo nel “recensire” gli scritti. Con i tuoi commenti anche gli scritti più semplici si arricchiscono di significato. Grazie

  7. Mamm’Ofemia aveva la mandera sull’abito scuro e, nelle tasche, un fazzoletto non proprio candido. Quanta tenerezza mi fa il ricordo di queste persone che, ormai, non sono più tra noi.

Rispondi a MARISA GALLO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.