Home / Cultura / Cultura Popolare / Luna ‘nnammerata

Luna ‘nnammerata

di Angiolino Iavicoli, nativo di Castiglione, Triventino di adozione. [1]

La luna sul borgo

 

Luna ‘nnammerata

La luna quand’è notte e fa le calle
lassa la gende mièse a tanda luce
là ,‘nghella chièzza dove sembra iuorne
e zitte, de nascuoste, vè da mè.

Essa ce mètte tièmpe p’arretrevarme
mièzze a le ruarèlle de le Colle, ma
‘nghe le lecore sijè e ‘nghe neccone de paciènzia
guarda le porte de le cèntre andiche

manna le riègge sijè dentra a le stiènze
e do’ me tròva a loche za reposa.
Essa è precisa. Tutte le sère ze fa vedè da mè:
s’è ‘nnammerata, e nesciune sa pecchè.

E pecchè, mièse a tanda gende, ha scilde proprie a mè
Quande me parla me dice sempre ca le mare è bielle
ca essa s’arrespècchia sopra a isse
pe’fazze bèlla quande vè’ da me.

Me dice pure ca chell’acca amara
so’ lacreme d’amore che notte e iuorne
ijè èscene pe’ me.

Cierte volde je pièce a pazzeijè
e fa juoche d’amore pe’ fa penà a mè
essa arrète ale nuvele fa
quattre zumbe allègre
ma pu’ arrèsce pe’ fa chendiènde a mè

Ijè pure facce a essa co’ despiètte
co’ volda m’annasconne sotta a le liètte
ma essa vince sèmpre e m’aretrova
‘nche le riègge sjiè
me dà ne vuasce e pu’ ze n’arevola

A la matina ‘mbrescia se n’arvà
e arrète a le mendagne ze va archelecà.

La luna gioca con le nubi

Luna Innamorata

La luna quando è notte e fa caldo
lascia la gente in mezzo all’accecante luce
della piazza dove sembra giorno
e silenziosamente, senza farsene accorgere
viene da me.

Essa ci impiega molto tempo per rintracciarmi
tra le viuzze del colle, ma con la flebile sua luce
e con un po’ di pazienza
scruta le porte del centro antico,

manda i suoi raggi fin dentro le stanze
e dove mi trova,là si riposa.
Essa è precisa. Tutte le sere viene a trovarmi:
si è innamorata e nessuno sa perché.

E nessuno sa perché tra tanta gente ha scelto proprio a me.
Quando parla con me, mi dice sempre
che il mare è bello e che le fa da specchio
per ornarsi quando viene da me.

Mi dice che l’acqua del mare è amara
perche è formata dalle lacrime d’amore
che sempre versa per me.

Certe volte le piace giocare
e fare giochi d’amore per farmi penare
essa dietro le nubi fa quattro salti allegri
ma poi ricompare per farmi contento.
Pure io le faccio qualche dispetto:

qualche volta mi nascondo sotto il letto,
ma essa vince sempre e mi ritrovacon i suoi raggi,
mi dà un bacio e poi vola via.
 

La mattina presto se ne torna nel suo regno,
e dietro le montagne, tutta felice, va a dormire.

 

Angiolino Iavicoli



[1] “Iavicoli Angiolino nasce a Castiglione Messer Marino nel 1943. Vi trascorre da scavezzacollo la fanciullezza. Per motivi di studio trascorre l’adolescenza e la gioventu’ a Trivento e a Chieti, dove completa gli studi classici. Si diploma a Trivento dove insegnera’,  fino al 2004, nelle scuole elementari. Gia’ dagli anni giovanili mostra una particolare inclinazione verso la poesia. E’ interessato alla cultura locale, italiana ed europea. Segue I problemi e le vicende del nostro territorio ed approva in pieno le finalita’di ALMOSAVA. Ha partecipato ad alcuni concorsi poetici in cui si e’ fatto onore classificandosi nei primi posti.

 

About Angelo Iavicoli

Angiolino Iavicoli, abruzzese di Castiglione Messer Marino, sin da ragazzo mostra una particolare inclinazione verso le discipline umanistiche, in generale, e la poesia, in particolare. Vive tra Trivento (CB) e l’estero; appena può, va a ritemprare mente e cuore nel suo Abruzzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.