Home / Cultura / Cultura Popolare / Lu Testamente de zi Carminucce

Lu Testamente de zi Carminucce

Poesia di Modesto Della Porta [1]

Schermata 2016-07-01 alle 11.24.30

Lu Testamente de zi Carminucce

1_Chi? mòjeme? Ma quelle è na sanguette
che pense sole a beve’ bicchïrine!-
dicè’ zi Carminucce de Fraschine-
Ecchele chi ce tè lu core’ mpette,
‘st’asine!…n’à bbuscate di quatrine!…
Vint’anne che trascine ‘sta carrette!…
Mejje ‘nu ciucce quande t’arispette,
che de tené’ na mojje cervelline…

Povera bestie ! Ma lu monne gire,
i’facce anim’a Ddi, robba a chi spette:
à da finì pe’ te ssi patiminte!_
L’asine accunsentè, ma vulè ‘ dire:
-Fammele magnà mo quattre favette
nen già quand’arimane senza dinte!

2   Se more Carminucce, e tutte quante
l’amice, li parinte, li cumpagne
tutte aspettave e te sintive a piagne:
_Che galantome! Ddie che sentimente!
-Che core bbone, tutte l’arimpiagne!-
Ma quande cumparì lu testamente,
addove ci dicè’_L’ore e l’argente,
tutta la robba mé’ casa e campagne

le done all’asinelle de jiudizie,
mojieme à da pensà’ pe’ l’animale
e quande sta bestiole senza vizie
si more, le quatrine c’arimane
je se dà spenne tutte a funerale-
a li parinte attàccheje le mane!…

3 E a une a une, chi ca stave male,
chi avè’ che ffa’, chi nen se sentè bbone,
se l’ome squajie a bballe pe’ le scale.
E chi dicè: -Che bbella ducazione!
Che pazze a ddà la rrobba a n’animale!
E n’avetre:-V’à fatte’mpressione?
A n’asine? Na cose naturale…
L’à date a lu cumpagne sé ’n persone!-

La moije sole s’abbraccià la croce.
Disse:-Prehème Criste e Sant’Antonie
che me le fa campà’. Queste è la vite!-
S’acchiappe l’asinelle e, moce moce
cumenze a farije tanta cerimonie
gni quande avesse state lu marite!

4 Je fece le trecciole a la crinire,
lu brode calle sempre a chell’orarie,
la pajie fresche, cagnamente d’arie…
L’asine a quande tenè ‘mmente’n gire!
N’ce se truvave! Ma lu proprietarie
è ‘n’arte che s’ampare e vote e gire…
l’asine z’ammezzà, cagnà manire,
arincurnà le ‘recchie, e nche che arie!

Nen’ je piacè na cose? Sfruscïave,
e z’arlungave e ze facè nu sonne,
trumente la patrone je cantave:
_Sci re, sci ’mperatore, ninna- nanne,
culonne de stu monne , ninna-nanne,
puzza campà’ cent’anne ninna-nanne.

5 _Cummà’ , bon giorne!_SS…nen fa’ remore,
l’asine sta a ddurmì! -Nen ci’avè penzate;
gnà sta?-Come vuo sta’?Fa lu signore,
magn’ a lu secchie e jacce delicate.
Però tè chelu vizie arradicate:
se n’ arevà verse la magnatore._
-Attacchele!- Me tire le zampate!
N’ze truvasse ‘nu mastre prufessore

pe’ farmele ‘struì?_Cummà’ te sbeije,
ca certe cose ‘nen ze venne a chile!
A n’asine lu studie! Sci è mejie,
ma da l’ardiche ce po’ sci ‘ lu giije?
Si ‘mpara a fa ‘ nu raije chiù civile,
ma sempre raije è! Nen te le cunsiije.

6 Cummare sé è sempre n’animale!
_Ma tu che animale!? E’ nu bbrihante!
de paije nen n’assagge manche tante,
se nen è jerva fresche nen je cale…
Quande ce sta va bbone e se no… cante!
_Sa che vu fa’?Prucureije n’ucchiale
verde, falle magnà nge quelle ‘nnante,
la paije pare jerve tale e quale.

E pe lu reste, nen te pijà pene!
Se fa le mosse statte ‘ndifferente:
picchè la bestie, date la ‘gnuranze,
se fa na sviste mentre je fi bbene,
forse vo’ ntenne nu ringraziamente.
E’ tutt’effette de mala crïanze!

7 Povera bestie! La matin’appresse
se vede mette’n facce ‘na bandiere.
era matine e je paré’ la sere!
Tenè le smanie… nen sapè’ manch’esse…
stave gni nu ggiurate a nu prucesse!
Però la paije se le magnà a ddavere,
ije parè’ jerve e ce sentè piacere.
Ma a lu cchiù bbelle se finì la messe!

(Quande se nasce ‘nghe la mala sorte!)
Ddu tre matine dope l’asine s’ammalà:
se fu lu magnà bbone o le carezze,
l’asine si murì. Fece na morte
che n’asine sultante puté’ fà’:
l’asine se murì de cuntentezze!

8 Appena morte la patrona stesse
si parte e va a la chiese parrucchiale:
-Me serve lu preposte…C’è permesse?
dice -Sa dà’ndra’ ffà nu funerale.
-Pecché? Chi te sa morte? Ch’è successe?
-Je fece lu preposte- stave male
quacchedune?? _Gnarnò, ma è lu stesse
-j’arispunnì-s’è morte n’animale,

ma valè n’ucchie…pover’ asinelle!…
-A n’asine? che cose? Lu murtorie?
Ma te s’è ‘ nnacquanite lu cervelle?
je fece lu preposte- E queste è cose
che ne’ l’à scritte ma’ nisciuna storie!
Si dice po’ ca une è nervose!

9_ Ma sinte!-Je facè la puverelle.
-Ma che ce vu’ sintì!? Quest’è ‘n’uffese!
E già tu mo te cride ca la chiese
è na puteche o è nu macelle
a ddove une entre a ffa’ la spese
e cape:- Damme queste , vuije quelle ,
mi piace lu crapette e no l’agnelle,
piijeme sta cussette che st’appese,

fammece capità la rignunate…-
La chiese! Tu capisce che cuntegne
ca da’ tené? Nu loche cunsacrate!
La ggente certe vôte, è capace
che nen ce se fa’ ‘ntra’, se nen è degne.
Nen me fa’ avvelena’ , va ‘n santa pace!

10 _Ma queste nen è n’asine currente-
facè la puverelle- famme dire:
marìteme, che pozza sta cuntente!
j’avè lasciate vintemila lire,
e si ca gnà dicè lu testamente?
<St’asine à da’ campà’ senza penzire,
e quande more , chelu rimanente
serve pe’ lu murtorie…>E nen c’è che dire !

Se signirì l’ù fa ‘, puzza avè bbene:
se no mo vaije a n’atre, e Ddiì pruvède,
mo trove une chiù de core bbone!-
-Se è cuscì, se nen ze po’ fa a mmene,
-je fece lu preposte- mo se vede
de cumbinà’ , de fa’…n’eccezïone!-

11 Lu sacrastane che sintì la cose,
fece: -Ma… Reverende…piane, piane!
A n’asine!!   E’ troppe scandalose!
La ggente che pô dire…E che dïane!
-Che c’è? Mo te sci fatte scrupolose
-Jà rispunnì- va’, sune le campane …
fa leste! Che chi sa gna va finì la cose!
N’avesse cagnà ‘ vie, smuve ‘sse mane!

-Mo vaije sci, ma… quande a lu remusse
sa da’ cantà’ lu nome de lu morte ,
che gnà s’à da’ chiamà: bestie da some?!
-Fa leste ca ce sta lu struscia-musse…
Giarmaije! Ce se fa na vucca storte.
Tè le quatrine?… E tè pure lu nome!…

12 – Uh! Quanta gente! Guè, nu funerale!
_Che bbelle carre ! -E quante fiur ’appese!
_Gnà sone le campane zi Pasquale!
-Sti prijete gnà canta sci l’ntese?
_La bbande !-Lu cunsiije comunale!
Ma se n’avute ij ‘ na bbelle spese!
Guè, nu trascurse? scanzete, Terese,
famme sentì, chi è? -Lu menescale!…

-Guè, bella fè’, nen m’acciaccà lu pede!
-Mi ti sti mette ‘nnante…Za Flumène,
lu citle a ddoò à ite? Nen ze vede!
-Carmè, pecchè sti ‘piagne’ ? o stupetone!
Pe n’asine te pije tanta pene?!
-Zitte, sta tené ‘ mmente la patrone!…

13 Ma lu preposte nen penzave ancore
a quelle che puté succede ‘ appresse.
A quande vede chela sera stesse,
na lettere…Chi ere? Monsignore!
A lu preposte je tremà lu core.
Forse penzà:- Mo se ne va la messe!..
Partì, ma bianche che gni n’ov’ allesse!
Appen’arrive alloche , Monsignore

cumenze:-Bella facce da brihante!
Queste ci- a rimancave pe’ la cchiese!
Mo sinte, sucialiste e protestante!
‘Mmece de fa vedè ca sême uneste
mi fi sentì se sorte de surprese?
Ma…ci penz ’ij…t’acconce pe’ le feste!

14 -Sissignore,gnorsì .Vostr’Eccellenze
-je fece lu preposte – ha raggione,
ma forse je so degne de perdone…
-Niente, né perdone e nè ’ndulgenze…
_Aspitte ! N’abballà sinte lu sone!.
nu cane pure merite clemenze!
Lìggete apprime ‘n tutte sta sentenze
(caccià lu foije de la dunazione)…

E quiste è li quatrine… tale e quale,
che a farle perde’ me dulé lu core!
Anze …sa che vu fa’? Paghe le spese,
lu reste…te ne facce nu rijale..
-Povera bestie!-fece Monsignore –
L’avàte seppellì dentr’ a la cchiese!


[1] Modesto Della Porta, abruzzese di Guardiagrele, 1885/1938 è stato un poeta italiano. Esercitò il mestiere di sarto. La sua cultura quindi, più che nascere dai libri scolastici, derivò dalla conoscenza dei proverbi e delle tradizioni abruzzesi. Gli si dà il merito di far conoscere la vita delle genti abruzzesi di un tempo: una vita povera, umile e fatta di immani sacrifici.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. Questa lunga poesia di Della Porta -SONO 14 SONETTI ASSEMBLATI, con un unico tema- è semplicemente grande, significativa, piena di ironia ,di sarcasmo, di dolce attenzione di un padrone vecchio stampo verso il proprio animale – non certo verso la moglie- di sottomissione della stessa al marito anche dopo la di lui morte, di spassoso cameratismo fra comari, ecc ..

    Posso dire un segreto? è il mio cavallo di battaglia, nel senso che io amo Della Porta , mi diletto a recitarlo con amici, divertendoci, ma anche riflettendo quando siamo insieme, sulle situazioni strane da lui descritte, che ancora oggi insegnano come comportarsi e/o cosa evitare di fare, proprio dalle parole dello strano TESTAMENTE DI ZI CARMINUCCE.

  2. Leonardo Tilli

    Modesto Della Porta, nella poesia “Lu testamente di zi’Carminucce”, ancora una volta ci fa pensare …
    Tutta la poesia è imperniata nella tristezza di una situazione irreale che non ci porta al solito sorriso finale gratificante di compiacimento ma … ad un “sorriso amaro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.