Home / Cultura / “Lu suole sta nnu luorghe, ma passe lu struitte” il sale sta al largo ma deve passare lo stretto!

“Lu suole sta nnu luorghe, ma passe lu struitte” il sale sta al largo ma deve passare lo stretto!

Racconto di Marisa Gallo

HALLOWEEN, la festa della zucca è prossima…a me ha RICORDATO ….

Antefatto

A la RESELLE, in questa ns casetta di montagna, sul pianoforte un piccolo mortaio di pietra ha sostituito quello di legno, trafugato dai ladri, in una delle tre “visite” negli anni scorsi… Seduta su una comoda poltroncina, metto da parte la settimana enigmistica, e mi abbandono ai ricordi…in dialetto…..ma li ho, poi, trascritti anche in lingua per coloro che non hanno dimestichezza con il dialetto di Montefalcone nel Sannio.

____________________

 L’aria fuine de sta jurnote chiare de uttobbre e de seole, che è tramentate arrete a lu MURRONE, è deventate frezzantelle; ccuscioì, finalmete libbere da le ‘mpegne, me stinghe a gaude stu cuolle sencere senza fa’ ninte. 

Da lu veitre trasparente, ‘nnenze a la stiufe, appecciaete già da nu pare d’ore, voede la hiemme allegre e gagliarde.

Parecchie anne fa, a lu puste de la stiufe ce stoeve ‘na belle cemenire ad anguele- nche le steipete de praete- che scallave la case; cemenire fatte da “mastr’Antonio D’Ascanio , murateore de Roccamorice, c’ha custruite piure sta casaetta ns de mentagne…

Vole ‘nche lu penzire e m’artrauve ‘nnenze a la cemenire de la casa mae- anno 1930 – fatte da patreme Emilio Gallo ” mastre murateore” de Muntefalcheone. 

Ddu cemenire: tutte e ddu belle, ‘nche le steipete de praeta ghienche, ma ‘nche lu stesse difitte de teragge; tutte e ddu nen funziunoevene tante bbune: z’aveva tenaè nu ccone aperte la porte de lu piane de sopre, pe’ na piccuele currente d’arie…..

‘Ncoppa a lu piane massicce de praete de tutte e ddule le cemenire – manca a ffarle apposta- ddu mertale de legname: ‘nchesta casa nu mertale nuve e ‘ntagliaete, sule pe’ bellezze, accattate a lu mercatuine de Passe Lanciane; nnna casa mae paterne nu mertale vicchie e nneruite de fiume, screpelate, ma funziunoeve tutte le jurne, kanda sevuive nnu ccheone de sale fuine!

M’arcorde ca nnu mertale vicchie sopra a la cemenire, bene o male, ce stoeve sempre nu ccheone de sale pestaite; hej e soreme cchiù cenainne, ze le mettavame specie d’estate sopra a pane e pempedaure, pe fa’ merenda, e piure senz’uglie …che steva sempre pe ‘ fenej—gne decioeve mammà.

Tenavame piure nu mertale cchioù nuve, che forse z’adduprave a la feste (!?); stave dentre a lu stipe ad anguole ..

Le usuove piure hej da huaglieone lu mertale; ma certe volte due tre acene de sale schezzaevene e ze sprecave… e perciò speisse ere patreme che pestoeve lu suole! 

Eh, sciune, ze tuglioeve piure ssu ‘mpeicce, papà, de pestè lu suole, e juive a toglie le loene a la cantuine pe’ lu fuche, se ce ne stavene pauche. Ere forte e sveilte: piure s’armenuive stanche da la fatouie ere attente …E papà facioeve lu murateore: nu mestire tuste e diure. 

Ecche, mau la cemenire ‘nchesta case nen ce stà chhioù; ma sopre a lu pianeforte, a lu puste de lu mertale de legname, ce ne sta iune de praete, senza lu pesteille: è bbille, ma ‘ntè caleore, ‘ntè lu sune de quoille arrubbuote da le latre- ‘nsembre a n’ueltre de bronze cchiù ceneinne e certe cause de rame…- nè lu suone de quoille cchiù broutte de la cetelanza mae, che m’armaste ancheore nne raicchie e forse nu ccheone all’alme”

Mau piure la case paterna è cchiù vecchie, jelate e chiuse! E papà nen ce sta chhioù da tant’anne!

Manche nu fuile de fiume da la stiufe; perciò è tutte “puluite e bbune”lu cualeore che già z’è spalejaete pe’ la cuciuine, e che va sopre! Intante la canna vellente, meglie de nu termosifone, scalle lu bagnette mmezze a le cambre. Mannagge! Però lu teragge de le ddu cemenire ere mmece deffeicile; se z’aggeraeve nu vinte gne nu’ndruvareille, la voire ecc alleore la cemenire z’aveva stutoè, sennau ze faciavame nuire piure nou, nen sulamente la case…

Ccuscioì 10 anne fa, a lu “cuambie de la guardie” lu jenire mei l’ha luuoete e ci ha meisse sta belle stiufe…Eppiure quasce arpense all’antuiche, kande assettate de spalle ‘ncoppa a lu chioene de la ceminire, certe volte me facioeve le “furneitte”, che tante me piacioeve, come se la hiemme me dave na “rattate ” delecate a le spalle… 

E piure le pide ere belle a stennele: ze facioevene calle calle, e me menuive lu sunne e m’aveva scanzà, sennò me l’abbruscioeve, come Pinocchie sopra a lu vrascire, che ere sule pettate, ma ‘nche la hiemme allegre! 

Ma veramente comode e assettate, arpense ca l’Ebbrei nnu deserte, mentre Mosè l’arpertave verse la TERRA PRUMESSE, arpenzavane a le cepaulle de l’Eggitte, e invece tenoevene ‘nnanze a laure… la manne che culoeve da le chiente….

Couscioì hei: stinghe a ‘rchiegne na cose antuiche, nen tante bbelle …ma ‘ncore vuive. Forse nen capische ca lu paraduise ne me l’ae spettà de llà, e che m’avesse ‘mparà a campà pe’ lu timpe che m’armaste, nche cchioù bone caorel! 

Caesta è nustalgie!!!!

Ma pecchai, a le timbe mei, de huaglieone, ze vennoeve sulamente lu suole grusse?E veramente ze vennoeve sole “sfiuse”? 

Lu salarule le tenoeve nnu bancheone – ‘na casce de legname- e nche ‘na “mesiure” d’alluminie o de legname, le tuglioeve, pe’ pesarle.

Po’ le mettoeve a nu cuartocce, come nu metteille, fatte de carta ggialle. 

Z’accattave nu cuile a la volde, e veramente piure mizze cuile: le solde ere pauche … e lu suole ere care! Ma canna z’accedoeve lu purche, allore ze n’accattave tante pe’ salà lu presoutte, la ventraesche, lu luorde. E all’uccasieone, pe’ ffà’ pruime, lu suole ze pestaeve,, piure ‘nche na betteiglie, forte di veitre…sopra a la tavele , addò ce s’ammassave le sagne e la “paste “de le salcicce, rausce de ijaveleille!O assapruite ‘nchelu finucchiette!Che ddore stuzzecarille ‘nna cuciuine, quande ze mettoeve a sfreije na fessurelle de salcicce appena fatte! Anze m’arcorde ca za Giunuueffe , ‘na zije mae che ce menuive a ijutè a spezzà lu maiale, cacche volte me facioeve leccà’ nu ccheone lu dite sei. <Vuide se sa de sale>! E deceove sempre nu pruverbie antuiche: le suole sta ‘nnu luorghe, ma eda passà lu struitte. 

Che timbe kand’ere huaglieone!

Nu iurne ze mettettere a descute papà e zieme: ‘nsacce come e peccai.

Za Genuueffe decioeve che lu pruverbie” lu suole sta ‘nnu luorghe ma eda passà lu struitte z’arreferuive a lu fuotte ca lu suole -ne’ timpe antuiche sei -le priume anne de 1900- ze mettoeve dentre a ‘na “checaucce curijeose”, nche la panze larghe e lu culle streitte, e nen ze faceove calà a ijummelle, de sbetuine; ma “chiaene acchiaene” ze faceove calà ‘nna maene, che, cchiù larghe o cchiù straette, facioeve la mesiure pe’ lu magné: nen z’veva sprecà e nn’aveva jei’ nterra, ca pertave desgrazie! 

< E po’ vede’ndenne, frate mei,- ca a nu cristeione, puurille sei, che nen pò capeì nu raggiunamente, je ze duice piure :< Nen te’ lu suole nna checaucce!> . 

Patreme, ‘mmece, cchioù giaune de zeieme, ‘nzestoeve: 

<Ma Genuueffe, senteme a mmae: sarrà piure gne dice tu, ma croede ca lu pruverbie de lu suole z’arreferuive cchiù a LU STRUITTE DE MESSINE! … Messina, che è state destrutte da nu terremote forte a lu 1908- kanda so’ nate hei- sta proprio a lu struitte, addò passene tutte le nave, che vanne e venne da la Sicilie e portene merce e passeggire…e piure lu SUOLE!.. Lu cumpuore mei, Peppe de Cianne, che cià pegliaete la mauglie a la Sicilie, addò l’ha canesciute kanda c’è ijute a ffà’ lu sulduote, duice sempre che allaoche ze venne tante sale e coste de moene, e kanda ce va, heisse z’arporte ‘nche lu ferribot na sacchettelle chioene . Me n’arijalate nu mezze cuile piure a mae, na volte! 

E’ llu uere lu fuotte che se lu suole va ‘nterre, porte desgrazie- gne duice tu- Ma è piure na desgrazie se na famiglie tè n’ommene spellecchieone, che nne ije piiece la fatouije, e nen ze guadagne manche p’accattà nu cuile de sale. Proprie come è ‘na desgrazie se ‘na famiglie tè ‘nu puurille- come Ciannine nustre! BONALMA !!! Che nn’ ere bbune nè a fotte, nè a ffà’ la spouije, ma cuscì l’avè fatte lu Patraterne. Heisse nn’avute nisciuna caulpe, se nen è state capace manche a puté accattà lu suole…e hej he ‘vute pruvvede a toutte! 

Hei adduseloeve ZEITTE … M’arcurdoeve de zi Ciannine, che z’avè muorte da pauche, che nen parlave bbune …ma a mae me pertave cinciacolle, kande hej ere proprie cenainne, o pe’ la maene! Messina nen me decioeve niente …’Mmece m’ere capetate piure a mae ‘na volte de vedài ‘na vecchiarelle de lu muocchie, che tugliette ‘na pezzechaete de sale da ‘na checaucce e le mettette ‘nu cuallarille, che vulluive appuise a lu fuche de la cemenire… Perciò veramente ere quasce cchiù d’accorde ‘nche za Genuueffe…

Piure de lu suole, cuscì cumuine e necessarie ‘nna case ( che ce ne stave tante all’Italie- che allore piure teneve attuorne lu muore salate) capetave che z’armanoeve senze e ze iuive a cercà ‘mpriste a lu veciuine, nche na tazzetelle e je z’arpertave, peccai ere preziuse e ce se guardave, senza sprecarle, senza husarne naquelle..

Alleore ze magnaeve’ nche poca sale ;” la necessetà” ere nu pregge.”… 

Me pare d’arcurdò ca nu cuile de sale custave trenta lire, forse attuorne a lu 1950! 

Ma, ma… a stu pounte me ve’ nu ‘mpicce a la cocce, na cause nen tante bbelle! E quasce quasce cerche d’armannà la storia… 

…..Nu ijurne, gne facioeve speisse, eh’ vute ijei a ccattà nu cuile de sale: e m’arcorde bbune nu fuotte: lu suole z’aveva puloì pe’ fforze, peccai tenoeve ‘nfrascate le pizze de terre- la roene de lu muore- 

Hei ere celluine kanda ere cennainne… A la scaule ere attenta a la spiehazione de la maestre mae, la signorina Giuseppina MANCINI, e hei NEN facioeve cummedie… Ma kanda me cummannavane a ffa’ na mmasciatelle, me piacioeve caurre pe’ la vouije, e forse nn’ afferrave bbune lu penzire ca la “pazzuije” z’aveva fà’ a lu mumente e nnu puste juste e ca sempre z’aveva guardà bbone addò ze mettoevene la cocce, o meglie le pide!

Pe’ farla abbreve accattive lu suole… e lu salarule me le mettette nna “mappuine”, che m’avè date mammà…. 

Cuscioì la “mappuine” z’acchiappave pe’ le quattre peizze e ze pertave a la case…

Ma CHISCICIUISE! Se lu diuevele dentre a la “mappuine” nen ce mettoeve la cheode longa sae, tutte juive bbune!…Coma è successe tanta volte, nna vita mae de huaglieone , pruime de quoille jurne, che stasechiure nen me le scorde! 

Mbè’ stave arrije a la case e chiuueove e ze precepetava l’acque pe le scaele! A lu paioese mei ce sta na scala longa- longa, da lu “Cumminte ‘nna vianauve, a lu Muocchie”,’nna mentagne… Hej veramente abbetave pe’ la vianauve, veciuine all’edificie de la scaule; piure le facioeve le scalitte, ma nno gne chille huagliune de lu muocchie, che pe’ menì all’edificie, tutte le matuine z’avevene precepetà, kanda sunuoeve la campanelle, per arruuà ‘ntimpe!!! Sennau la maestra nne le facè ‘ntrà – chhiù de nu pare de volte- a chi facioeve ritarde ! Perciò chille de lu muocchie -specie le huagliune ummene- erene cuscì veloce e svelte, e kande ze ijucoeve pe’ la vouije a mazze e cuzze o ze curroeve, cheille “frecavene toutte”!

Nne le vuleisse arcurdò’ quille che m’à capetate, peccai me cauce, anze m’ngenne e hè salate !

……Me capetatte ca mentre scegnoeve, vuleve fa’ svailte, e zumpoeve pe’ le scaele, mmece de camenè e…..… sciuulive!!!!

Allucchive —Ma chi me sentuive?!!!!! 

Chella mappenelle- mannagge!!!! Senza le noude a doppie, gnè mammà m’avè’ ‘rcummannate de fa’, z’aprette e lu suole ze squagliette come nu saloustre pe ‘ l’acque de le scaele … !!!!!Nna mappuine nen ce armanette manche n’acine de sale, sulamente ddu tre pezzeitte de terre! 

E m’arvenne mmente za Geneurffe (e la desgrazie se lu suole cadoeve’ nterre!)

Lacreme, desperazione!! Pe’ furtiune..ca chella volte nn’ aveva accattà piure ddu / tre alfa, le sigaraette che ze fumoeve papà…sennò piure a laore- le segaraette- ze l’avesse nghiuttuite la hioeme. Hej m’arrizzive soubbete da ‘nterre, pe’ la paure però nen penzave a la cosse che me duloeve, ma a lu SUOLE, che nen ce steve cchioù!

Chi ije le decioeva a mammà!? Chi me putè salvà da quattre scaffiune!?

Proprie accuscioì!!!!!! Nnè schiujse, nnè perdòne! Eh già! Ma forse pe’ l’arcattà- lu suole- nen ce stevene manche le solde !!?

Però me ‘mparive la lezzione!!!

Chella soere nnna “pizze e fauglie” ce steve sole nu ccone de sale, c’avè armaste pe’ case nnu murtale cchiù nuve…La menestre sapoeve sule de larde e d’aglie sfritte, sembrave na pizze scimie e nen me vuloeve proprio calà ‘nganne! N’altra piccuela disgrazie, che m’attucchoeve a gliautte…- e zitte e miusce!

Ma sa de sale mmece queille recurde, che nen z’è squagliaete! 

Perciò ogne volte che sente o voede lu suole o nu mertale, m’arvè mmente lu pruverbie antuiche de patreme e de zijeme, ma specialmente quoille ijurne che chiuuoeve e che mettivi”” lu suole all’acqua (nno pe’ cauce le maccariune ) ma peccai zumpetteioeve senza penzire!

Sonne passate cchioù de 70 anni d’alleore! 

Certe mau nen facce cchioù zumpeitte -e mare a me- pe’ lu colesterolo, gne duice lu mideche -heie usè poca sale e speisse mea magnè la menestre a “pizza scimie!” 

M’è ‘rmeniuite lu ciuruille!? Beh, nu ccheone scei! 

_____________________

Traduzione in lingua

Il sale sta al largo ma deve passare lo stretto! 

L’aria fine di questa limpida giornata ottobrina, di sole, che ormai è tramontato dietro il Morrone, si è fatta frizzantina, così, finalmente libera da impegni, sto a godermi un tepore tranquillo, senza far nulla. 

Dal vetro antistante e trasparente di una stufa, accesa già da qualche ora, vedo la scoppiettante fiamma, allegra e vivace. Alcuni anni fa, al posto della stufa c’era un grande camino ad angolo- con antichi stipiti in pietra – che scaldava l’ambiente, camino fatto da mastro “Antonio D’Ascanio, muratore di Roccamorice e costruttore di questa casetta di montagna… Con le ali della memoria mi ritrovo davanti al camino della mia casa paterna- anno1930 – fatto da mio padre Emilio Gallo,” mastro muratore” di Montefalcone. Due camini: entrambi stessa bellezza degli stipiti in pietra bianca, ma affetti dallo stesso difetto ..di tiraggio. Entrambi, per un buon funzionamento, necessitavano di avere una piccola corrente d’aria, creata tenendo aperta la porta delle scale, che portava al piano di sopra. 

Sulla spessa mensola in pietra dei due camini, con un parallelismo inconscio, due mortai di legno: qui, in questa casetta di montagna, bello, nuovo ed intagliato, solo ornamentale, comprato al mercatino di Passo Lanciano, lì nella casa paterna, un mortaio piuttosto vecchio ed annerito di fumo, un po’ screpolato, ma funzionante, usato quotidianamente, quando serviva un po’ di sale fino! Lo usavo anch’io quand’ero ragazzina, il mortaio; salvo che qualche chicco schizzava birichino per aria e…si sprecava; perciò più spesso era mio padre che “pestava il sale”! Sì, si prendeva spesso anche il compito di triturare il sale, papà, né si negava di andare a prendere la legna in cantina per il focolare, se ce n’era poca. Era forte e veloce, pur se tornava stanco dal lavoro, era disponibile … E papà faceva il muratore: un mestiere duro e faticoso!

ECCO, ora non più sul camino rimosso, ma sul pianoforte, al posto del mortaio in legno ce n’è uno in pietra, senza pestello! Pur bello, non ha il calore, nè il suono di quello di legno sottratto dai ladri- insieme ad un altro più piccolo di bronzo, ed altri oggetti in rame – né il suono di quello più malandato della mia infanzia, che mi è rimasto ancora nelle orecchie e forse un po’ nell’anima! 

Ora anche la casa paterna è più vecchia, fredda e chiusa! E papà non c’è più da tanto! 

….Non un fil di fumo dalla stufa; perciò è tutto calore “pulito/ reale” quello ormai già sparso per tutta la cucina, che sale, sale anche al piano di sopra, mentre la cappa bollente, meglio di un termosifone, scalda il bagnetto fa le due stanze. 

RICORDO che il tiraggio dei due camini diventava invece difficile tanto più se “girava” un vento capriccioso… la borea ecc, che a volte costringeva a spegnerlo, il camino, altrimenti saremmo diventati anche noi neri e non soltanto la casa…

..Fu così che 10 anni fa, al “cambio della guardia”, mio genero decise di eliminarlo, adottando la soluzione di questa bella stufa. Ma vuoi mettere l’opportunità “atavica”, quando seduta di schiena sulla soglia del camino a volte il caldo mi permetteva di farmi i fornetti, gradevoli come grattini alla mia schiena !? O coi piedi stesi verso la fiamma, che diventavano bollenti e conciliavano il sonno, tanto da rischiare di bruciarmeli come avvenne a Pinocchio sul braciere/ dipinto, dove pure la fiamma scoppiettava allegra!? Insomma qui comodamente seduta rifletto come gli Ebrei, guidati da Mosè, nel deserto ancora dubbiosi, tornando verso la Terra Promessa, rimpiangevano le cipolle d’Egitto ….mentre la manna colava dagli alberi, lì a portata di mano… Così io sto rimpiangendo qcsa di lontano, meno bello, ma ancor tanto vivo.

Forse inconsapevolmente non comprendo che il paradiso non devo aspettarlo, ma che dovrei imparare a vivere con più serenità il tempo che ancora mi resta! 

Questa è nostalgia!

Ma perché a miei tempi d’infanzia si vendeva SOLO SALE GROSSO? 

E, come se non bastasse, si vendeva “sfuso”!

Cioè il negoziante lo teneva in un banco- cassone, solitamente di legno, da dove con una “misura “ di alluminio o di legno, pure essa, lo attingeva per pesarlo. E quindi lo metteva in un cartoccio, come un imbuto…fatto con la carta paglia.

Di solito si comprava un chilo alla volta, o addirittura mezzo chilo, perché il sale era caro! Eccezion fatta per il tempo quando si ammazzava il maiale, e allora se ne comprava tanto, per salare il prosciutto, la ventresca, il lardo….e all’occasione, per essere più veloci, il sale si triturava con una bottiglia di vetro forte, sulla tavola, dove si impastavano le sagne e la “pasta” delle salsicce, rosse di peperoncino! O insaporite col “finocchietto!” che odore accattivante in cucina ,quando si friggeva un po’ di salsiccia fresca…

Anzi ricordo che zia Genoveffa, una zia paterna, che veniva ad aiutarci a “preparare i salumi”, mi faceva leccare il suo dito <Vedi se è giusto di sale!!> E ripeteva un antico proverbio: ”Il sale sta al largo, ma deve passare lo stretto!”

Che tempi, i miei tempi d’infanzia! 

Un giorno si misero a discutere papà e la zia: non so come e perché…

Zia Genoveffa diceva che il proverbio”il sale sta al largo ma deve passare lo stretto! si riferiva al fatto che il sale-ai suoi tempi antichi di ragazza- ai primi anni del noveceto-si conservava dentro una zucca strana, con la pancia larga e il collo stretto …e non si faceva scendere a pugno, di colpo; ma piano piano si faceva calare nella mano, che, più larga o più stretta, faceva da “misura” per il cibo: non si doveva sprecare e non doveva cadere a terra, pena un brutto accadimento in casa. E continuava :< Fratello mio, pensa che di un “cristiano poverino” che non può capire un ragionamento, si diceva: ”Non ha sale in zucca”

Mio padre invece, più giovane della zia, insisteva:

<Ma Genoveffa, ascoltami, quel che dici sarà vero, ma credo che il proverbio del sale si riferiva allo STRETTO DI MESSINA…Messina , che è stata distrutta da un forte terremoto nel 1908- anno della mia nascita- sta proprio sullo STRETTO, dove passano tutte le navi, che vanno e vengono dalla Sicilia, cariche di merci e passeggeri…ed anche di SALE!

Il mio compare, Peppe di Cianne, che ha preso moglie in Sicilia, dove l’ha conosciuta da militare, dice sempre che lì si vende tanto sale e costa meno e lui quando ci va se ne riporta un sacchetto pieno. Me ne ha regalato una volta oltre mezzo chilo!

E’ VERO Il fatto che se il sale cade porta disgrazia, come tu dici. 

Ma è anche una disgrazia se un capofamiglia è uno sfaccendato, senza voglia di lavorare e per cui non riesce a guadagnare neppure per comprare un chilo di sale…Proprio come è una disgrazia se il membro di una famiglia, poverino, è come GIANNINO nostro-BUON’ANIMA! Che non era capace né per un imbroglio, né per un lavoro “serio”, ma così l’aveva creato Dio. Egli non aveva alcuna colpa, se non è stato in grado di poter comprare nemmeno un chilo di sale, ed io ho dovuto pensare a tutto! >

Io ascoltavo in silenzio…Mi ricordavo di zio Giannino, morto da poco, che non parlava bene…ma mi portava sulle sue spalle quando io ero proprio piccolina , oppure per mano! Messina non mi stimolava affatto…Invece era capitato anche a me una volta di vedere una vecchietta del “macchio” che prese un pizzico di sale da una zucca e lo mise nel piccolo paiolo, che bolliva sul fuoco…

Perciò io ero quasi più d’accordo con la tesi di zia Genoveffa! 

Anche del sale, così indispensabile in casa, così comune, e forse alimento abbondante nel nostro paese Italia-circondata pure allora dal mare salato!- capitava che si restasse senza e si doveva chiedere in prestito al vicino, con una tazzina ; e poi bisognava restituirlo: esso era prezioso e si teneva in gran conto, senza sprecarlo, senza abusarne… 

Sana pratica NUTRITIVA, che faceva di necessità virtù… 

Mi par di ricordare che un chilo di sale costasse 30 lire forse intorno al 1950!

Ma, ma … a questo punto un cruccio, più che un ricordo, fa pressa alla mia memoria …e quasi vorrei tergiversare per non dire altro… 

… ..Un giorno, come accadeva spesso, fui mandata a comprare il solito chilo di sale, che ricordo bene, bisognava pulire obbligatoriamente, perché spesso vi si trovavano insieme pezzetti di terra- sabbiosa…

Io ero tanto vispa da piccola… A scuola ero attenta alle spiegazioni della mia maestra Giuseppina Mancini e NON facevo chiasso…Ma quando mi davano un incarico, mi piaceva correre per strada e forse non afferravo il concetto che il gioco bisognava relegarlo al momento e nel luogo giusto e che in taluni momenti si doveva guardare bene dove si mettevano la TESTA, O MEGLIO I PIEDI! 

Insomma comprai il sale … e il negoziante lo mise nella “mappina”, un tovagliolo che mammà mi aveva dato. 

Così la mappina si prendeva per le quattro nocche e si portava a casa… 

Ma…Maledizione !!!! Se il diavolo non avesse INFILATO dentro la mappina la sua lunga …coda, sarebbe andato tutto bene, come …è stato tante altre volte, nel corso della mia vita di ragazzina, prima di quel giorno, che sicurissimamente non dimenticherò!

Ebbene stavo tornando a casa, e pioveva; e scorreva tant’acqua giù per gli scalini…ma proprio tanta ! E il mio paese è tutto una prolungata scalinata “ dal “convento sulla rotabile, al macchio, in montagna! Io veramente abitavo lungo la rotabile, nei pressi dell’edificio scolastico; facevo certo le scale anch’io, ma non come i ragazzini del macchio, che per venire a scuola al mattino, dopo il suono della campanella, dovevano “precipitarsi” per arrivare in tempo!!! Altrimenti la maestra, solo per un paio di volte li faceva entrare, in ritardo! Perciò specie i ragazzetti erano così veloci e svelti, che nei giochi lungo la strada , a mazze cuzze o nelle corse “primeggiavano”. 

Ed allora cerco di tergiversare ancora a raccontare quel che avvenne, perché il ricordo è cocente, o meglio è freddo e sa di salato!!!? 

Avvenne dunque che mentre scendevo, volendo affrettarmi, cercavo di saltare giù per le scale, più che camminare e……………… scivolai !!!!!

Gridai, ma chi mi sentì? 

Si aprì la mappina, alla quale non avevo fatto i due nodi- come mammà mi aveva raccomandato… E ..Addio sale! Sciolto in un baleno, nell’acqua delle scale!!!!! Nel tovagliolo non restò un solo chicco di sale, soltanto due/ tre pezzetti di sabbia!

E mi tornò in mente zia Genoveffa(e la disgrazia se il sale fosse caduto a terra)

Lacrime, disperazione!! Per fortuna quella volta non dovetti comprare 2/3 “alfa”, le sigarette che fumava papà, altrimenti anch’esse sarebbero state inghiottite dalla fiumara…

Io mi rialzai subito da terra, ma per la paura non pensavo alla mia gamba dolorante, ma a lui-il sale- che non c’era più!

Chi glielo avrebbe detto a mammà!?Chi mi avrebbe salvata da quattro schiaffi? 

Fu quel che avvenne, né scuse, né perdono… Eh già, perché molto probabilmente, non c’erano più soldi per andare a ricomprarlo…

Però imparai la lezione!!!

Così quella sera nella pizza di mais e verdura- fu messo solo quel po’ di sale che era rimasto nel mortaio più nuovo…. La minestra sapeva solo di lardo e d’aglio sfritto, sembrava una pizza azzima…(cioè un tipo particolare di pizza di farina di grano, con poco condimento e poco sale), che non mi piaceva affatto…

Un’altra piccola disgrazia che mi toccò di inghiottire …in assoluta remissione! 

Ma è ancora salato il ricordo, che non si è sciolto nel tempo! Per cui ogni volta che sento o vedo il sale o un mortaio ripenso all’antico proverbio di mio padre e della zia, ma specialmente a quel GIORNO di forte pioggia , quando ”rovesciai” il sale nell’acqua ( non per cuocere la pasta), ma perchè saltellavo senza pensieri…!

Sono passati quasi 70 anni da allora! 

Certo ora non faccio più salti e -ahi ahi—per il colesterolo, su consiglio medico, devo usare poco sale e spesso son costretta a mangiare la minestra come una pizza azzima!

Sono rinsavita!!!? beh, un po’ si’!

__________________
Copyright: Altosannio Magazine
EditingEnzo C. Delli Quadri

About Marisa Gallo

Marisa Gallo, molisana di Montefalcone nel Sannio, insegnante, amante e cultrice della Poesia, più per hobby che per professione, impegnata a restare al passo dei tempi, ma con animo caldo, non sclerotizzato dai media aggressivi.

Un commento

  1. Esther Delli Quadri

    Bellissimo il tuo racconto, Marisa, come lo sono sempre i ricordi di cui ci narri. Non sapevo che intorno agli anni 50 il sale si vendesse solo grosso! Ma che fosse un bene piuttosto prezioso è di facile deduzione se si pensa a quanti detti e motti girano con protagonista proprio lui, il sale.
    Grazie
    Esther

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.