Home / Cultura / Cultura Popolare / Lu privilegge de lu disperate

Lu privilegge de lu disperate

di Modesto Della Porta [1]

image13

Lu privilegge de lu disperate

Nu jurne pe la feste de nu sante
se stave a fa’ la fïre. A nu puntone
nu vecchie’nche nu sacche ogne tante
strillave:-Chi le vo’? Castagne bbone!-

Rimpette a isse, proprie alloche’nnante
ci s’ave’ messe n’avetre patrone,
une che pussede’, nu commerciante,
c’ave’ccunciate gni nu baraccone,

piene d’assortimente: cassarole,
ddurine, pettenesse, pazziarille,
sapune, cavezzette, camisciole,

e n’atre centemile strufanicce…
Che nen tenè?…Tinture pe’ capille,
libbre da messe, firre pe’ li ricce…

Stu negoziante grosse, a nu mumente
se mette a cimentà lu vecchiarelle:
<Cumpa’-je fece-te la pisse bbelle
‘nche ssu cummerce fatte a scartamente,

sti proprie fresche pe’ campa’ la pelle!.
Ji, no pe’ ddire, nche st’assortimente
me pozze fissija’, ma tije mmente
quanta mijàre. Ma …ssu sacchetelle!

Che gnà ce pu’campa’!?Pippe, tabacche,
tasse pustegge,’na jurnate ‘n gire
se vu’ magna’ t’ a’ da’mpegnà lu sacche!>

Lu vicchiarelle fece n’argrujàte
de spalle, n’arspunnì, ma vule’ dire:
_Quande è la sere tutt’ à mmascicate…

Ma che te succidì!? Dope n’urette
cumènze nu dilluvie, na tempeste:
fùlmene’ acque che sunave a feste ,
nu vente che face’tremà’ lu pette..
.
Cullù de le castagne, leste e preste
abberrutà la vucc’a la sacchette,
se caricà ‘na spalle e si ji a mette
dentre a la chiese. -Manne che è queste!

-fece lu ricche- Gente chi m’ajute?-
Chi vulé corre?!…Chellu baraccone
se ne vulà gni nu paracadute,

e ti vidive chelle bagattelle
‘n terre, pe’ l’arie…Ci-arrestà di bbone
ddu staije, lu bancone e…na curdèlle.

Quande lu ciele sa rifece chiare
e che si cumparì l’ archebalene,
lu vecchie s’armittì di bbona vene
e daijje a ristrillà:-Lu castagnare!-

Lu ricche, immece, che tené’la pene,
s’arivutà’ e ‘nche nu suspire amare
je fece:-‘Nci ti ‘mbusse ‘nhe ssu mare?
sti ‘ncore a èsse tu?_ O è serene

o nuvele, nen me fa ‘mpressïone
_fece lu vecchie- ca, sopr’a stu monne
lu disperate queste te’ de bbone:

che ‘mmezze a tante guaije ci s’asciacque.
Lu pesce, quande piove, nen ze’mbonne.
Pecché? Pecché ci stave’mmezz’ a l’acque!


[1] Modesto Della Porta, abruzzese di Guardiagrele, 1885/1938 è stato un poeta italiano. Esercitò il mestiere di sarto. La sua cultura, quindi, più che nascere dai libri scolastici, derivò dalla conoscenza dei proverbi e delle tradizioni abruzzesi. Gli si dà il merito di far conoscere la vita delle genti abruzzesi di un tempo: una vita povera, umile e fatta di immani sacrifici.

Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. Leonardo Tilli

    Modesto Della Porta, poeta dialettale di altri tempi, ha avuto il merito di aver utilizzato una lingua parlata e comprensibile da tutti, sia dagli abitanti delle zone costiere “dell’Adriatico selvaggio” e sia dagli abitanti delle zone montane dell’Abruzzo e del Molise. La poesia: “Lu privilegge de lu disperate” fu pubblicata nel 1933 in un volume intitolato “Tapù”, Carabba Editore. Successivamente, nel 1954 furono pubblicate le poesie inedite, editrice Marchionne di Chieti. In seguito le due raccolte furono unificate in un volume unico nel 1968 con il titolo “TA-PU’ lu trumbone d’accumpagnamente” e “POESIE (inedite)”, in una “Collana – testi e manuali n. 3” (con i tipi del C.E.T.I. CENTRO EDITORIALE TIPOGRAFICO ITALIANO – Teramo).
    Il contenuto delle sue poesie hanno sempre una dimensione “umana” di vita vissuta dalla gente comune, dalla povera gente, ed hanno sempre una loro morale, (mai a favore del potente o del prepotente), hanno sempre un loro insegnamento tratto dall’esperienza e da una conoscenza dell’animo umano che hanno portato l’autore ad una consapevole saggezza. Tutto ciò affascina il lettore che si trova sempre appagato, che viene mosso al sorriso “dalla trovata finale” la quale porta sempre ad un ripensamento, ad una meditazione profonda, ad una riflessione interiore … Le poesie di Modesto della Porta si leggono sempre volentieri e “vanno assaporate a piccole dosi” Leonardo Tilli

  2. Antonia Anna Pinna

    Hai ragione Leonardo, le poesie di Modesto Della Porta appagano il cuore e la mente è hanno un chè di universale ed eterno. Bellissima

Rispondi a Antonia Anna Pinna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.