Home / Cultura / Cultura Popolare / LU CUSCINILLE – IL SECCHIELLO

LU CUSCINILLE – IL SECCHIELLO

Aneddoto[1] Almosaviano di Benedetto di Sciullo[2] e Giovanni Mariano[3]

Quello qui proposto non è un aneddoto, ma una vera e propria fiaba. Tale favola, ne siamo sicuri, è già nota a molti. Fino ad ora però, almeno nel nostro paese, è stata trasmessa soltanto oralmente da padre in figlio. È probabilmente per questo motivo che di essa esistono diverse versioni più o meno lunghe: tutto dipendeva da quanto tempo l’ascoltatore (il bambino) doveva essere intrattenuto.

La frase ricorrente nella fiaba, “Va cchiu balle ca lu truove” (va più giù chè lo trovi) è ancora oggi usata come modo di dire a Fallo per indicare un qualcosa che non si riesce mai a raggiungere.

È inoltre necessario precisare che una versione di questa favola la troviamo, con il titolo “L’acqua nel cestello“, anche nel libro “Fiabe italiane”, una raccolta di novelle curata da Italo Calvino in cui il racconto è posto tra quelli originari delle Marche.

Qui è  proposta comunque sia la versione italiana che quella dialettale. Buona lettura.

.

Lu cunte di lu cuscinille   –   Il racconto del “secchiello”

 Ci stave ‘na mamme chi tineve ddù figlie, Graziose e Birtucce. Graziose era brave e faceve li mmasciate pi la case, mmece Birtucce era cattive dispittose. La mamme vuleve cchiù bene a Birtucce picchè era la figlia sè e Graziose era la figliastre. Siccome Graziose ere la chiù brave, la mamme la mannave sempre a pigliè l’acche, ma i dave nu cuscinille tutte rutte e l’acche zi ni sciva tutta quante. Accuscì quanne Graziose ariminive a la case, la mamme i minave sempre.

C’era una volta una mamma che aveva due figlie: Graziosa e Bertuccia. Graziosa era buona e sbrigava le faccende di casa ma Bertuccia era cattiva e dispettosa. La madre voleva più bene a Bertuccia poichè era sua figlia mentre Graziosa era la figliastra. Poiché Graziosa era la più obbediente, la mamma la mandava sempre a prendere l’acqua, ma le dava un “cuscinille” tutto rotto e l’acqua colava fuori da tutti i fori. Così quando Graziosa tornava a casa, la mamma la picchiava.

Nu juorre, mentre Graziose arinchive l’acche, lu cuscinille i sciuvilette da li miene e zi ni jette abballe pi lu vallone. Graziose zi mittette a correje appriesse, ma nin’arriscive a ricchiapparle. Mentre curreve appriesse a lu cuscinille ‘ncuntrette n’ome e j’addummannette:
“Si viste lu cuscinille miè, brav’ome?”

“Scine, va cchiu balle ca lu truove”.
E Graziose jette cchiu balle. ‘Ncuntrette ‘na femmene e addummannette pure a chelle: “Brava femmene, si viste nu cuscinille?”
“Va cchiu balle ca lu truove”
E ogni pirzone chi ‘ncuntrave i diceve la stessa cose: “Va cchiu balle ca lu truove”.
A nu certe punte vidette ‘na vecchie nniente a ‘na case e pure a esse addummannette si era viste lu cuscinille.
La vecchie arispunnette: “Lu cuscinille tiè lu so truvate i, ma prime d’aridàrtele ma dà fa nu piacere: guarde chi tienghe ‘ncocce ca mi pizziche.”
Graziose vidette ca la vecchie era chiene di piduocchie, ma pi nin la uffenne cuminzette a luvàrejele e quanne la vecchie j’addummannave: “Chi tienghe?”
La vaglione arispunneve: “Ore e prete prizijose.”
“E ore e prete prizijose ti dienghe”.
Quanna la finette di spiducchiè, la vecchie i dicette: “Prime d’ariìretene a la casa arifamme lu liette.”
Lu liette era chine di cìmmece, ma, pi nin uffenne la vecchie, Graziose cuminzette a rifàrejele.
La vecchie ogni tante j’addummannave: “Chi ci truove dentr’alliette?”
“Rose e gelsummine.”
“E rose e gelsummine ti dienghe.”
Quanne finette d’arifà lu liette, la vecchie i circhette n’ualtre piacere:  “Mònneme la case e dimme chi ci truove.”
La case ere tutta sporche e chiene di striecce, ma Graziose, pi nin uffenne la vecchie, diceve:
“Vistite di sete.”
“E i vistite di sete ti dienghe.”
La vecchie a la fine aprette nu trature e addummannette a Graziose: “Chi vuò pi rigale? Li ricchine di vrite o di ddiamante?”
“Di vrite.” Arispunnette la vaglione.
“E i ddiamante ti dienghe.”
Po’ la vecchie, prime d’arimannà Graziose a la case, la facette vistì nchi tutte li cose chi jera date e dicette:  “I ti facce addivintà cchiù belle ancore di chille chi si: li capille t’è ddivintate d’ore, quanna ti piettine ti casche rose e gelsummine da ‘na vie e perle ddiamante da chell’altre e mentre ariviè a la case, quanna siente ragliuà l’uasine nin ti vultà, ma si siente cantà lu ualle, gìrete.”
Graziose zi ni jette, sintette ragliuà l’uasine e nin zi vultette, sintette cantà lu ualle e zi girette: ssubbite i spuntette ‘na stelle ‘mpronte.

Un giorno, mentre Graziosa spillava l’acqua, il “cuscinille” le scivolò dalle mani e rotolò giù per il ruscello. Si mise allora a corrergli dietro, ma non riusciva a recuperarlo. Mentre correva dietro al “cuscinille” incontrò un uomo e gli chiese: “Hai visto il mio “cuscinille”, buon uomo?”
“Sì, vai più giù chè lo trovi.”
E Graziosa andò più giù. Incontrò una donna e pose la stessa domanda: “Brava donna, hai visto un cuscinille?”
“Vai più giù chè lo trovi.”
E ogni persona che incontrava le diceva la stessa cosa: “Vai più giù chè lo trovi.”
Improvvisamente vide una vecchia davanti ad una casa e chiese anche a lei se avesse visto il “cuscinille”.
La vecchia rispose: “Il tuo “cuscinille” l’ho trovato io, ma prima di restituirtelo mi devi fare un piacere: guarda cosa ho in testa ché mi prude.”

Graziosa vide che la vecchia era piena di pidocchi ma, per non offenderla, cominciò a toglierglieli e allorché la vecchia chiese cosa avesse fra i capelli, la ragazza rispose:”Oro e pietre preziose.”
“E oro e pietre preziose ti darò.”
Terminata la pulizia, la vecchia le disse: “Prima di tornartene a casa rassettami il letto.”
Il letto era pieno di cimici, ma, per non offendere la vecchia, Graziosa cominciò a sistemarlo. La vecchia ogni tanto le chiedeva: “Cosa ci trovi nel letto?”
“Rose e gelsomini.”
“E rose e gelsomini ti darò.”
Finito che ebbe di rassettare il letto, la fanciulla si sentì chiedere un altro piacere dalla vecchia: “Spazzami la casa e dimmi cosa ci trovi.”
La casa era sporchissima e piena di stracci ma Graziosa, sempre per non umiliare la vecchia, diceva: “Vestiti di seta.”
“E i vestiti di seta ti darò.”
La vecchia alla fine aprì un cassetto e domandò a Graziosa: “Che cosa vuoi per regalo? Gli orecchini di vetro o di diamanti?”
“Di vetro.” Rispose la ragazza.
“E i diamanti ti darò.”
Poi la vecchia, prima di rimandare Graziosa a casa, la fece vestire con tutte le cose che le aveva donato e le disse: “Io ti faccio diventare ancora più bella di quello che sei: i tuoi capelli sono diventati d’oro, quando li pettinerai scenderanno rose e gelsomini da una parte e perle e diamanti dall’altra. Se mentre torni a casa sentirai ragliare un asino non voltarti, ma se sentirai cantare un gallo, girati.”
Sulla strada del ritorno, la fanciulla sentì ragliare l’asino e non si voltò, sentì cantare il gallo e si girò: all’istante una stella apparve sulla sua fronte!

Quann’arijette a la case, la mamme vulette sapè chi jera succiesse e Graziose j’ariccuntette tutte cose. La mamme facette avvidè ca era contente di esse, ma subbite dicette a Birtucce:
“Piglie lu cuscinille, va a lu vallone, fa’ a vvidè ca te sciuvuluate e doppe vajje appriesse. Videme si tiè la stesse furture di sorde”. E Birtucce accuscì facette.
Ittette lu cuscinille e cuminzette a ìreje appriesse. A tutte chille chi ‘ncuntrave addummannave:
“Si viste nu cuscinille ess’abballe?” E tutte chiente j’arispunneve:”Và cchiu balle ca lu truove”. Finchè nin arrivette a la casa di la vecchie chi i facette fa li stesse cose di Graziose.
Accuscì, mentre i luvave li piduocchie, la vecchie addummannave:
“Chi tienghe?”
E Birtucce arispunneve: “Tanta piduocchie.”
“E piduocchie ti dienghe.”
Mentre arifaceve lu liette, la vecchie addummannave: “Chi ci truove dentr’alliette?”
“Cimmice e pulce.”
“E cimmice e pulce ti dienghe.”
Mentre munnave la case, la vecchie addummannave: “Chi ci truove?”
“Striecce vritte.”
“E striecce vritte ti dienghe.”
Po’ la vecchie aprette lu trature e addummannete a Birtucce: “Chi vuò pi rigale, li ricchine di vrite o di ddiamante?”
“Di ddiamante.”
“E i vrite ti dienghe. E mò arivattene a la case e quanna siente cantà lu ualle nin ti vultà, ma si siente ragliuà l’uàsine, girete.” E Birtucce accuscì facette: quanna ragliette l’uasine zi vultette, ma e i spuntette ‘na cote d’uasine ‘nmpronte.

Giunta a casa, la madre chiese cosa le fosse successo e Graziosa le raccontò tutto. La mamma finse di essere contenta di lei, ma subito disse a Bertuccia:
“Prendi il “cuscinille”, va’ al ruscello, fai finta che ti sfugga di mano e poi vagli dietro. Vediamo se anche tu avrai la stessa buona sorte di tua sorella”. E Bertuccia obbedì.
Gettò il “cuscinille” e cominciò a corrergli dietro. A tutti quelli che incontrava chiedeva: “Hai visto un “cuscinille” laggiù?” E tutti le rispondevano: “Và più giù chè lo trovi.”
Finché non giunse a casa della vecchia che le fece sbrigare le stesse faccende già assegnate a Graziosa.
Così, mentre le toglieva i pidocchi, la vecchia domandava: “Cosa ho?”
E Bertuccia rispondeva: “Tanti pidocchi.”
“E pidocchi ti darò.”
Mentre rassettava il letto, la vecchia domandava: “Che cosa trovi nel letto?”
“Cimici e pulci.”
“E cimici e pulci ti darò.”
Mentre spazzava la casa, la vecchia domandava:  “Cosa trovi?”
“Stracci sporchi.”
“E stracci sporchi ti darò.”
Poi la vecchia aprì un cassetto e domandò a Bertuccia: “Cosa vuoi per regalo, gli orecchini di vetro o di diamanti?”
“Di diamanti.”
“E io ti darò il vetro. Ora torna a casa e se sentirai cantare il gallo non ti voltare, ma se udrai ragliare un asino, girati.” Bertuccia obbedì: al raglio dell’asino si girò e le spuntò improvvisamente una coda di somaro sulla fronte.

Quann’arijette a la case, la mamme, vidènnele vistute di striecce e nchi la cote ‘mprontre, z’arrajette e nchi nu curtielle circhette di taglièrejele, ma chiù taglieve e chiù la cote crisceve, chiù taglieve e chiù crisceve, finchè Bertucce z’avette i a nasconne.
Nu juorre lu figlie di lu re vidette Graziose e siccome ere accuscì belle zi la vuleve spusà. La matine chi l’aveve minì a pigliè nchi la carrozze, la mamme dicette a Graziose d’aiutuarele a pulì ‘na votte e nchi chella scuse ci la chiudette dentre: vuleve prisintà Bertucce a lu figlie di lu re a lu puoste di Graziose. Facette arivistì Bertucce, j’annascunnette la cote chi tineve ‘mpronte nchi nu maccature, i mittette ‘na vilette mpacce pi nin fall’aricanosce e ‘ntante cantave tutta cuntente: “Birtucce mmale criate, lu figlie di lu re zi l’ha spusate!”
Era talmente cuntente chi nin z’addunette ca lu figlie di lu re era già arriviete e, sintennele cantà accuscì, zi mittette ‘n suspiette: facette luvà la vilette da la facce di Bertucce, lu maccature da la cocce e scuprette lu ‘mbruoglie.
Accuscì Graziose zi spusette lu figlie di lu re e la mamma cattive e Bertucce zi nonn’avetta i luntane luntane.

Giunta a casa, la madre si stizzì nel vederla vestita di stracci e con quell’orribile coda in fronte. Prese un coltello e tentò di tagliargliela ma più tagliava e più la coda ricresceva, sicché Bertuccia dovette nascondersi.
Un giorno, il figlio del re vide Graziosa e poiché era bellissima voleva sposarla. La mattina in cui sarebbe dovuto andare a prenderla con la carrozza, la matrigna chiese a Graziosa d’aiutarla a pulire una botte e, con tale pretesto, ve la chiuse dentro poiché voleva presentare Bertuccia al figlio del re al posto di Graziosa. Fece vestire con i migliori abiti Bertuccia, le nascose la coda che aveva in fronte con un foulard, le mise un velo sul viso per non farla riconoscere e, contenta, così cantava:”Bertuccia male creata, il figlio del re se l’è sposata!”
Era talmente contenta che non si accorse che il figlio del re era già arrivato e, sentendola cantare così, s’insospettì: fece togliere il velo dal viso di Bertuccia, il foulard dalla testa e scoprì l’imbroglio.
Così Graziosa sposò il principe e la matrigna e Bertuccia dovettero andarsene lontano lontano.

La frase ricorrente nella fiaba, “Va cchiu balle ca lu truove” (va più giù chè lo trovi) è ancora oggi usata come modo di dire a Fallo per indicare un qualcosa che non si riesce mai a raggiungere.

___________________________
[1] Aneddoto = Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno
[2] Benedetto Di Sciullo, Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti.
[3] Giovanni Mariano, Abruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.