Home / Cultura / Tradizioni / Gastronomia / Liquore all’Anisetta

Liquore all’Anisetta

Ricetta di Luciano Pellegrini [1]

Liquore all'Anisetta
Liquore all’Anisetta

Dopo il liquore alla liquirizia, ecco anche il liquore all’anice stellato, perché il sapore di questa pianta erbacea assomiglia un po’ a quella della liquirizia.
Il nome è collegato alla forma del frutto che ricorda una stella con OTTO punte legnose, all’interno delle quali c’è un seme marrone oleoso.

E’ ricco di ferro e calcio, ha un’alta percentuale di vitamina C e di fibre.
Combatte l’herpes ed evita che si riproduca affinché non diventi virale. E’ antinfluenzale, antinfiammatorio, diuretico, espettorante ed aiuta l’eliminazione del muco, combatte l’acne, addolcisce il dolore addominale.

L’anice stellato è impiegato anche come rimedio contro la flatulenza, i disturbi digestivi, la diarrea e viene perfino utilizzato per il trattamento dell’artrite reumatoide. E’ una delizia per il palato e profuma l’alito. Nella medicina popolare era considerato afrodisiaco.

E’ molto usato in cucina per insaporire dolci e pietanze in genere, insomma è un toccasana, ma attenzione… non bisogna tirar fuori la scusa per berne molto.

Il liquore di anisetta, a base di anice stellato, è un ottimo digestivo.

Anice Stellato
Anice Stellato

Ingredienti per 1 litro di liquore

  • 500ml di alcool a 90°
  • 600ml di acqua
  • 300 gr di zucchero
  • 50 gr di anice stellato (erboristeria)
  • 5 chiodi di garofano
  • 1 stecca di cannella
  • Buccia del limone tagliata finemente, avendo cura di non inserire la parte bianca del limone.

Preparazione

Mettere in infusione per 10 giorni, in un recipiente chiuso, l’anice stellato con l’alcool, i chiodi di garofano, la cannella, la buccia di limone. Ogni giorno agitare la preparazione. Al decimo giorno, sciogliere in una pentola lo zucchero con l’acqua e portare a ebollizione. Una volta raffreddato completamente lo sciroppo, unirlo all’alcool. Versare tutto il liquido nel recipiente chiuso, facendolo riposare e agitandolo ogni giorno per altri dieci giorni. Quindi, filtrare, imbottigliare ed è pronto per berlo dopo due settimane.

 

 


[1] Luciano Pellegrini Abruzzese di Chieti, oggi in pensionecontinua, con dedizione, a praticare le sue passioni: Alpinismo, Ambientalismo, Fotografia, Reportage, Viaggi, Gastronomia, scrivendone su web, carta stampata, su riviste anche on-line. agnpell@libero.it; cell +393404904001

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.