Home / Cultura / Cultura Popolare / LI MACCARUNE – I MACCHERONI

LI MACCARUNE – I MACCHERONI

di  Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano del Comune di Fallo (Ch)

 

Quattr’uommine chi zi cunusceve da tanta tiempe e chi zi murive sempre pi la fame, nu juorre l’onne chiamette a i a jurnate da n’ome chi tineve tanta terre e chi era tanta ricche.
Quattro uomini che si conoscevano da molto tempo e che erano sempre affamati, un giorno furono chiamati come aiutanti da un possidente che aveva molti terreni ed era molto ricco.

L’uommene, pure si nin i tineve tanta voglie di fatijè, doppe tanta pinzàrice, onne dicidette di irece picchè zi diceve ca zi maggneve buone.Une di st’uommine però nin era troppe svelte e chiù di na volte era capitate ca l’ieltre l’onna aveva avute ajutuà picchè qualcune lu vuleve mbrugliè.
Gli uomini, pur avendo poca voglia di lavorare, dopo averci pensato parecchio, decisero di acconsentire poiché tutti ne lodavano la buona tavola. Uno di loro però non era molto sveglio e più di una volta era capitato che gli altri avevano dovuto aiutarlo perché qualcuno voleva imbrogliarlo.

Pure culle juorre, ‘mpatte, ci mitteve nu suacche di tiempe pi zappà nu pizzitielle di terre e ogni tante jonna aveva dice di fa’ almene a vvidè a lu patrone ca stave lavurenne pi guadagnèreze nu mùcciche di magnè.
Anche quel giorno, infatti, impiegava molto tempo per dissodare un piccolo pezzo di terra ed ogni tanto dovevano dirgli di fare almeno finta di zappare per ingannare il padrone e per guadagnarsi così qualcosa da mangiare.

A la fine, di ‘na manere o di n’antre, onne arrivette a la sere e finalmente z’onne assittette a la tavele a magnè tutt’nziembre chille chi era jute a lavurà nchi lore. Era tanta jente e, quanna onne purtette a la tavele na bella tijelle di maccarune, tutti chiente zi ittette a rinchìreze li pijette.
Infine, in qualche modo, arrivarono a sera e finalmente sedettero a tavola per desinare insieme con tutti quelli che erano stati a lavorare con loro. C’era tanta gente e, quando portarono in tavola un pentolone di maccheroni, tutti si gettarono a riempirsi i piatti.

Pure l’ome ci pruvette: z’alzette allampiete, acchiappette la fircine, avvicinette lu pijette, acchiappete na fircinate di maccarune e tirette pi mèttezele dentre a lu pijette.
Anche l’uomo ci provò: si alzò in piedi, afferrò la forchetta, avvicinò il piatto, prese una forchettata di maccheroni e tirò a sé per metterli nel piatto.

 Mentre stave nchi la fircine alzate, cuminzette a guardà li maccarune chi ci stave appise e cuminzette a dice: – Yuuh!, Quant’è lunghe stù maccarone! – e arimanette accuscì, a guarduà.
Mentre si trovava con la forchetta sollevata, cominciò a guardare i maccheroni che c’erano appesi ed iniziò a dire: – Yuuh! Quanto è lungo questo maccherone! – e rimase così, a guardare.

Intante l’ieltre z’onnabbuffave e ogni tante i diceve: – Sbrighete a magnè ca sinnò arimiene a dijune! –
Nel frattempo gli altri si abbuffavano ed ogni tanto gli dicevano: – Sbrigati a mangiare altrimenti resti digiuno!

Ma l’ome, ogni volte chi piglieve na fircinate di paste, arimaneve a guardarle e aripiteve: – Guarde, guarde, guarde gnè lunghe stù maccarone! –
Ma l’uomo, ogni volta che prendeva una forchettata di pasta, rimaneva a guardarla e ripeteva: – Guarda, guarda, guarda quanto è lungo questo maccherone! –

Jette a finì chi l’jeltre zi magnette tutte cose e l’ome arimanette quase a dijune. 
Andò a finire che gli altri mangiarono tutto e l’uomo restò quasi a digiuno.
  

 -.-.-

Ancora oggi la frase  Quant’è lunghe stù maccarone  è indirizzata a chi è poco sveglio o a chi non riesce ad approfittare delle buone occasioni.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.