Home / Cultura / Cultura Popolare / Li fìchere – I fichi

Li fìchere – I fichi

di  Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano

Questo aneddoto ha a che fare con le alterne fortune della vita e insegna a chi non lo abbia ancora capito che può andar bene, ma non è detto che duri. Nella vita occorre prudenza e lungimiranza.

Albero del Fico

N’ome chi zi murive pi la fame e chi ive sempre pi limosine, nu juorre capitette dentre a n’uorte addò ci stave na bella piante di fìchere. Apprufitenne ca stave luntane da li càsere di lu paese e ca chill’ore nin ci stave nisciune, sagliette sobbre a la piante, cuminzette a coglie li fìchere chiù meglie chi truvave e li mittette tutte quante dentre a nu sacchitte chi tineve nchi isse.

Un uomo sempre affamato e che viveva della carità della gente, un giorno capitò in un orto in cui svettava una bella pianta di fichi. Approfittando del fatto che si trovava lontano dal centro abitato e che a quell’ora non c’era nessuno, salì sulla pianta e cominciò a cogliere i fichi migliori mettendoli in un piccolo sacchetto che portava sempre con sé.

Quanna tutte li fìchere zi finette, ascignette da la piante, z’assittette a lu flische e cuminzette a magnè. A miene a miene chi magnieve piglieve li scorce e l’ammucchieve tutte a nu pizze, vicine a isse. Quanna finette di magniè i minette da urinuà e la facette sobbra lu cantarrielle di li scorce di li fìchere, doppe, z’allunghette arrete a ‘na fratte e z’addurmette.

Quando finirono i fichi, scese dalla pianta, sedette all’ombra ed iniziò a mangiare. Man mano che mangiava, ammucchiava le scorze in un angolo vicino a lui. Finito di cibarsi si accorse di avere l’urgenza di urinare ed espletò la sua funzione sul mucchietto delle bucce dei fichi, dopodiché, si distese dietro ad una folta siepe e si addormentò.

Doppe parecchie tiempe z’arivigliette e i tineva n’altra volta fame, ma nin tineve chiù niente pi magniè. Aripinzette a li fìchere che z’era magniete e z’avvicinette a la piante, la guardette, ma di fìchere bbone nin ci ni stave chiù.

Dopo parecchio tempo si svegliò ed aveva nuovamente fame, ma non aveva più nulla di cui cibarsi. Ripensò ai fichi che aveva mangiato e si avvicinò alla pianta, la guardò, ma di fichi buoni non ce n’erano più.

La fame era tante e cuminzette a guarduà lu cantarielle di li scorce addò era pisciete. “Si i nin ciavesse pisciete sobbre, mo mi li putesse magniè.” Diceve l’ome mentre guardave li scorce e ‘ntante z’avvicinieve.

La fame era tanta e così cominciò ad adocchiare il mucchietto di bucce su cui aveva urinato. “Se io non ci avessi urinato sopra, ora li potrei mangiare.” Diceva l’uomo mentre guardava le scorze e si avvicinava.

“Però, si i leve li scorce di sobbre, mi pozze magniè chille di sotte.” Pinzave mentre luvave li scorce chiù assobbre e cuminzave a magnè chille chi stave sotte.

“Però, se io tolgo le bucce di sopra, posso mangiare quelle di sotto.” Pensava mentre toglieva le bucce che si trovavano in superficie e cominciava mangiare lo strato sottostante.

Finute di magnièreze chille, cuminzette a guardà chille chi era luvate prime da sobbre dicenne: “Pò esse chi a qualcune nin ja colte” e n’assaggette une. Pò ni pigliette n’antre, i dette ‘na pulite e zi la magnette.

Finito di mangiare queste ultime, cominciò a guardare quelle che aveva tolto in precedenza da sopra dicendo: “Può anche darsi che qualcuna di queste non sia stata colpita.” e n’assaggiò una. Poi ne prese un’altra, la pulì in maniera sommaria e la mangiò.

Jette a finì ca chiene chiene l’ome zi magnette tutte li scorce di li fìchere addò era pisciete.

Finì che l’uomo, pian piano, mangiò tutte le scorze dei fichi su cui aveva urinato.

Fico

Con la fraseHa fatte gnè culle chi pisciette a li fìchereci si riferisce solitamente a chi, trovandosi nell’abbondanza, disprezza le piccole cose per poi rimpiangerle nel momento in cui la fortuna non lo assiste più: i rovesci di fortuna sono sempre in agguato.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. C’è anche da noi un proverbio simile come significato : s’è magnat prima le fiquere e mò s magna l scorce…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.