Home / Cronaca / Attualità / Economia e Politica / L’Euro, il dollaro ….. il MARSO, il VITELIO

L’Euro, il dollaro ….. il MARSO, il VITELIO

di Enzo C. Delli Quadri

.

C’è in giro un documento satrico che dice, presso a poco, così:

La mattina ti svegli e guardi un orologio giapponese
Poi ti lavi i denti con un dentifricio americano
Bevi un caffè brasiliano
Indossi un pullover di lana inglese
Telefoni con un cellulare sudcoreano
Leggi le notizie su un tablet americano
Guidi una macchina tedesca
Fai il pieno di gasolio arabo
Ti scaldi con metano libico
Ecc… ecc…

Certamente, non tutti si comportano in questo modo, ma le statistiche dicono che noi italiani, per soddisfare i nostri bisogni, inviamo, all’estero, il 50% dei nostri redditi.

Questo succede a livello nazionale; a livello locale, in special modo in alcune regioni, la situazione diventa addirittura drammatica se non comica: I residenti arrivano a spendere, fuori del loro territorio, l’80% dei loro redditi. È il caso di regioni, come per esempio il Molise, in cui i redditi delle persone derivano per la stragrande maggioranza da finanza pubblica e per la stragrande maggioranza vengono spesi per acquistare prodotti di altre regioni italiane o di altre nazioni.

Per ovviare a questa triste situazione che, con una finanza pubblica in crisi, porterà sempre più al depauperamento della società e alla desertificazione delle aree interne, possono esse adottati progetti ambizioni di politica industriale ed economica. Noi da tempo abbiamo proposto il progetto ALMOSAVA. Inascoltati.

Altre soluzioni possono essere adottate, meno impegnative, di più basso profilo, ma, comunque, in grado di supportare il circuito produttivo locale.

Una di queste soluzioni consiste nella creazione, in data zona, di una MONETA LOCALE.

Non è una barzelletta.  Ecco come funziona.

Il Comune con una popolazione significativa (o una Unione di Comuni) firma una convenzione con tutti i produttori o piccoli commercianti locali, in base alla quale, essi si impegnano a vendere i loro prodotti, accettando l’80% in Euro e il 20% in Moneta Locale.

Il Comune stampa la Moneta Locale con determinate caratteristiche: non deve essere convertibile con alcun’altra moneta e, di conseguenza, non può circolare fuori dal territorio del Comune.

Il Comune distribuisce, gratuitamente, un certo importo di MONETA LOCALE, a ciascun cittadino: potrà comprare quel che gli occorre, cedendo Euro (80%) e Moneta Locale (20%).

Poiché questa moneta può circolare solo entro l’ambito comunale o intercomunale (Unione di Comuni), salta subito all’occhio come, in questo modo, circoleranno maggiormente le merci prodotte in loco. La Grande distribuzione, per esempio, non potrà mai accettare la moneta locale perché non potrà spenderla, a meno che non voglia partecipare al sistema, ma, in questo caso, dovrà reinvestire in prodotti locali.

In Abruzzo esistono già diverse esperienze in tal senso. L’ultima, in ordine di tempo, vede come protagonista, il Comune di Avezzano e come Moneta Locale, IL MARSO[1].

Se esistesse una Unione dei Comuni dell’ALMOSAVA o dell’ALTOSANNIO, la Moneta Locale potrebbe chiamarsi VITELIO.

Ma gli amministratori del territorio almosaviano tardano a mettersi insieme e guardano al loro ombelico.


[1] (http://www.corriere.it/cronache/13_agosto_31/avezzano-stampa-marso-nuova-moneta-anti-crisi_ed8f9b96-124a-11e3-a57a-42cc40af828f.shtml)

Avezzano stampa il «marso», la nuova moneta per rilanciare l’economia.

Sono diverse le esperienze di questo tipo in Abruzzo. Il marso è un buono che garantirà sconti nel circuito dei commerianti locale
AVEZZANO – Ad Avezzano, in provincia dell’Aquila, i nuovi acquisti si faranno con il marso (dal nome dell’area abruzzese conosciuta come Marsica), moneta «coniata» dal Comune a beneficio dei propri cittadini. L’intenzione è di rilanciare l’economia locale, in particolare il settore agroalimentare, e dare un po’ di respiro ai negozi di vicinato nella battaglia quotidiana contro la crisi. Il marso, che dovrebbe entrare in circolazione entro la fine dell’anno, sarà una moneta-non moneta: non potrà essere incassata né convertita (in quanto non sostituisce l’euro) e sarà valida esclusivamente nel circuito dei commercianti locali. Versati insieme agli euro, i marso daranno diritto a uno sconto e il negoziante che li riceverà potrà spenderli a sua volta in altri esercizi della città.
Abruzzo, Avezzano stampa il marso, la nuova moneta
BUONI LOCALI STAMPATI – L’idea si è concretizzata con l’adesione dell’amministrazione comunale al progetto dell’associazione Arcipelago Scec (acronimo di Solidarietà che cammina), che riunisce altri esperimenti di questo tipo in Italia (ad esempio a Napoli, Crotone e nella Parma del sindaco grillino Federico Pizzarotti, ma si contano iniziative anche in Toscana e in Sardegna). I marso, spiegano in municipio, sono buoni locali stampati per ottenere uno sconto che va dal 5 al 30 per cento nei negozi aderenti. Un esempio? Compro un paio di pantaloni del valore di 100 euro pagando 80 euro più 20 marso. Il commerciante che «incassa» i marso andrà nel negozio di frutta e spenderà lì quei buoni che, a sua volta, il fruttivendolo potrà utilizzare per fare la spesa sempre in un negozio locale.
IL SINDACO – «Noi sindaci – afferma il primo cittadino di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio – siamo rimasti l’unico baluardo a difesa delle comunità e quindi dobbiamo inventarci di tutto per dare una mano al nostro territorio. Dopo l’introduzione del microcredito, abbiamo deciso di aderire all’Arcipelago Scec sperando di aumentare i consumi e dare un po’ di forza alla nostra economia, in particolare alla produzione agroalimentare». Nella delibera contenente il progetto, presentato nei giorni scorsi alle associazioni dei commercianti, si cita tra le cause della crisi il «continuo drenaggio di ricchezza che prende strade lontane e non viene reinvestita, se non in percentuali trascurabili, sul territorio che l’ha prodotta. Ad esempio, i cittadini della sola Avezzano spendono annualmente 75.000.000 euro per generi alimentari che, per il 60%, alimentano il circuito della grande distribuzione e vengono reinvestiti in altre regioni d’Italia o all’estero». Per questo l’amministrazione intende «attuare dei sistemi che aiutino cittadini ed imprese a cooperare e a sviluppare la solidarietà reciproca e l’economia tipica locale fondata sulla filiera agroalimentare».
ANCHE A BRISTOL – Un po’ come è accaduto, nel recente passato, a Bristol, città del sud-ovest dell’Inghilterra, con i «Bristol pound». Circa trecento negozianti hanno raccolto l’invito del Comune ad accettare il nuovo mezzo di pagamento da affiancare alla tradizionale possibilità di saldare la spesa in sterline. Un’iniziativa accolta con freddezza dalle grandi catene di distribuzione, che hanno protestato per l’impossibilità di scambiare la nuova «moneta» al di fuori dei confini comunali.
LA GRAFICA – Ad Avezzano i grafici sono già al lavoro per elaborare l’immagine del marso. Sarà di carta colorata (corredata di valori e sistema anti-falsificazione) e del tutto simile ai buoni ideati dallo Scec. Cambierà soltanto il simbolo stampato sulla «banconota» che, per rendere omaggio alle tradizioni più antiche della terra marsicana, sarà costituito dalla «chimera» , l’uccello che secondo la leggenda volava sulle acque del Lago Fucino. In città è prevista anche l’apertura di un punto per la distribuzione dei marso, che saranno consegnati ai cittadini gratuitamente (100 marso ciascuno).
LE MONETE ALTERNATIVE – Avezzano non è l’unico Comune abruzzese che vanta esperienze di «moneta» alternativa. A Guardiagrele, in provincia di Chieti, nel Duemila circolò per alcune settimane il Simec, la «moneta del popolo» ideata dallo scomparso Giacinto Auriti, ex preside della facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Teramo, il quale mise in pratica ciò che teorizzava da tempo con i suoi studenti. Tuttavia i Simec in circolazione, che a differenza dei marso erano considerati moneta vera, furono sequestrati dalla Guardia di Finanza per ordine della Procura e l’esperimento venne interrotto.
31 agosto 2013 | 16:45

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.