Home / Cultura / Cultura Popolare / La Leggenda da Lepine

La Leggenda da Lepine

di  Mario Ursitti

Strage degli innocenti
Strage degli innocenti

 

.

La Leggenda da Lepine

-A Betlemme se jette’ne bande
contre le criature sotte agli du anne.
-Corre Maria che ne grosse affannea
figlie abbretate mezze a ne panne.
-I gli Giudeie che cidene senza respette
a ogni mamma fanne batte a cor mpette.
-Curre Maria va pe la mentagna
ca n’angele da ciele t’acchempagna!.
-Intante gli Giudei che na brutta faccia
levane alle mamme, gli quatranelle dalle vraccia.
-Curre Maria, curre senza fiate
a bambenelle ngolle se ze ha abbretate.
-I attorne attorne ne nge sta repare
è tutte scheperte i a tempe è amare.
-Curre Maria ca a vente sta vecine
curre i nascunne a Gesu’ bambine.
-Quande la Madonna perduta se sente’
a ogne fronna aiute addemanne’.
-“Frutte majje, frutte lepine
a prete i nascunne Gesu Bambine!”.
-“Vattenne!!!” se lepine ce respenne’
i forte forte le fronne sbatte’.
-“Lepine ca tu fuste amare assa’,
sempre chiu’ amare a da deventa’!”
-Appresse az lepine che se rechiede’
Maria a ne pine tecculè’.
-“Albere de pine, albere pignole,
a prete i nascunne ste criature!” .
-I subbete se pine se apre’
i nzembra mamma i figlie nascunne’.
-“Reparate! Reparate! Maria,
ca glie Giudei so jete a n’atra via!”.
-Doppe ca a quatranelle se salve’
la Madonna che la mane Santa s’accarezzè.
-“Pine ,pine, puzz esse beneditte!
ca repariste Die zitte zitte”.
-“Si a chiu Sante, i se de core!
de ngenze sante, da ojje purte s’addure!”.
-Madonna i quatranelle se salvirne.
-I tu pine Sante che te apriste,
salviste la vita a Ges Criste.

.

(da una Leggenda Molisana)

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.