Home / Cultura / Le vendelille – Il vento forte

Le vendelille – Il vento forte

di Antonia Anna Pinna
in dialetto di Villalago

La Rocca di Villalago (AQ)

Le vendelille

Le vendelille parte da sotte alla Rocche.
Le siende arrevà che ne fischie i cumenza a scappà.
Ciabberrita ‘nduorne alle case e,
nen le lassa finghè nen cià fatte pijà le bandegliole.
S’arravuoja ‘n’miezze alla via, bussa a tutt’ le porte, chiama…
I se le ‘ngundre nen vol’esse guardate…. Te taglia la faccia. 
Isse è le padrone de le Colle. 
Quande pessive alla ruva pe’ ji sotte alla Rocche
truvive ne repinte che Sande Remineche che t’avveseva:
Attiende! Ca te ce stracina abballe
….. …..
i tu currive pe’ le schiale senza guardà sotte.
Alla ruva c’ene misse na porta de fierre, pe’ paura, chi le sa…
Mo’ ch’ nen ge sta chiù nesciune, manghe le viende ce po’ reterà.–

Il vento forte

Il vento forte parte da sotto la rocca
Lo senti arrivare con un fischio e comincia a correre
Si attorciglia alle case e
Non le lascia finché non le ha ben strapazzate.
Si attorciglia in mezzo alla via, bussa a tutte le porte, chiama…
E se lo incontri non vuole essere guardato…ti taglia la faccia.
Lui è il padrone del Colle.
Quando passavi alla ruva per andare sotto la rocca
trovavi un dipinto di San Domenico che t’avvertiva!
Attenti che vi trascina sotto ……. ……
e tu correvi per le scale senza guardare giù.
Alla ruva ora hanno messo una porta di ferro, per paura, chissà…
Ora che non c’è più nessuno, neanche il vento si può ritirare.

Copyright: Altosannio Magazine
EditingEnzo C. Delli Quadri

About Antonia Anna Pinna

Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.