Home / Cultura / Le paradejese meje

Le paradejese meje

Poesia di Antonia Anna Pinna

Le paradejese meje

L’angele de le paradejese meje
Ne’ sonane trombe ma cupierchie
natane a marcia arrete
pe ne n’cundrà brutta gende
volane accuchiate
pe relassà le sceje lumenose
ne revejene mai a mane vote.
Preparane le terrene
j aspettane la louna gnova
pe semendà.

Il mio paradiso

Gli angeli del mio paradiso
non suonano trombe ma coperchi
nuotano a marcia indietro
per non fare brutti incontri
volano in formazione
per rilasciare scie luminose
non tornano mai a casa a mani vuote.
Preparano il terreno
e aspettano la luna nuova
per seminare

Copyright: Altosannio Magazine
EditingEnzo C. Delli Quadri

About Antonia Anna Pinna

Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

Un commento

  1. Antonia Anna Pinna

    Grazie Enzo.

Rispondi a Antonia Anna Pinna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.