Le Maitunate d’ capedanne

0
1021

di Bruno Marinelli [1]

La foto, da web, mostra un gruppo dedito alle maitenate che, come per Rionero Sannitico, si svolgono anche a Gambatesa.
La foto, da web, mostra un gruppo dedito alle maitenate che, come per Rionero Sannitico, si svolgono anche a Gambatesa.

Le Maitunate d’ capedanne

Ce sta n’usanza a ru paese mije:
a capedanne, pe’ le vije, se sente
chi canta le strufette ‘mpruvvesate
ch’ so’ d’ buon augurie pe’ la gente.
Ce sta chi sona re strumente antiche
e chi è purtate, invece, pe’ cantà,
pe’ ru paese girane la notte,
s’abbuscane quaccòsa da magnà.
O s’evane ‘nciuccate o va’ sapè,
sotte alla casa d’une ch’ sacc’ìe,
‘na veretà re scette, fastdijosa,
ch’ ‘nu sturnelle ch’, mò, … cante pur’ie:
♫ ♫“Chell ch’ t’ha purtate l’ann viecchie,
e men male ch’, mò, se n’è jute,
le sanne tutt, dentr’a ‘stu paese,
‘nu buone capedanne a ‘stu curnute”.♫♫
Ch succedette, dentr’a chella casa,
nen pozz di’ pe’ caretà crestjana,
ve pozz sule di’ ch’ se sentiva:
“Le sanne tutt ch’ si ‘na puttana”
Ma pe’ nen fa vedè ch’evane cuòte
addò, d’ chiù, ru dente re dulèva,
da ‘ncoppe a ru balcone, salutava
e ch’ ‘na corda ‘nganne… ma redeva.
Deceva: “Mò, ve voglie da’ caccòsa”
e se sbracciava pe’ sembrà cuntiente,
e pure n’pozz dice, pe’ dcenza,
‘ddo se sentiva re carvùne ardente.
De robba da magnà e de vine bbuone
calàtte ch’ du’ bborze chiene,chiene,
“Buon anne!” re decette, ma pensava:
“Ve pozz’addeventà tutt velene”.

Stornelli di capodanno

Al mio paese c’è un’usanza:
a capodanno, per le vie, si sente
chi canta le strofette improvvisate
che sono di buon augurio per la gente.
C’è chi suona gli strumenti antichi
e chi, invece, è bravo a cantare,
per il paese girano, la notte,
ricevono qualcosa da mangiare.
O si erano ubriacati o va’ a sapere,
sotto casa di uno che conosco io,
raccontarono una verità sgradevole,
con uno stornello che, adesso,… canto anch’io:
♫♫ ”Quello che ti ha portato l’anno vecchio,
e meno male che, adesso, se n’è andato,
lo sanno tutti, dentro questo paese,
un buon capodanno a questo cornuto”.♫♫
Che successe, dentro quella casa,
non posso dire per carità cristiana,
vi posso solo dire che si sentiva:
“ Lo sanno tutti che sei una puttana”.
Ma per non far vedere che avevano colpito
dove, di più, il dente gli doleva,
da sopra al balcone, salutava
e con una corda alla gola… ma rideva.
Diceva: “Adesso, voglio regalarvi qualcosa”
e si sbracciava per sembrar contento,
e pure non posso dire, per decenza,
dove si sentiva i carboni ardenti.
Di roba da mangiare e di vino buono,
scese con due borse piene, piene,
“Buon anno !” disse loro, ma pensava:
“ Vi si possa trasformare tutto in veleno”

 

_____________________________
[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.