Home / Cultura / Tradizioni / Arti e Mestieri / L’Arte della ceramica incontra nuova linfa in terra altosannita

L’Arte della ceramica incontra nuova linfa in terra altosannita

A cura di Enzo C. Delli Quadri

ceramista-0

L’arte è l’attività umana volta a creare opere di valore estetico che non necessariamente debba coincidere con il concetto di bellezza. Richiede abilità, ingegnosità, perizia e talento. Un’opera si dice artistica quando suscita una emozione, essendo essa legata a processi creativi e innovativi che nulla hanno di ripetitivo o cosiddetto “normale”. Questo significato di arte riguarda essenzialmente il singolo uomo, l’artista.

Ma un altro significato di arte viene attribuito ad attività umane che, avendo profonde radici nelle tradizioni secolari e da esse traendo linfa vitale per resistere nel tempo, vengono svolte in modo professionale da una o più persone che, nel rispetto di canoni per definiti e codificati nel tempo, vengono chiamati Artigiani ma sono veri e propri  “Maestri d’Arte”.

Nel territorio altosannita “Alto Molise Sangro Vastese” le attività che possono, senza alcun dubbio, essere assimilate al significato di arte sono:

  •  L’arte del cuoio,
  •  L’arte della  tessitura,
  •  L’arte del rame e del ferro battuto,
  •  l’ arte della ceramica,
  •  L’arte del bronzo.

ceramista-21Qui osserviamo l’Arte della ceramica

In Molise, l’Arte della ceramica ha radici antiche: il primo nome di ceramista molisano risale all’alto medioevo, ma bisogna arrivare alla fine del trecento per avere notizie più certe. E’ in questo periodo, infatti, che alcuni monaci benedettini cominciarono a lavorare la pasta terrosa di buona qualità esistente in varie zone dell’Alto Molise.

Duca-Carlo-Ascenso-DAlessandroLa produzione di ceramiche e terracotte molisane era notevole e di buona qualità. Più in particolare essa è tradizionalmente legata alla produzione della fabbrica dei Duchi D’Alessandro di Pescolanciano (metà sec. XVIII), documentalmente somigliante a quella di Capodimonte. Esse sono oggetto di ammirazione nei migliori musei nazionali. Tolta questa esperienza storica, solo rimaste piccolissime fabbriche, impegnate nella fornitura di terraglie di uso domestico o di semplici terracotte, smaltate e decorate.


Ma nuove realtà irrompono sullo scenario ceramista altosannita: si tratta di “Camala Ceramicadell’artista/artigiana Brunella che, dal 2015, ha iniziato a produrre splendidi e particolari oggetti in ceramica a Pescopennataro.

2017-04-12-PHOTO-00000002

Brunella, dopo il diploma, ha lavorato per 10 anni, fianco a fianco, con il famoso ceramista fiorentino Federigo Fabbrini; con lui ha affinato la sua tecnica. L’esperienza e il contatto con i maestri fiorentini della ceramica la spinsero ad aprire il suo laboratorio a Fiesole (FI); anche suo fratello, Fabrizio, lavorando fianco a fianco con il maestro Fabbrini, si è appassionato a quest’arte.

Ora Brunella e Fabrizio son tornati nel loro paese d’origine, Pescopennataro e qui, con la loro società Camala Ceramica, intendono riprendere il percorso che tanti anni fa vide lo splendore della ceramica in terra altosannita e che, da un po’, si era interrotto.

Brunella e Fabrizio, nella loro attività, sono partiti dal mondo delle maschere della commedia dell’arte; poi, partendo dalla tecnica utilizzata, impregnata da fantasia e capacità, hanno prodotto oggetti particolari che hanno consentito la creazione di una vera e propria “collezione”. Ma non intendono fermarsi, affascinati, come sono, dalla sperimentazione di novità.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Quando l’arte s’ incontra con la passione … nascono belle, emozionanti sensazioni, concretizzate in “oggetti” artistici. La fine manualità rispecchia l’anima dell’autore, ma quelle sensazioni possono diventare comune godimento !
    Va riconosciuto dunque, con plauso a questi NOSTRI giovani che vi si dedicano, il pregio dei loro prodotti.

Rispondi a MARISA GALLO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.