Home / Cronaca / L’Aquila: Dopo la ricostruzione materiale, si intensifica quella immateriale

L’Aquila: Dopo la ricostruzione materiale, si intensifica quella immateriale

Perdonanza 2019

La Perdonanza 2019 mette in luce i progressi della città martoriata dal terremoto.

L’Associazione “Città di Persone” dell’Aquila, guidata da Roberta Gargano, ha apposto sui palazzi storici della rinata città una serie di stendardi ad uso di turisti e cittadini immemori per raccontare e ricordare loro la storia della Città.

“Cerchiamo di far nascere il senso d’appartenenza con il progetto L’Aquila città dei quarti patrocinato dal Comune – spiega Roberta Gargano, presidente dell’associazione – Siamo un centinaio fra residenti commercianti e professionisti del centro storico. Con noi c’è il gruppo civico Jemo’nnanzi nato dopo il sisma del 2009″.

“L’obiettivo è partecipare alla ricostruzione immateriale della città, recuperando le origini e adattandoci a situazioni cambiate dopo il terremoto. Il nostro petrolio sono turismo e cultura”.

“Le luci accese dei negozi rendono una città viva – osserva Gargano – L’Aquila è ora una città veramente sicura, gli edifici sono stati ricostruiti con norme antisismiche, le dimore storiche sono state ricostruite con criteri moderni, il Gran Sasso Science Institute (Gssi), grazie a studenti provenienti da tutto il mondo, è diventato un grande veicolo di promozione turistica”.

“Al momento della fondazione L’Aquila fu divisa in quarti, come le città toscane – ricordano le brochure distribuite in questi giorni – I nomi dei castelli fondatori sono elencati in 2 documenti: la tassazione dei fuochi del 1269 e il diploma di Carlo II del 1294. I nomi storici dei quarti derivano dai santi a cui furono dedicate le prime chiese capoquarto, stabilite dalle comunità più influenti. Da metà Ottocento i quarti vengono chiamati con i nomi delle chiese capoquarto”.

*notizia attinta da Il Centro/L’Aquila

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.