Home / Cronaca / Attualità / Economia e Politica / L’Alto Molise in Ciociaria e non in Altosannio?

L’Alto Molise in Ciociaria e non in Altosannio?

di Enzo Carmine Delli Quadri

Guardano il dito che indica la luna e non si accorgono di come la luna stessa stia cambiando colore e dimensioni. Continuando a guardare il dito, potrà accadere che l’Alto Molise, prigioniero di Isernia,  finirà aggregato alla Ciociari

 RIORDINO TERRITORIALE 3

La Società Geografica Italiana  ha prodotto un ultimo elaborato con un nuovo modello di Riordino Territoriale.

http://www.meteoweb.eu/wp-content/uploads/2013/12/riordino_territoriale.pdf

Devo approfondirlo, ma posso anticipare che esso è un ottimo Studio basato su criteri culturali, paesaggistici, linguistici ed economici, oggettivi e credibili.

Il risultato vede un riconoscimento concreto e fattibile per la riaggregazione del territorio dell’ Altosannio.

Infatti, esso prevede la sostituzione delle attuali 20 regioni e 105 province con 36 NUOVE Regioni al cui interno dovrebbero sussistere aree territoriali omogenee, di pari dignità, che prenderebbero il nome di:

– Area Metropolitana per le quali si è fatto riferimento, in prima battuta, ai Sistemi locali delle Città Metropolitane di cui alla legislazione nazionale e regionale, considerando ulteriormente l’aggregazione alle stesse di sistemi locali dipendenti in termini gravitazionali.

– Polarità Urbane: Aggregazioni dove l’assunzione della soglia demografica e della conseguente massa critica in termini di potenziale economico urbano viene integrata da valutazioni relative ai ruoli politici e ai profili culturali di eccellenza.

– Comunità Territoriali: Aggregazioni sufficientemente coese e capaci quindi di esprimere una consistente capacità operativa nel perseguire efficacemente gli interessi locali nel sistema di programmazione,

Questa ipotesi di riorganizzazione delle istituzioni locali porterebbe a distribuire la popolazione nazionale per il 36,3 % (21,6 milioni di abitanti) nelle Aree metropolitane, per il 9,2% (5,5 milioni di abitanti) nelle Polarità urbane e per il 54,5 % (32,4 milioni di abitanti) nelle Comunità territoriali. Oltre undici milioni di abitanti (circa un terzo della popolazione totale del paese) ricadrebbero in Comunità contigue alle Polarità urbane.

Ecco alcuni esempi:

Nuova regione 1. del Tanaro
Polarità urbane
: Alessandria (1)
Comunità Territoriali: Alessandria, Casale, Asti, Alba, Fossano, Saluzzo, Cuneo, Mondovì (8)

Nuova Regione 2. La grande Torino
Area Metropolitana:
 Torino (1)
Comunità Territoriali: Pinerolese, Eporediese (Ivrea), (3)

Omissis……..

Nuova Regione 5. La Grande Milano
Area Metropolitana:
 Milano (1)
Comunità Territoriali: Pavia, Vigevano, Tortona, Novi Ligure, Busto Arsizio, (5)

Omissis……………

Nuova Regione 22. Roma Capitale
Area Metropolitana:
 Roma (1)

Nel caso dell’Abruzzo sono previste: La permanenza della Regione con 1 Polarità Urbana e 9 Comunità Territoriali, tra cui quella di Castel Di Sangro: 

Regione Nuova 24. Abruzzo
Polarità Urbane:
 Pescara (1)
Comunità Territoriali: Pescara, L’Aquila, Avezzano, Sulmona, Teramo, Giulianova, Atessa, Castel di Sangro, Vasto (9)

Nel Caso del Molise, invece, non è prevista alcuna Regione, ma lo smembramento del territorio in 3 Comunità Territoriali, quelle di CB e Termoli, associate alla Daunia (Puglia) e quella di Isernia, Associata alla Ciociaria.

Regione Nuova 23. Ciociaria
Polarità Urbane
: Latina (1)
Comunità Territoriali: Latina, Frosinone, Terracina, Sora, Cassino, Formia, Isernia (7)

Regione Nuova 27. Daunia
Polarità Urbane:
 Foggia (1)
Comunità Territoriali: Termoli, Campobasso, San Severo, Vieste, San Giovanni Rotondo,  Manfredonia, Cerignola, Benevento, Ariano Irpino, Circello (10)

Vi pare possibile che l’Alto Molise debba restare prigioniero di Isernia e finire nella nuova regione Ciociaria  e non piuttosto nella nuova regione Abruzzo, aggregato alla Comunità Teritoriale di Castel di Sangro?

Vi pare possibile che in Alto Molise si insista a guardare a Campobasso, attraverso fuochi di paglia che passano per Frosolone?

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.