La zappe

Poesia di Rodrigo Cieri [1]
tratta dal suo libro “Memoria è Anima” Campobasso 2017

Patrizio Mugnaini – Zappatore

La zappe

Zappave pammadore e l’anzalate
a ll’orte na matine a ll’aria fresche.
Me passe nu pinzire pe’ la mente:
la zappe po fà bene a tanta ggente!
La terre šta ndurite gné na cogne
e se nen passe acque e manche ossigene
le piante nen po cresce.
‘N cime scappe l’acque e nen v’a fonne
ddò manche lu respire e l’alimente.
La mala jerve, ‘mbece, prepotente
je leve lu respire e libbertà;
pe’ quesse va štrippate e sradicate!
Lu core de la ggente ch’è ndurite
nn’accette, no, de pace la parole
e dice ca da sole ze vo štà.
La cogne s’à da rompe nche l’amore
e tante de rispette.
Core e terre, soltante se z’
ammolle,
permette ca je entre fine abballe
la grazie de la vite che šta dentre.
Nu ccone d’umiltà!
‘Mbacce a nu presuntuse, oh, me scappe:
«Chisciccise!… la zappe!»

Vasto, 10 giugno 2010

La zappa

Zappavo pomodori e insalata
all’orto una mattina all’aria fresca.
Mi passa un pensiero per la mente:
la zappa può far bene a tanta gente!
La terra è indurita come un’unghia
e se non entra l’acqua e manca   ossigeno,
la   pianta   non   può crescere.
L’acqua scorre e non penetra in fondo
dove manca il respiro e l’alimento.
La mala erba, invece, prepotente,
toglie respiro e libertà;
perciò va estirpata e sradicata!
Il cuore della gente ch’ è indurito
non accetta di pace le parole
e dice che da solo vuole stare.
Il duro si deve spezzare con l’amore
e tanto di rispetto.
Cuore e terra, soltanto ammorbidendosi
permettono che entri   nel profondo
la grazia della vita che sta dentro.
Un poco d’umiltà!
Di fronte a un presuntuoso, oh, mi scappa:
«Dannazione… la zappa!»

 


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

About Rodrigo Cieri

Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.