Home / Cultura / Cultura Popolare / La voja de  mericule

La voja de  mericule

Poesia di Antonia Anna Pinna

La voja de  mericule

Me vuoglie recumbrà la casa me,
L’addore de Tatone quanne fuma.
La macchia de sudore de le mure
I l’uocchie de chi canda p’ le sciale.
Ve penze sembre i ne me pare vere;
Cumm’ eme state belle tutte aunejte.
Na voglia de mericule me mette a funne
Ca nen trove chiù la vejia  de la crucetta.
Mo ca tienghe tutt’i diende bbune
Nen trove manghe na stozza de pan’
Pe refarme la vocca saprejta
Cumma se Vice* fusce angora vejva.
L’eternità è la chiù bella canzone
I tutte quande ce cridene ca la sane
Peccate ca nesciune te la sa raccundà.

*Vice: la fornaia

 

La voglia di more

Voglio ricomprarmi la mia casa,
L’odore di mio nonno quando fuma.
La macchia di umido sul muro
E gli occhi di chi canta per le scale.
Vi penso sempre e non mi pare vero;
Com’è stato bello stare tutti insieme.
Una voglia di more mi perseguita
Ma non trovo più la via per la crocetta.
Ora che ho tutti i denti nuovi
Non trovo neanche un tozzo di pane
Per rifarmi la bocca saporita
Come se Vice* fosse ancora viva.
L’eternità è la più bella storia
E tutti pensano di conoscerla
Peccato che nessuno la sa raccontare.

*Vice: La fornaia


Editing: Enzo C. Delli Quadri 
Copyright: Altosannio Magazine

 

 

About Antonia Anna Pinna

Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.