Home / Cultura / Cultura Popolare / La vite, l’uva e il vino

La vite, l’uva e il vino

Poesia di Tiberio La Rocca[1]

Vendemmia 2

Con questa Poesia il nostro Tiberio di Poggio Sannita ha vinto il Primo Premio nella seconda edizione del Premio di Poesia Città di Tollo, “Il sapore goliardico del vino”, Sezione Lingua Dialettale. .

La vite, l’uva e il vino

La vite, l’uva e er vino sò come na famija,
mamma, fija e nipote….proprio na meravija
da quanno er monno è nato stanno bell’ abbracciati,
pe regalacce sempre…nettari prelibati!

Co l’uva se fa er vino o a tavola se magna,
co l’una o l’artra cosa…è sempre na cuccagna
e nella patria nostra se ne fa a volontà,
noi semo primi ar monno….pure pe qualità.

In fonno a la catena e che sia benedetto,
c’è er vino, quer prodotto, da tutti prediletto
e mò che li cervelloni hanno detto ch’è na cura,
la sbronza de na sera….s’è fatta duratura!

Io mò co sta famija  me ce sò apparentato,
stò sempre cor nipote…, me ce sò affezionato
nun perdo n’occasione p’annallo a salutà,
de sotto a la cantina, ndò lui ….me st’aspettà!

 .

La vite, l’uva e il vino

La vite, l’uva ed il vino sono come una famiglia,
mamma, figlia e nipote….proprio una meraviglia
da quando il mondo è nato stanno belli abbracciati,
per regalarci sempre..nettari prelibati!.

Con l’uva si fa il vino o tavola si mangia,
con l’una o l’altra cosa è sempre una cuccagna
e nella patria nostra se ne produce a volontà,
noi siamo primi al mondo. .pure per qualità.

In fondo alla catena e che sia benedetto,
c’è il vino, quel prodotto, da tutti prediletto
e adesso che gli studiosi hanno detto che ha proprietà curative,
la sbronza episodica, si è fatta consuetudine.

Io adesso, di questa famiglia sono divenuto parente,
sto sempre accanto al nipote, mi sono affezionato
non perdo un’occasione per andare a salutarlo
di sotto alla cantina…dove lui mi sta aspettando !

.


[1] Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri

 

About Tiberio La Rocca

Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

2 commenti

  1. Silvana Poccioni

    Complimenti a Tiberio La Rocca, che ho il piacere e l’onore di conoscere di persona. La sua poesia dialettale, non sempre giustamente apprezzata da coloro che prediligono la scrittura in lingua, possiede il pregio non trascurabile di unire in uno stesso testo la piacevolezza del vernacolo e la ricchezza dei contenuti. La sua speranza che la cultura poggese , e dell’Alto Sannio in generale, possa finalmente vivere un risveglio, è ampiamente condivisa da chiunque ami questa nostra straordinaria terra, tanto trascurata e vilipesa dalla classe dirigente, a tutti i livelli. Mi unisco dunque di tutto cuore ai desiderata di Tiberio e a lui personalmente auguro un lungo cammino di successi e soddisfazioni nel difficile ambito della Poesia.

  2. Mi vien da pensare che questa ELOQUENTE poesia, briosa e simpatica, voglia dire quel che avviene normalmente nella vita: la mamma VITE è quella che più “fatica”; la figlia UVA, più bella attrae ed è dolce… il nipote VINO è figo e ‘mbriaca tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.