La Tombola

0
1351

A cura di Paola Giaccio [1]

12064346_458574741002206_829125959_n

In un passato non troppo lontano, nelle famiglie italiane, in particolare quelle contadine, era abitudine durante i giorni di festa, al termine dei pranzi, e soprattutto delle cene di Natale, divertirsi in compagnia grazie ai tradizionali giochi di Natale, tra  quali il più amato era la Tombola. Erano momenti di gioia per tutti quanti, in particolare per i bambini, che, eccezionalmente, potevano rimanere svegli fino a tarda ora assieme ai propri familiari. Si trattava di giochi semplici e spensierati, non d’azzardo – al massimo si scommettevano poche monetine – in cui non valeva il merito, ma la fortuna, cosicché potessero vincere anche i più piccoli. Erano più che altro un passatempo e la vincita spesso veniva “pilotata” per favorire i bambini.

Il gioco della tombola

La tombola è un tradizionale gioco da tavolo nato nella città di Napoli nel XVIII secolo, come alternativa casalinga al gioco del lotto, e spesso accompagnato da un sistema di associazione tra numeri e significati, di solito umoristici (La Smorfia).

I partecipanti sono tenuti al versamento di un somma in denaro che viene poi divisa in più parti per il pagamento dei premi ai vincitori dei vari livelli del gioco (Ambo, Terno, Quaterna, Cinquina e Tombola). Un giocatore con ruolo di croupier ha a disposizione un tabellone sul quale sono riportati tutti i numeri da 1 a 90, e un bussolotto o un sacchetto riempito con pezzi numerati in modo analogo. Il suo compito consiste nell’estrarre i pezzi in modo casuale, e annunciare agli altri giocatori il numero uscito. L’annuncio generalmente include anche la citazione di una delle immagini che la tradizionale smorfia napoletana associa proprio ai numeri da 1 a 90 propri di un altro gioco, il lotto, strettamente legato alla tombola. I giocatori dispongono di una o più cartelle precedentemente acquistate, composte da 3 righe, su ciascuna delle quali sono riportati cinque numeri compresi tra 1 e 90. Tali cartelle sono realizzate in gruppi di sei in modo che in ogni gruppo i numeri da 1 a 90 capitino una ed una sola volta. Se il numero estratto è presente su una o più delle sue schede, il giocatore “copre” la casella corrispondente con fagioli, ceci, lenticchie, pasta o altro materiale disponibile dopo i cenoni natalizi come i gusci di frutta secca. Il giocatore che copre due numeri di una riga di una cartella ha realizzato l’ ambo, se ne copre tre, il terno, se ne copre 4, la quaterna, se ne copre 5, ha realizzato la cinquina. Se, poi, copre tutti i numeri della stessa cartella ha realizzato la Tombola.

271-2

Le Antiche originali definizioni dei numeri della Tombola Napoletana

1 L’Italia 
2 ‘ A criatura (il bimbo) 
3 ‘A jatta (il gatto) 
4 ‘O puorco (il maiale) 
5 ‘A mano (la mano) 
6 Chella che guarda ‘nterra (organo sessuale femminile) 
7 ‘A scuppetta (il fucile) 
8 ‘A maronna (la madonna) 
9 ‘A figliata (la prole) 
10 ‘E fasule (i fagioli) 
11 ‘E surice ( i topi) 
12 ‘E surdate (i soldati) 
13 Sant’ Antonio 
14 ‘O mbriaco (l’ubriaco) 
15 ‘ O guaglione (il ragazzo) 
16 ‘O culo (il deretano) 
17 ‘A disgrazia (la disgrazia) 
18 ‘O sanghe (il sangue) 
19 ‘ A resata (la risata) 
20 ‘A festa (la festa) 
21 ‘A femmena annura (la donna nuda) 
22 ‘O pazzo (il pazzo) 
23 ‘O scemo (lo scemo) 
24 ‘E gguardie (le guardie) 
25 Natale 
26 Nanninella (diminuitivo del nome Anna) 
27 ‘ O cantero (il vaso da notte) 
28 ‘E zzizze (il seno) 
29 ‘O pate d”e criature (organo sessuale maschile) 
30 ‘E palle d”o tenente ( le palle del tenente- riferito all’organo sessuale maschile) 
31 ‘O padrone ‘ e casa (il proprietario di casa) 
32 ‘O capitone (il capitone) 
33 Ll’anne ‘ e Cristo (gli anni di Cristo) 
34 ‘A capa (la testa) 
35 L’aucielluzzo (l’uccellino) 
36 ‘ E castagnelle ( sorta di petardi ) 
37 ‘O monaco (il frate) 
38 ‘E mmazzate (le botte) 
39 ‘A funa ‘nganna (la corda la collo) 
40 ‘A paposcia (ernia inguinale) 
41 ‘O curtiello (il coltello) 
42 ‘O ccafè (il caffè) 
43 ‘A femmena ‘ncopp” o balcone (la donna al balcone) 
44 ‘E ccancelle (il carcere) 
45 ‘O vino (il vino) 
46 ‘E denare (i denari) 
47 ‘O muorto (il morto) 
48 ‘O muorto che parla (il morto che parla) 
49 ‘O piezzo ‘ e carne (il pezzo di carne) 
50 ‘O ppane (il pane) 
51 ‘O ciardino (il giardino) 
52 ‘A mamma (la mamma) 
53 ‘O viecchio (il vecchio) 
54 ‘O cappiello (il cappello) 
55 ‘A museca (la musica) 
56 ‘A caruta (la caduta) 
57 ‘O scartellato (il gobbo) 
58 ‘O paccotto (liimbroglio) 
59 ‘E pile (i peli) 
60 Se lamenta (si lamenta) 
61 ‘O cacciatore (il cacciatore) 
62 ‘O muorto acciso (il morto ammazzato) 
63 ‘A sposa (la sposa) 
64 ‘A sciammeria (la marsina) 
65 ‘O chianto (il pianto) 
66 ‘E ddoie zetelle (le due zitelle) 
67 ‘O totano int”a chitarra (il totano nella chitarra) 
68 ‘A zuppa cotta (la zuppa cotta) 
69 Sott’e’ncoppo (sottosopra) 
70 ‘O palazzo (il palazzo) 
71 L’ommo ‘e merda (l’uomo senza princìpi) 
72 ‘A meraviglia (la meraviglia) 
73 ‘O spitale (l’ospedale) 
74 ‘A rotta (la grotta) 
75 Pullecenella (Pulcinella) 
76 ‘A funtana (la fontana) 
77 ‘E diavule (i diavoli) 
78 ‘A bella figliola (la bella ragazza) 
79 ‘O mariuolo (il ladro) 
80 ‘A vocca (la bocca) 
81 ‘E sciure (i fiori) 
82 ‘A tavula ‘mbandita (la tavola imbandita) 
83 ‘O maletiempo (il maltempo) 
84 ‘A cchiesa ( la chiesa) 
85 Ll’aneme ‘o priatorio (le anime del purgatorio) 
86 ‘A puteca (il negozio) 
87 ‘E perucchie (i pidocchi) 
88 ‘E casecavalle (i caciocavalli) 
89 ‘A vecchia (la vecchia) 
90 ‘A paura (la paura)

Fonte: web

____________________
[1] Paola Giaccio, Molisana di Agnone, libera professionista, ama profondamente la sua terra d’origine e ad essa dedica tempo e risorse, per divulgarne la bellezza.

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.