La semenda – Il seme

1
976

Gustavo Tempesta Petresine [1]

Peperoncino

La semenda.

Eva ‘ne juòrne de re mése de marze. La neve z’eva squaglièta ma sembràva ca re ciéle z’avésse arrepuòscte ‘na resèrva pe zuffunnàlla ‘ngìme alla terra da ‘ne mumènde all’uàtre.

‘Ne viecchiariélle ca eva arremenùte darre brasile a passà ri uldeme jènne de la vita sea arre paese addunna eva nate, me dette ‘na certa semènda de diaverelle.

Chescta è ‘na semènda speciale!” – decette-  Ca se la cusctedìsce vuòne davéndre alla terra, acquanda verrà re tiémbe de la maturazione te farà addecrejè anema e core!”

Fu ascì ca preparìve la terra, scturcènne ‘na ‘nzegna re nuàse, datese ca faceva angora ‘ne cazze de fridde e re sole jéva facènne scine e none arréte a ciérte nuvele neràsctre. Sembrava ca da ‘ne mumènde all’uàtre avevena scarecà l’mbèrne d’acca, o pegge, de neve, ‘ngime alla terra angòra jelata darre viérne.

Facìve due cavotera ‘mmiése alla terra e ce pusìve due jècene de semènda ca arrabbelive e accalchìve chiène chiène. Re adacchìve e re abbandunìve ‘mbacce alla primavera e alla ferlescìa de re tiembe.

Passètte uasce ‘ne mese, ma dalla terra nen ascéva niénde, fine a quanda ‘ne biélle juòrne de maje ascèttere due fuglietèlle verde ca cundrasctàvene che le nire de la terra.

Tenìve tanda reguàrde pe chille due piandecèlle, tand’è ca je faceva asculdà pure la museca. Ascì crescevene spenzierate, e me sembrava ca jévene redènne mendre ca ze vasciavene che re viénde e ammusciavene le fuglietelle alla sera.

Ne juòrne, ‘ne delòre m’angappette ‘nganne vedènne ca succedeva ‘na cosa sctreusa: da ‘na chiénda evene nate ciérte biélle diaverille luciende e rusce ca mettevene la ulìa, dall’aldra ascevene soltande sciure ammescelìte ca deruavene appena ‘ne juorne e doppe ze seccàvene.

Penzìve: chisse è pure sctréuse! Ie haie avute amore pe tutte e due, e nen haie fatte preferenze pe l’una o pe l’atra. Chemmuò “l’una è nata dritta e l’ata sctorta?

Ce sctiéne tanda cose ca nen ze siène!

Ce sctà re viende ca scioscia o t’arrenfresca!
Ce sctà l’acca ca te desseta e può desctruje!
Ce sctiène bbéne e mmale, e ognune fa la parte sea;
de juòrne e notte, pe tutte re tiémbe ca va passènne
sotte arre ciéle e alle sctelle mope!

Il seme

Era un giorno del mese di Marzo. La neve s’era sciolta ma sembrava che il cielo avesse una riserva per ammantare la terra da un momento all’altro.

Un vecchietto che era tornato dal Brasile per trascorre gli ultimi giorni della sua vita al paese dove era nato, mi diede un particolare seme di peperoncino.

Questo è un seme speciale – disse – e se lo trapianti bene nel terreno, quando verrà il tempo della maturazione, ne godranno l’anima e il cuore!

Fu così che preparai il terreno, storcendo un po’ il naso, considerato che c’era ancora un gran freddo e il sole faceva a nascondino dietro alcune nuvole nere.  Sembrava che, da un momento all’altro, poteva scaricarsi una bufera d’acqua o peggio di neve, sopra alla terra ancora gelata dall’inverno

Feci due buchi nella terra e vi posai due acini del seme, che innaffiai e ricoprii pian piano, abbandonandoli alla primavera e al capriccio del tempo.

Passò giusto un mese, ma dalla terra non spuntava nulla, fino a che, un bel giorno di maggio, spuntarono due foglioline verdi che contrastavano con il nero della terra.

Avevo tanta accortezza con quelle due piantine che facevo sentir loro anche la musica. Così crescevano allegramente e a me pareva che ridessero mentre si baciavano con il vento e piegavano le foglioline alla sera.

Un giorno, un dolore mi prese alla gola, vedendo che succedeva una cosa strana: da una pianta erano cresciuti alcuni bei peperoncini lucenti e rossi che facevano venire l’acquolina alla gola; dall’altra uscivano solo fiori mosci, che duravano appena un giorno e dopo seccavano.

Pensavo: questo è strano! Ho avuto amore per tutte e due e non ho fatto preferenze per l’una o per l’altra. Perché “l’una è cresciuta dritta e l’altra storta?”

Esistono tante cose che non si conoscono.

C’è il vento che soffia o ti rinfresca.
C’è l’acqua che disseta e poi distrugge.
Ci sono il bene e il male e ognuno fa la parte sua;
di giorno e di notte, per tutto il tempo che passiamo
sotto il cielo e le stelle mute.

_________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

1 COMMENTO

  1. Il tuo racconto, novello Esopo, è veramente educativo ed io penso che dal seme “buono” è venuto quel frutto che ti ha fatto venire l’acquolina in bocca … A me, ma anche ad altri lettori è venuta l’acquolina in bocca, cioè vorremmo assaggiare spesso i peperoncini lucenti e rossi dei tuoi scritti…
    Ne hai raccolti dei semi, così da darli ad altri amici a tua volta? perché saranno sicuro i semi del bene! quelli del male non hanno fruttificato: il vento ha seccato la piantina…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.