Home / Cultura / Cultura Popolare / LA SAGGEZZA POPOLARE – di Maria Delli Quadri

LA SAGGEZZA POPOLARE – di Maria Delli Quadri

In altri tempi la saggezza popolare spesso si esprimeva attraverso indovinelli, proverbi e sentenze. Era un vero manuale di sapienza pratica che rivelava l’umanità dell’uomo e della donna, perché ritraeva ciò che quotidianamente cadeva sotto i loro occhi. In mezzo ad una civiltà che continuamente si evolve, ancora oggi essi sfidano il tempo resistendo alla corsa delle cose, quasi a temprarne le asprezze.

SENTENZE E PROVERBI

Sull’amicizia

1) Tiemp f”lice, tutt’amice  (tempi felici, tutti amici)

2) Ama chi t’ama, e rrspun a chi t’ chieama (ama chi ti ama e rispondi a chi ti chiama)

 

 

Sulla bontà

1) Chi patisce, capisce

2 ) Fa bòin e scòrdat’n, fa meal e penzac (fai del bene e scordatene, fai del male e pensaci)

 

 

Sulla bellezza

1) Chi bella vò parì, gran dolore deve soffrì.

2) La hallina ch n’ha feteate, sempr p’llastra vè chiameata (la gallina che non ha fatto l’uovo, sempre pollastra viene chiamata)

 

Sulla cattiveria

1) Figl, jenr e nput, chell ch fai è tutt prdut (Figli, generi e nipoti, quello che fai è tutto perso..)

2) Setacc mje setacc come m’ fja accuscì t’arfacce (Setaccio mio setaccio, come mi fai così ti rifaccio)

 

Sul clima

1) Quand lampa, scampa, quand tona chijew. (Quando lampeggia scampa, quando tuona piove.

2) Alla prima acqua d’ausct, armitt’t ru busct. (Alla prima acqua di agosto, rivestiti più pesante)

3) Luna v’leata, tiemp guascteat. (Quando c’è la luna coll’alone, il tempo si guasta)

 

Su figliolanza, nuore e suocere

1) Parent a cappijeall n’entra cuviell, parent a maccatiur endra sechiur (Parente al marito non entra nessuno, parente alla moglie entra sicuro)

2) Cìent l’alluach, una l’affùach. (Cento le sistemi una l’affoghi)

3) La cumbdenza è la mamma d’la mala crianza. (La confidenza è madre della cattiva educazione)

 

Sul lavoro

1) Abbril fa ru scèur, maij ha r’unèur (Aprile fa il fiore, maggio ha l’onore)

2) Ome sollicite nen more pzzente (Uomo attivo non muore povero)

3) A latt cupijerte nen cacan mosche (Bisogna essere preveggenti)

 

Su negozio e attività

1) Chi negozia campa, chi fatica mòre (Traduzione inutile)

2) Chi nen tè hallina, né puorch, né uort, sc’ta tutta l’anne che ru muss sc’tuart (Sono questi i tre elementi del benessere – gallina, maiale e orto)

3) Chi semna mmìeas alla via perd d’nare, perd fatìa (Chi semina in mezzo alla strada, perde denari e fatica. Si riferisce ai campi sprovvisti di ripari)

 

Su ricchezza e povertà

1) Tre so re putient: ru papa, ru re e chi nen tè niente

2) La robba de l’avarone se la magna ru sciampagnon

3) T’rnisce e cepp secch fìean la cucina cett (Soldi e legna secca mettono subito fuoco. Coi quattrini si ottiene tutto)

 

Su virtù e vizio

1) Pan assutt, lena tonne e vine acite fìean la casa (La parsimonia è fondamento del buon andamento della casa)

2) Tre P le vine arreca: t‘ fa puorch, pazz e pueta

3) Chi more de fugne, malditte a chi r’ chieagne (Chi muore di funghi maledetto chi lo piange)

4) Sc’uppetta vacante mette paura a quaranta (Lo schioppo, anche se vuoto, fa sempre paura)

 

INDOVINELLI (Le soluzioni nel seguito)

1) Biell a vedè, care a ccattà, ijgnere d’ carne e faccere sc’tà;

2) Sott’a nu cantone ce sc’tà na atta mopa – nen ce vede e nen ce sende e fa sveglià tutta la gente;

3) I’ tienghe nu purchitt – attaccate a nu banchitte – nen magna e nen veve… e pur cresce come se deve;

4) Volda vuldanne – ficca ficcanne, facce na cosa – e può m’arpose;

5) I’ so re e tu me ciéche;

6) Ru pòtr ancora nasce e ru figlie è ijute a pasce;

7) I’ so pura e i’ so bella, i’ so come na verginella – sola al mondo sono nata pe’ purtà ogne ambasciata;

8 )  Lunghe e tunne re vurria – dentr’alla vocca r’ mettarria – e facèra la mescolanza – bella cosa p’ la panza;

9) Ru rusce penne e la p’losa chiègne;

10) Nasce, canda e mòre;

11) E’ na cosa – ch’ addò se posa – te fa na rosa;

12) Chi la te’ larga, chi la te’ stretta – chi la te’ chiéna e chi la te’ netta;

13) Tiénghe na cesc-sta d’òva, la sera ce le mette, la matina n’ce l’artrove;

14) Lésce, esce, mia pelosa – e nen fa la cundgnosa – a na botta de mazzarella, jesce jesce, pelusella;

15) Chi r’ fa, r’ fa p’ venn – chi r’accatta nen se ne serve – chi se n’ serve, nen r’ vede, chess’è cosa che nen se crede;

16) Tienghe du’ acene de pepe – n’ re dienghe manghe a mamma che me fece

17) Tienghe na’ pèzza de pann annend’a me – artira, artira nen s’artira mia;

18) Chessa è la zita e Sabbetta s’ chiama;

19) Du’ lucente, du’ spavìente, quattre mazze e na scupazza;

20) So tre friate n’catenat, fìane vita d’sperata,

SOLUZIONI

1) L’anello
2)  La campana
3) La zucca
4)  La chiave
5)  Il francobollo
6)  Il fumo
7) La lettera
8 )  I maccheroni
9) Il prosciutto e gatto
10)  La scoreggia
11) La pulce
12) La tasca
13) Le stelle
14) La tela del telaio
15) Il tavuto, la bara
16) Gli occhi
17) La strada rotabile
18) Rassegnati, questo ti tocca
19) Il bue
20) Il treppiedi

Lo spunto è stato preso dal libro “Letteratura popolare capracottese” di Oreste Conti.

About Maria Delli Quadri

Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere. Amava la musica, la lettura e l'espressione scritta dei suoi sentimenti.

Un commento

  1. Enzocarminedelliquadri

    Grazie Maria, questo articolo è senza alcun dubbio uno dei migliori in assoluto. Sarà il primo di un lungo elenco. Quanto prima avremo la Saggezza Popolare 2 e poi 3 e poi a seguire…..
    Grazie anche a Flora che ha impaginato l’articolo in modo perfetto.
    Questa forma di narrazione del sistema di conoscenze del nostro territorio fa impallidire qualsiasi altra forma di comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.