Home / Cultura / La radice e le foglie

La radice e le foglie

di Duilio Martino

La radice e le foglie

Puoi immaginare l’uomo
come una foglia, una fragile foglia 
di una robusta quercia: 
provvisorio respiro che partecipa 
e alacremente all’antico miracolo 
che continua a stupirci. 

Certo, le foglie muoiono
come – sappiamo – muoiono anche gli uomini 
lasciando spazio ad altri
uomini e ad altre foglie ed il prodigio
ogni giorno si compie. 

E’ pure noto che la radice è quella
e non la si può scegliere
come non si può scegliere il tronco o il ramo 
o la sottile fronda
dove le foglie verdeggiando vibrano. 

Il greppo non si sceglie
come non si può scegliere una madre. 

È la radice che ci tiene in vita
è delizia ed è croce. 

Si! Ci inchioda alla terra ma ci nutre. 

È la radice che ci tiene in vita
tra i non pochi, anzi molti,… troppi morti. 

La nostra radice affonda nell’Altosannio

About Duilio Martino

Duilio Martino, Abruzzese di Fraine (CH), ha sempre coltivato la passione per la sua terra di origine e per l’arte, in primis la poesia, alla quale ha dedicato una fetta importante della sua vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.