Home / Cultura / Cultura Popolare / La novena di Natale

La novena di Natale

Modesto Della Porta [1]

La novena di Natale

Jere a lu jurne, dope ventun’ure,
stav’accante a lu foche e tenè’ ‘mmente
verse lu balecone, a la nenguente
che ‘ncavezàve. Chelu ciele scure,

la vocia cupe de la ciumminire,
me stave a mette’ na malincunie,
quande da parte fore, da la vie,
cumenzive a sintì’ ca jave ‘ngire

nu sone.—E’ nu sone o nu lamente!?
Addusilive bbone, ma cchiù stave
cchiù chelu sone mi s’avvicinave.
Se sone!? E’ lu vere ca la ggente

è pazze! –Ma la citele, Landine,
che stave ‘nche lu nase appiccicate
‘nfacce a lu vetre, scrocche ‘na risate
e zumpenne me fa:E’la scupine!-

Lu scupinare! N’avetra nuvene!…
quattordici…dumane…Zi Pasquale
porte li santarille de Natale…
Mi sintive ‘nzucchè dentre a le vene!

Tu diciarrisse: mo’pe’ na sciucchezze
di quisse ti ci chegne di culore?!-
None mannagge! Ca tenghe nu core
quajàte e sfatte gne na pera mezze,

che nen si fide cchiù manche a rispunne’.
Ma ce sta certe cose gni le grappe,
pizzute, a ciancanille, che t’acchiappe
lu core e te le porte a n’atru munne.

‘Nce vu’ niente. Na canzone, antiche,
nu passere gnilite che ze lagne,
na prime neve ‘ncime a la muntagne,
na rènnele!…Perciò quande ti diche

ca jere tra lu foche e la nenguente,
de botte, a l’impruvvise, la scupine
mi fece fa’ la pelle de halline,
m’avete crede’. Che cos’è? Niente!

Se ci aripinze ci ti mitte a ride’:
na cose che z’abbotte e nu cannelle,
fa na sunate sole, sempre quelle,
e proprie quelle, quande ma’ ta cride,

te sfonne ‘mpette e fa tremà lu core!
E jere mi vidive sfilà’ nnanze
lu ciele verde de la citilanze
‘nche le sellùstre di lu prime amore!

E m’arivenne a mmente a poche a poche
la casarelle antiche, la cucine,
lu ticchie, lampejate di cchiappine,
ddore di ‘ncenze!…E atturne a chelu foche

cia rividive tutte chela ggente,
‘nche na lumucce a ojje, certe sere,
a leggere e spiehà lu Barbanere
e a conteggià’ la lune e la nenguene.

E chele facce?! Senza na mahagne,
ru sce di cuntentezze e di calore,
chhiù si ‘nfucave verse na cert’ore
‘nche vine nove e vrasce di castagne!

E a nu mumente mi parì perfine
di risentì’ la voce e lu cirrije
di Tate, Mammarosse, Za Conzije,
la favulette di Za Catarine,

la lamentire de’lu ‘ndruvarelle,
fuse, rosarie,’ndindalò di scianne
e la canzone de la ninna –nanne…
E alloche mmezze ‘nche na pipparelle,

Zi’ Ndree, lu cchiù ’struite e chhiù basate,
parlave di govirne e di brihànde,
sa rimpiagnè’ Francische e Ferdenande,
sa rimpiagnè’ pur’ isse lu passate!

<Ullère, ullère !…>Intante la scupine
mo si sintè’ cchiù forte e sempre ‘guale.
Pinzive:z’è fermate zi’ Pasquale?
Fammele j’ a sentì cchiù da vicine.

M’accapputtive bbone e ‘scive fore.
Nenguè’! Na neve frolle e appiccicugne,
nu vente fredde che scuppave l’ugne!
Vutive a la ruville di Giancore,

a la piazzette stave zì’ Pasquale:
na faccja rosce gni nu rafanelle,
scapille, avè’ pusàte lu cappelle
dacape a la zampogne. Le gambale

peluse, nu cappotte di suldate
vecchie, piene di bbusce e mezze gialle
se n’avè’sciuvelate da na spalle
e jè tuccave ‘nterre a l’atru late.

Strette vicin’ a jsse, nu quatrare
‘nche la bbarrette sotta lu ditelle
facè’ da prime ‘nche la ciaramelle.
Chi passave sentè’ lu scupinare

e ze fermave, po’ s’avvicinave;
j s’avè ’mpite attorne, e chela ggente
si stave allòche sotte a la nenguente.
E zi’ Pasquale dàije , cchiù zuffiave,

zuffiave ‘nche la vocche e ‘nche lu core
e chelu sone mi parè’ nu cante:
<La notte di Natale è notta sante!>
Di pruspette vidive ca zì’ Tore,

lu scarpare, avè’ perte la vitrine,
‘nche la mantère ‘nnanze abberrutate,
stava a sintì’ , mezze ‘ ncantesimate.
A la finestre Rose di Macrine

tramezze a lu spurtelle addoselàve.
Nu silenzie!…Cujète!…Chelu vente
di prime avè’ cessate e la nenguente,
leggire gnì na nùvola, calave,

mentre sajè pe’ àrie da la vie
lu sone di zampogne, e a la zampogne
ja rispunnè’ la vocia crechelògne
dell’acque de la fonte e lu cirrije

di na morre di pàssere affilate
sott’a lu cornicione de la Chiese.
Che ci’ à messe lu miele de le Cese?
penzave:che ci tè, la ciucculate

dentre a la vusciche? E’nu mistere!
Fa na sunate sole , sempre quelle!
Fa na sunate sole sempre bbelle!
Mannagge! Haje paure ca stasere

m’ abbracce zì’ Pasquale e…la scupine!
Ecchete arrive ‘Ndree, lu cantinire ,
nche lu vicàle ‘mmane e ddu bicchijre.
Si fece ‘nnanze, misurà lu vine

e disse:<Avante! Vive zi Pasquale!
Trent’anne che ci sune ‘sta nuvene
e da trent’anne ci vuleme bbene!
Tu sci nu cristḯane sempre ‘guale,

sempre ‘nche ssu strumente e ssu curpette!>
Appresse venne pure Martarelle
di ‘Nsigne ‘nche nu piatte di crispelle.
Ma zì Pasquale, nen je dese rette;

‘ngrambate a la zampogne, fece segne
gni quande vulè’ dire: nu mumente!…
E ne le sacce gnà je venne ‘ mmente,
se fu , gna t’ajie dire?…lu cuntegne

o si truvà cunfuse dell’onore…
Chi t’à crijate! Nen cagnà lu sone?!
Fece na ‘nciarmeḯate e che t’intòne?
Nu tanghe: Dormi bella sul mio core!.

E ci si arimpustà, pe’ la miserie!
Si tritticave, arifacè la mosse,
purtave la battute ‘nche la cosse!
Ariguardave attorne serie serie!

La ggente si smuvì! Se ne j une
e n’atre appresse, e gne s’alluntanave,
la neva bbianche e frolle arimantave
le pedate. Nci stave cchiù nisciune!

Zi Tore avè’ richiuse la vitrine
e s’arisentè’ vatte lu martelle,
za Rose avè ‘nserrate lu spurtelle!
Mi sentive nu grìccele a la schine,

ma ja rristive accante a core a core
pe’ dirije : Zi Pasqua’, steme a l’Abruzze!…
Lu campanone di ventiquattr’ore
sunà tre stucche, come tre sijjuzze!


 

La Novena di Natale

Ieri di giorno, nel primo pomeriggio
stavo accanto al fuoco e guardavo
verso il balcone, la nevicata
che incalzava. Quel cielo scuro,

la voce cupa del camino,
mi metteva una certa malinconia,
quando dal di fuori, dalla via,
cominciai a sentire che si propagava

un suono.- E’ un suono o un lamento!?
Ascoltai bene, e intanto sempre più
quel suono mi si avvicinava.
Si suona!? E’ vero che la gente

è matta!- Ma la ragazzina, Landina,
che stava col naso premuto
contro il vetro, scoppia in una risata
e saltellando mi dice:- E’ la zampogna!

Lo zampognaro! Un’altra novena!…
Quattordici, domani…Zì Pasquale
porta i santini di Natale…
Mi sentii qualcosa nelle vene!

Tu diresti: ora per una sciocchezza
simile ti scolori in viso?!
No, non sia detto! Ché ho un cuore
a pezzi, sfatto come una pera marcia,

che non ha forza più neanche a rispondere.
Ma ci sono cose come uncini,
appuntiti, a grappoli, che ti colpiscono
al cuore e te lo portano in un altro mondo.

Non occorre molto. Una canzone,antica,
un passero infreddolito che si lamenta,
la prima neve sulla montagna,
una rondine!…Perciò se dico

che ieri tra il fuoco e la nevicata,
di colpo, all’improvviso, la zampogna
mi fece accapponare la pelle,
credetemi. Che cos’è ?Niente!

Se ci si pensa, ti ci metti a ridere:
una cosa che si gonfia e un cannello,
fa una sola suonata, sempre quella,
e proprio quella, quando non te l’aspetti,

ti sfonda il petto e fa tremare il cuore!
E ieri rividi passarmi innanzi
il cielo verde dell’adolescenza,
con il lampo del primo amore!

E mi tornò in mente a poco a poco
la casetta antica, la cucina,
il ciocco , fiammate di pino,
odore d’incenso!E intorno al fuoco

rividi tutta quella gente,
con il lume ad olio, certe sere,
a leggere e spiegare il Barbanera,
a conteggiare le lune e le nevicate.

E quelle facce?? Senza un difetto,
rosse di contentezza e di calore,
più accaldate verso una certa ora
col vino nuovo e castagne alla brace!

E ad un certo punto mi parve perfino
di risentire la voce e il parlottare
di (mio) padre, della nonna, di zia Consiglia,
le favolette di zia Caterina,

il cigolio dell’arcolaio,
fusi, rosario, il dondolio di culle
e la canzone della ninna-nanna…
E là in mezzo, con una pipa ,

Zio Andrea, il più istruito e più posato,
parlava di governo e di briganti,
rimpiangeva Francesco e Ferdinando,
e rimpiangeva anch’egli il passato!

<Ullère, ullère!…>Intanto la zampogna
ora si sentiva più forte e sempre uguale.
Pensai: si è fermato Zì Pasquale?
Vado a sentirlo più da vicino.

Mi coprii bene e uscii fuori.
Nevicava!Una neve morbida e attaccaticcia,
un vento freddo che s’infilava sotto le unghie!
Voltai alla stradina di Giancore,

nella piazzetta c’era Zì Pasquale:
una faccia rossa come un ravanello,
a capo nudo, aveva posato il cappello
in cima alla zampogna. I gambali

pelosi, un cappotto di soldato
vecchio, pieno di buchi e mezzo giallo
gli era scivolato da una spalla
e gli toccava a terra, dall’altra parte.

Stretto accanto a lui un ragazzino
con il berretto sotto l’ascella
suonava “ il tema” con la ciaramella.
Chi passava sentiva lo zampognaro

e si fermava, poi si avvicinava;
si erano assiepati intorno, e quella gente
stava lì sotto alla nevicata.
E Zì Pasquale, con forza, soffiava forte,

soffiava con la bocca e con il cuore
e quel suono mi pareva un canto:
<La notte di Natale è notte santa!>
Di fronte vidi che zi Salvatore,

il calzolaio, aveva aperto la vetrina,
con il grembiule innanzi avvoltolato,
stava a sentire mezzo incantato.
Alla finestra Rosa di Macrine

tra lo sportello aperto ascoltava.
Un silenzio!…una quiete! Quel vento
di prima era cessato e la nevicata
leggera come una nuvola, scendeva,

mentre in aria saliva dalla via
il suono di zampogna, e alla zampogna
rispondeva la voce cristallina
dell’acqua della fonte e il chiacchierio

di uno stormo di passeri in fila
sotto al cornicione della chiesa.
Cosa ha messo, il miele de la “Cesa”?
pensavo: cosa c’è la cioccolata

dentro quella vescica? E’ un mistero!
fa una sola suonata, sempre quella!
Fa un a sola suonata, sempre bella!
Perbacco! Ho timore che stasera

mi abbraccio Zì Pasquale e la zampogna!
Ecco che arriva Andrea, l’oste,
con un boccale in mano e due bicchieri.
Si fece avanti, li riempì di vino

e disse:<Avanti !Viva Zì Pasquale!
Trent’anni che ci suoni questa novena
e da trent’anni ci vogliamo bene!
Tu sei un cristiano sempre uguale,

sempre con lo stesso strumento e lo stesso gilè!>
Dopo venne pure Martarella
di’Nsigne con un piatto di crispelle .
Ma Zì Pasquale, non le diede retta;

abbracciato alla zampogna,fece segno
come se volesse dire: un momento!…
Ed io non so come gli venne in mente,
se fu, come dire ? il ritegno

o si trovò confuso dell’onore…
Che Dio ti benedica! Non cambiò la suonata?!
fece un intrallazzo e che intona?…
Un tango: “ Dormi bella sul mio core!”

E si drizzava , per la miseria!
Si muoveva , a ritmo faceva la mossa,
portava la battuta con la coscia!
E si guardava attorno serio serio!

La gente cominciò a muoversi! Se ne andò uno
e poi un altro e mentre s’allontanavano,
la neve bianca e frolla ricopriva
le orme. Non rimase nessuno!

Zì Salvatore aveva richiuso la vetrina,
e si sentiva battere di nuovo il martello,
za Rosa aveva rinserrato lo sportello!
Mi sentii un brivido alla schiena,

ma gli restai accanto core a core,
per dirgli: Zì Pasquale, siamo negli Abruzzi!…
Il campanone della mezzanotte
suonò tre rintocchi, come tre singhiozzi!!!


[1] Modesto Della Porta, abruzzese di Guardiagrele 1885/1938 è stato un poeta italiano. Esercitò il mestiere di sarto. La sua cultura quindi, più che nascere dai libri scolastici, derivò dalla conoscenza dei proverbi e delle tradizioni abruzzesi. Gli si dà il merito di far conoscere la vita delle genti abruzzesi di un tempo: una vita povera, umile e fatta di immani sacrifici.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.