La Morte

di Sergio Emanuele Labanca [1]

la morte

La Morte [2]

Tieu ‘nde può arcurdeà quann’è ca fu
ca je e te c’engundrèmme la prima volda.
Me je scì, can ne l’haie scurdeàte cchiù:
ammurròive chigna la parèula se fòsse tolda!

Fu quanne vedòive nu galantéume
stòise daventre na cascia: allungheàte
nze muvàiva, fitte fitte, ru banéume,
ghienke la faccia e le vreàcce ‘ncreuceàte
‘Nduorne chi chiagnenne s’asskuova l’uécchie,
chi alhàva, kaccuvielle méu prehiàva;
se re vidive vuòne staveàne a cruocchie
gna a defennerse da caccausa ca re mpaèureàva!
Cu ru tièmbe je capòive ru pecchè:
tieu te ne jòive ell’’nduorne gereànne
mbaccia a quìre, a n’oltre, mbaccia a me,
a cuia, jùne a jùne, ce veà lasseànne!

Dapuò me faciòive gruosse; me mbarièrène
gna se feà pè te feà prassiè la huèrre;
e quanne juorne e mìsce cchiù passièrene
ijava prehànne pè nne vedaje cchjù créuce nderre!
Mèu te canoske vuone: je méu te sacce,
te vàide a onna stiè, se viè te sende;
nne me fié paèura, te huàrde mbaccia,
arsìste a ru suspòire tejja ca è triste viènde!
Nelvàira ca scì cenenna, zelléusa, brutte,
malvestéuta, struppeieàta, senza capìlle,
senza diènde e nuòse, e ke la carna destrutte,
ca daventre re vuòite dell’uécchie fiè favìlle!
Je te vàide alda e grossa, e ke la faccia moscia,
re capìlle strìtte arrète, gna nu tuppe lecheàte,
e ke l’uécchie azzùrre, mesa ghienke, mesa roscia,
re diènde liucéde, la vocca torta a na reseàta;
le vreàcce sò forte, e le miéne … sse miéne
tiènne le daita longhe e tanda d’ogna gròsse
e ne fràcete, sotte ru detille e dalle cosse!

Ackuscì grossa gna scì, te ne viè derìtta,
ijenne mbupazzeàta e mpusemeàta,
arròive alla musungàune e zìtta,
sèmbe de lécreme e cchiènde asseteàta.
Pè tande e tande tieu vié desedereàta:
t’aspetteàne suspereànne; dannazièune,
credennese ca doppe ca tieu scì arreviète
da re maleànne piònne avaje lebberazzièune!
Ma scì mallitta, nuska, cattòiva;
tieu fiè dammajje de dièvre: te tuoje tutte!
Naira è la vesta tajia quanne arròive:
e puòrte schìtta chiande, trestezze e lutte!
E nde siezzie miè: cubelle te feà pòita,
sémbe de huàrdia, leste a zumbà ‘ncuolle
a ru povre créstiene pè toieje la vòita,
felòice de vedaje chi l’uécchie arvulla!

Tieu arrùbbe ru potre o la matre a re fije,
scì na straja: ru spéuse te tuòglie a la spéusa,
scì na lìupa; ke re kolpe d’artije
se ne mmieégne ru kéure n’arpuèse!
Cièrte vòlde na feja ca è neàta
doppe mìsce de paine, suspòire e dulèure,
tieu te tuòglie lasseànne danneàta
l’alma e kuorpe, la mènde e ru kéure!
Te ‘ngrièsse de maleànne, malattòie, desgreàzzje;
se mbazziscene r’uomene e fiène la huerra,
re meglje ggiùvene a destrùje nde siézzie:
vié cacciejenne pé cèle, pé meàre, pè terra!

Je te so nemmòiche; nemmòiche ggiureàte.
Je ncanna na vòlda te vularroja afferreà
pè stregnerte ru cuolle, pè te feà na pesteàta,
pè romberte l’ossa e puterte schiandeà!
Je te sucurròja ru sanghe da le vàine,
te scengianarrja re capille jùne a jùne,
te scarciarrja ssa faccia de lìina chieine
ackuscì ‘ndarcanescesse cchjù nisciùne!
Se te se purtesse la furia de ru viènde
pè te l’umanetà cchjù nne chiagnésse:
se ru cèle facèsse de te perde la semenda
nn’ esistarrìsce cchjù: kesse je vulèsse!

Ma kelle ca je dòiche nne po’ miè esse;
ca tra tanda kàuse ca sò feàtte tòrte
la cchjù tòrta è abbonecunde kesse:
nge steà cuvielle ca seà accìdere la Morte !

La Morte – Traduzione

Non puoi ricordare quando
ci incontrammo la prima volta.
Io però sì e non l’ho più dimenticato:
restai di sasso, quasi muto!

Fu quando in una bara
vidi un uomo allungato,
che non si muoveva, fermo fermo, il poveretto;
bianco il viso e le braccia incrociate.
Attorno v’era chi, piangendo, si asciugava gli occhi;
chi sbadigliava, qualcuno pregava;
se non ricordo male stavano a crocchio
quasi a difesa da qualcosa che impauriva!
Con il tempo capii il perché:
[tu, o Morte] te ne andavi girando attorno attorno
dinanzi a quello, a un altro, a me,
a coloro che, l’un dopo l’altro, ci lasciavano!

Poi crebbi; m’insegnarono
in qual maniera bisognava fortemente combatterti;
e quando gli anni passarono
pregavo in cuor mio di non vedere più croci distese!
Ora ti conosco bene: ti conosco a fondo,
vedo dove sei, se arrivi ti sento;
non ti temo, ti guardo in faccia,
resisto al tuo respiro che è tristo vento!
È falso dire che sei piccola, tignosa, brutta,
malvestita, storpiata, senza capelli,
senza né denti e né naso, con la carne a brandelli,
mentre dalle orbite oculari emetti faville!
Io ti vedo alta e grossa, con la faccia flaccida,
i capelli stretti alla nuca, legati a tuppo,
con le iridi cerulei; mezza bianca e mezza rossa;
i denti lucidi, la bocca atteggiata a riso beffardo e cattivo;
le braccia forti, e le mani … quelle rapaci mani …
dalle lunghe dita e con le unghie grosse;
mentre un afrore terribile emani dalle ascelle e dalle gambe!

E così, grossa come sei, cammini dritta,
te ne vai tutta impupazzata e impomatata,
arrivi di soppiatto e silenziosa,
sempre di lagrime e disperazione altrui assetata!
Eppure da tanti sei desiderata:
ti aspettano sospirando; dannazione,
credono che una volta sopraggiunta
dai dolori possono avere liberazione!
Ma sei maledetta, tetra, cattiva;
fai dannare i demoni: arraffi tutto!
Nero è il tuo abito quando arrivi:
e porti solo pianto, tristezza e lutto!
E non ti sazi mai: nessuno suscita in te pietà,
sempre in allerta, lesta ad avventarti
sulle persone per togliere loro la vita,
felice di vedere chi rovescia gli occhi!

Tu rubi il padre o la madre al figlio,
sei una strega: lo sposo togli alla sposa,
sei una lupa; [sei] un rapace:
se non divori, il [tuo] cuore non riposa!
Talora appari appena si nasce
dopo mesi di pene, sospiri e dolori,
prendi con te la persona,
anima e corpo, mente e cuore,
lasciando, chi resta, nella dannazione più dura!
Ti ingrassi di malanni, malattie, disgrazie;
[per causa tua] si impazziscono gli uomini e fanno la guerra,
i migliori giovani distruggi; non ti sazi mai.
Come un cacciatore cerchi la preda in cielo, mare e terra!

Io ti sono nemico, nemico implacabile:
vorrei una volta per tutte afferrarti per la gola
per stringerti con forza il collo, vorrei picchiarti con forza
per romperti le ossa e poterti distendere!
Ti succhierei il sangue dalle vene,
farei scempio di te tirandoti i capelli a uno a uno,
ti schiaccerei questa faccia di luna piena
al punto che nessuno possa più riconoscerti!
Se ti portasse via la furia di un uragano
l’umanità non piangerebbe più per colpa tua:
se il cielo facesse perdere il tuo seme
non ci saresti più! È questo ciò che vorrei!

Ciò che sto dicendo, però, è cosa vana;
fra le tante cose sbagliate
la peggiore è soprattutto questa:
non c’è nessuno che sappia uccidere la Morte!


[1] Sergio Emanuele Labanca nacque a Napoli il 24 febbraio 1925 e sin da piccino abitò ad Agnone. Medico, si dedicò con passione a molteplici espressioni culturali, spaziando dalle poesie alla musica e dal teatro alle novelle. I suoi versi cantano la natura e i momenti di vita intrisi di sentimenti, malinconia, spiritualità e speranza. Labanca morì a Isernia il 30 ottobre 1996.
[2] Questa poesia fu scritta nel 1967, seguendo, nella scrittura, le regole del Vocabolario Cremonese.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Con linguaggio fortemente realistico il poeta- MEDICO ha affrontato un tema duro ed universale, quello della MORTE. Tutta la drammaticità della morte che colpisce un essere giovane, ancora nel pieno vigore di vita –per guerra o disgrazia – in terra, in cielo, in mare – è descritta con le immagini più brutte a lei rivolte: strega, lupa, rapace… A cui però nessuno può sfuggire, che fa paura, perché forse coglie l’uomo quasi sempre impreparato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.