Home / Cultura / Cultura Popolare / La donna testarda – La femmene cucciute

La donna testarda – La femmene cucciute

di  Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano del comune di Fallo (Ch)

 

‘Na femmene z’era spusate, contre la vulutà sé, a n’ome chi ere tanta ricche, ma chi era pure tante stinge.
Una donna aveva sposato, contro la sua volontà, un uomo che era molto ricco ma altrettanto avaro.

A la femmene, chi era cucciute come nu mule e chi nin zi vuleve fa cummannà, i piaceve i vistuta bbone e i girenne. Litichieve spisse nchi lu marite picchè nin i vuleva dà li soldi pi fa li cose chi diceve esse. Quanna i circave coccose, e l’ome nin gni la vuleve dà, cuminzave a litichiè e a dice a lu marite ca ere nu pidicchiuse.
Alla donna, che era testarda come un mulo e che non si voleva far comandare, piaceva vestire bene e girare per i paesi vicini. Litigava spesso con il marito perché quest’ultimo non voleva darle i soldi per poterne fare ciò che voleva. Quando chiedeva qualcosa e l’uomo glie la rifiutava, cominciava a litigare ed a dire al marito che era un pidocchioso.

Lu marite pi na ‘nzegne la suppurtette, ma nu juorre, nin putennene chiù, i dicette:- Si mi continue a dice ca so piducchiuse, cò juorre di chiste, prime ti dienghe nu suacche di mazzate e doppe ti iette dentre a lu puzze. –
Il marito per un certo tempo la sopportò, poi un giorno, non potendone più, le disse: – Se mi continui ancora a dire che sono un pidocchioso, un giorno o l’altro prima ti do un sacco di botte e poi ti getto nel pozzo. –

E i so’ tanta cucciute ca pure mentre mi stienghe murenne, ti diche ca tu si pidicchiuse, pidicchiuse e pidicchiuse! – arispunnette la moglie.
– Io sono talmente cocciuta che pure mentre sto morendo ti dico che tu sei un pidocchioso, pidocchioso, pidocchioso! – rispose la moglie.

Nu juorre la femmene circhette a lu marite li solde pi nu vistite. L’ome nin i li vulette dà picchè, dicette, già lu juorre prime esse z’era accattate ‘n altra veste. La moglie allore z’arrajette e zi ni scette nchi li solite parole: – Tu nin mi vuò accattà lu vistiti picchè si nu pidicchiuse! –
Un giorno la donna chiese al marito i soldi per un vestito. L’uomo glieli rifiutò dicendo che già il giorno prima aveva acquistato un abito. Questo fece arrabbiare molto la moglie che prese ad apostrofarlo con le solite parole: – Tu non vuoi comprarmi il vestito perché sei un pidocchioso! –

Lu marite allore z’arrajette, e mentre dave tre o quattre schaffatune a la moglie diceve:
– T’era ditte, cà nin m’avive chiù chiamà accuscì; cèrchime subbite scuse, sinnò t’accite di mazzate! –
– Pidicchiuse! – diceve la moglie mentre z’ariparave la facce.
– Dì ca nin so pidicchiuse! – aripiteve lu marite, mentre cuntinuave a minà.
– Pidicchiuse! –
– Chi è pidicchiuse? –
– Tu si pidicchiuse! Pidicchiuse, pidicchiuse! –
– E i ti ette dentre a lu puzze! –
– A me nin mi nin ‘mporte e tu si pidicchiuse! – alluccuave ancore di cchiù la moglie.

Il marito allora si arrabbiò e prese a picchiare la moglie dicendole:
– T’avevo detto di non chiamarmi più così; chiedimi subito scusa, altrimenti ti ammazzo di botte! –
– Pidocchioso! – diceva la moglie mentre si riparava il viso dai colpi.
– Dimmi che non sono pidocchioso ! – ripeteva il marito, mentre continuava a picchiare.
– Pidocchioso! –
– Chi è pidocchioso? –
– Tu sei pidocchioso! Pidocchioso, pidocchioso! –
– E io ti getto nel pozzo! –
– A me non importa e tu sei pidocchioso! – urlava ancora di più la moglie.

L’ome allore l’acchiappette nchi na curdelle, la minette dentre a lu puzze e mentre la femmene z’affunnave lu marite i’addummannave:
– Chi je pidicchiuse? –
– Tu si pidicchiuse! – e lu marite l’affunnave di cchiù dentr’allacche.
Quanna l’acche jarrivette nganne la femmene ancora alluccuave:
– Pidicchiuse! Tu si nu pidicchiuse! –

L’uomo allora la prese, la legò ad una fune, la mise nel pozzo e mentre la donna affondava il marito le domandava:
– Chi è pidocchioso? –
– Tu sei pidocchioso! – e il marito continuava a farla affondare.
Quando l’acqua le arrivò alla gola la donna ancora urlava:
– Pidocchioso! Tu sei un pidocchioso!-

Allore l’ome lassette completamente la curdelle e la femmene jette a finì nchi la cocce sott’allacche. E mentre zi stave p’affucà, allunghette li vracce fore dall’acche, chiudette li puonije, avvicinette li ddù pollice e cuminzette a move li miene come si stesse acciacchenne li piduocchie.
Allora l’uomo mollò del tutto la corda e la donna finì con la testa sott’acqua. E mentre stava per annegare, distese le braccia fuori dall’acqua, chiuse i pugni, avvicinò i due pollici ed iniziò a muovere le mani nel gesto di chi schiaccia i pidocchi.

Pure mentre zi stave affuchenne cuntinuave a fa signe a lu marite ca era nu pidichhiuse.
Anche mentre affogava la donna, a gesti, continuava a dire al marito che per lei, lui era sempre un pidocchioso.

-.-.-.-.-.-.-

 

Come sia finita la donna testarda e il suo manesco marito non è dato saperlo, ma ancora oggi, quando a qualcuno particolarmente irremovibile dalle sue decisioni si dice “Pidicchiuse!” facendo seguire la parola con l’eloquente gesto dello schiacciare un pidocchio tra i pollici, gli si vuole far intendere che la sua testardaggine potrebbe portarlo alla rovina.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.