Home / Cultura / Tradizioni / Gastronomia / Antipasti / La Curatelle d’Agnielle

La Curatelle d’Agnielle

.
.

Coratella d’Agnello
di Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano

Versate l’olio in un tegame, possibilmente di coccio, e fatevi soffriggere l’aglio sbucciato…….

.

.

.

Quest’antipasto è sicuramente tra i più classici della tradizione abruzzese; veniva consumato a metà mattinata, soprattutto nei giorni dedicati alla trebbiatura, come una vera e propria seconda colazione, che seguiva quella che era stata consumata alle prime luci dell’alba. Può essere eseguita anche impiegando coratella di capra in luogo della coratella d’agnello e ai giorni nostri può essere proposta, oltre che come antipasto, anche come spuntino.

Ingradienti
(per 4 persone)

400 grammi di coratella d’agnello (cuore, polmoni,fegato);
150 grammi di pomodori maturi;
1 cipolla;
2 peperoncini rossi dolci;
1 spicchio d’aglio;
2 foglie d’alloro;
1 rametto di rosmarino;
1 bicchiere di vino bianco,
1 dl di olio extravergine d’oliva;
sale;
peperoncino rosso in polvere.

Vino consigliato:
Montepulciano d’Abruzzo
Cerasuolo

Preparazione
Lavate accuratamente la coratella, sbollentatela e tagliatela a fettine.
Versate l’olio in un tegame, possibilmente di coccio, e fatevi soffriggere l’aglio sbucciato, le foglie di alloro, il rosmarino, la cipolla sbucciata e i peperoncini puliti e tagliati a pezzetti.
Quando l’aglio è dorato, eliminatelo e versate nel recipiente le fettine di coratella, salate e insaporite con un po’ di peperoncino rosso piccante in polvere.
Lasciate cuocere per qualche minuto a fiamma allegra e poi abbassatele a proseguite la cottura per mezz’ora, aggiungendo il vino, i pomodori e un po’ d’acqua. I pomodori migliori in questo caso sono indubbiamente quelli “a lampadina”. Servite ben caldo.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.