Home / Cultura / Cultura Popolare / La biscia

La biscia

di Benedetto Di Sciullo[1] e Giovanni Mariano [2]

biscia 1

Biscia (Natrice) dal collare (Natrix natrix)
tipo: cordati (chordata)
classe: rettili (reptilia)
ordine: squamati (squamata)
genere: natrix
specie: natrix natrix

E’ legata all’acqua e alle zone umide, ma s’incontra anche in luoghi lontani dai fiumi, torrenti e stagni. Il colore della sua pelle è grigio-olivastro con punteggiature brune e un collarino giallastro, o scuro in età adulta. Può raggiungere una lunghezza di oltre 150 centimetri. Le femmine, a pari età, sono più grandi dei maschi, inoltre il loro capo è più largo. Il suo carattere è docile: non si ribella mai, anche se catturata dalle tue mani. Per difendersi dalle aggressioni, però, emette dall’apertura anale una sostanza maleodorante, che ti induce subito a ridarle la libertà. Fanno parte delle sue prede: rane, rospi, piccoli pesci, girini, tritoni, topi e arvicole.


Il serpente è stato da sempre nell’immaginario collettivo un animale legato a qualcosa di detestabile da tenere a debita distanza. A Fallo e in tutto l’Altosannio questa regola non è da meno anzi è forse molto più sentita soprattutto perché non esiste una netta distinzione fra i vari tipi di serpente: tutti i rettili (tranne forse la tartaruga, la lucertola e il ramarro) sono accomunati con l’unico appellativo di “serpe”. Così, il mito orbettino e la velenosa vipera poiché facenti parte di un’unica specie, spesso sono confusi l’uno con l’altra. Entrambi sono quindi pericolosi e vanno, per questo motivo, soppressi.

In quasi tutto l’Abruzzo si narrano moltissime vicende legate ai serpenti, vicende che spesso sfiorano la leggenda. In una società contadina il contatto con la natura e con gli animali era, fino a qualche tempo fa, cosa abbastanza comune e per questo, narrare di aver veduto un “Cervone” era, soprattutto per gli anziani, motivo di vanto. Tale tipo di serpente esiste effettivamente in natura, ma dalla società contadina la sua apparizione era considerata eccezionale forse perché “‘na serpe nchi li corne è come lu diàvvele” (un serpente con le corna è come il demonio). In effetti, il Cervone altro non è che una grossa biscia e deve il suo nome al fatto che i pastori quando la incontravano mentre incominciava a cambiare pelle, scambiavano per corna la vecchia cute della bocca rivoltata sulla nuca.

Il Cervone è inoltre chiamato anche “‘mpastoravacche” (letteralmente impastoia mucche) o “serpa lattarole” (serpente del latte) nome derivato da una credenza popolare, priva peraltro d’ogni riscontro reale, per la quale i Cervoni sarebbero ghiottissimi di latte, e “per ottenerlo si attaccherebbero addirittura alle mammelle delle mucche e delle capre”.

A tale proposito, nel nostro paese, si raccontano, spesso con dovizia di particolari, vicende legate a puerpere gonfie di latte che, ipnotizzate nel letto da serpenti arrampicatisi su per le scale e giunti fino a loro, erano “depredate” del latte destinato al neonato. Tali racconti erano spesso narrati nelle sere invernali intorno al camino agli attentissimi bambini che così imparavano a loro volta ad odiare questi affascinanti ed interessantissimi animali.


[1] Benedetto Di Sciullo, Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti.
[2] Giovanni Mariano, Abruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Copyright:  Faldus
Editing: Enzo C. Delli Quadri

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.