Home / Cultura / Cultura Popolare / LA ‘ATTE NCHI LA NNOCCHE – LA GATTA COL FIOCCO

LA ‘ATTE NCHI LA NNOCCHE – LA GATTA COL FIOCCO

Aneddoto [1] Almosaviano di Benedetto di Sciullo [2] e Giovanni Mariano [3] del comune di Fallo (Ch)

Gatta con il fiocco.

Ci stave ‘na volte ‘na ‘atte chi nu juorre, nchi la scuse ca z’aveva spusà, zi mittette ‘na bella nnocche attuorre a lu cuolle e z’affaccette a la finestre. Tutte l’animale chi passave z’arivultave a guardarle e jonne faceve li cumplimiente pi coma era belle.
C’era una volta una gatta che un giorno, dicendo di volersi sposare, mise un bel fiocco intorno al collo e si affacciò alla finestra. Tutti gli animali che passavano si voltavano a guardarla e le facevano i complimenti per la sua bellezza.

Passette pure nu cuane chi j’addummannette:
– Signora ‘atte, chi fiè a la finestre? –
– Eh! Mi vuoglie maritiè. – Arispunnette la ‘atte.
– Vuò a me? – Addummannette lu cuane.
– Famme sintì chi vocia tiè! –
– Bau, Bau! – Abbaiette lu cuane.
– Nin fiè pi me, nin fiè pi me! – Dicette la ‘atte, e lu caccette.
Passò anche un cane che le chiese:
– Signora gatta che fai affacciata alla finestra? –
– Eh! Mi voglio maritare. – Rispose la gatta.
– Vuoi sposare me? – Domandò il cane.
– Fammi sentire la tua voce! –
– Bau, Bau! – Abbaiò il cane.
– Non fai per me, non fai per me! – Disse la gatta, e lo scacciò.

Passette nu ualle.
– Signora ‘atte, chi fiè a la finestre? –
– Eh! Mi vuoglie maritiè. –
– Vuò a me? –
– Famme sintì chi vocia tiè! –
– Chicchiricchì, chicchiricchì! – Cantette lu ualle.
– Nin fiè pi me, nin fiè pi me! – Dicette la ‘atte, e lu caccette.
Passò un gallo.
– Signora gatta che fai affacciata alla finestra? –
– Eh! Mi voglio maritare. –
– Vuoi sposare me? –
– Fammi sentire la tua voce! –
– Chicchiricchì, chicchiricchì! – Cantò il gallo.
– Non fai per me, non fai per me! – Disse la gatta, e lo scacciò.

Passette n’asinielle.
– Signora ‘atte, chi fiè a la finestre? –
– Eh! Mi vuoglie maritiè. –
– Vuò a me? –
– Famme sintì chi vocia tiè! –
– Iioooo, iioooo! – Ragliette l’asinielle.
– Nin fiè pi me, nin fiè pi me! – Dicette la ‘atte, e lu caccette.
Passò un asinello.
– Signora gatta che fai affacciata alla finestra? –
– Eh! Mi voglio maritare. –
– Vuoi sposare me? –
– Fammi sentire la tua voce! –
– Iioooo, iioooo! – Ragliò l’asinello.
– Non fai per me, non fai per me! – Disse la gatta, e lo scacciò.

Passette nu surgitte.
– Signora ‘atte, chi fiè a la finestre? –
– Eh! Mi vuoglie maritiè. –
– Vuò a me? –
– Famme sintì chi vocia tiè! –
– Ziii, ziii!- Facette lu surgitte.
– Chi bella vucette chi tiè! – Dicette la ‘atte. – Saglie, saglie sobbre ca mi ti vuoglie spusà!-
Lu surgitte sagliette sobbra a la finestre e z’avvicinette a la ‘atte chi lu cuminzette a accarizzà:
– Chi belle ricchitelle chi tiè, chi bella cutarelle e chi belle baffitte! – Diceve la ‘atte chi chiene
chiene cacciave l’ogne dafore. Pò, quanna lu surgitte nin zi l’aspittave, l’acchiappette e zi lu
magnette.

Passò un topolino.
– Signora gatta che fai affacciata alla finestra? –
– Eh! Mi voglio maritare. –
– Vuoi sposare me? –
– Fammi sentire la tua voce! –
– Ziii, ziii!- Squittì il topolino.
– Che bella vocina che hai! – Disse la gatta. – Sali, sali sopra che ti voglio sposare! –
Il topolino salì sulla finestra e si avvicinò alla gatta che cominciò ad accarezzarlo:
– Che belle orecchiette che hai, che bella codina e che bei baffetti! – Diceva la gatta che pian piano
sfoderava le unghie. Poi, quando il topolino non se lo aspettava, lo afferrò e lo mangiò.

.

Questo aneddoto è una favola che era raccontata ai bambini con lo scopo principale di insegnare loro i versi degli animali. Il finale racchiude però anche una morale: non fidatevi troppo di chi vi loda!

_____________________________
[1] Aneddoto = Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno
[2] Benedetto Di Sciullo, Abruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti.
[3] Giovanni Mariano, Abruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Musica:  Stefano BERTONI Meraviglioso   
Editing:
Enzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.