Home / Cultura / Cultura Popolare / L’ pret’ taje – Le tue pietre

L’ pret’ taje – Le tue pietre

di Esther Delli Quadri 

particolare_del_portale-della-Chiesa-di-SantEmidio-AgnoneL' pret' taje

Le tue pietre

Ti ho lasciato
non me ne son mai pentita
Volevo il mondo intero
volevo Vivere
Vivere cento vite
e volevo conoscere tante cose.

Allora, perché 
mi stai dentro al cervello
come un tarlo
come un chiodo fisso?

Ho visto tante cose
e tanti posti 
belli,
più belli di te.

E, alla fine, ho capito perchè,

Tutte quelle belle cose
son dentro agli occhi miei
ma son le tue pietre che mi porto appresso
e che mi riempiono l’anima

 


Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

About Esther Delli Quadri

Esther Delli Quadri, molisana di Agnone, ex-insegnante, ha conservato intatto l'amore per il suo paese d'origine. Si occupa, amabilmente, di cultura e al suo territorio nativo dedica molte delle sue espressioni emotive.

Un commento

  1. Le prime “pietre”, cioè le componenti fisiche e spirituali, le prime albe e i primi tramonti, sono veramente “pesanti “ per la nostra formazione futura e perciò non si dimenticheranno, come la lingua parlata sulle ginocchia della propria madre.
    La ricchezza culturale successiva amplia e conclude l’apprendimento infantile, ma certo non ne cancella il delicato ricordo… nella poesia espresso con parole discrete e poetiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.