Home / Cultura / Cultura Popolare / J’ lotte pe’ n’ideale

J’ lotte pe’ n’ideale

di Rodrigo Cieri [1]

promesseelettorali

J’ lotte pe’ n’ideale

«J’ lotte sempre appress’a n’ideale,
j’ n’facce pe’ ‘nteresse la puleteche,
j’ pense sole all’altre e quešte vale,
j’ custruisce bbone nche la criteche».

È chište le parole che ze sente
da chi se mette ‘nnanze pe’ na cariche;
tè ‘n core lu penziere de la ggente,
la mente de pruggitte è štracariche.

Arrive finalmente a lu cummanne:
«J’ porte la štradelle a chell’amiche;
la luce a lu parente n’ gne le manne?

Nu pušte cchiù ‘mpurtante mm’è permesse!»
«Chi ha credute a tté mo’ che j’e diche?»
«Se scappe št’uccasione so’ nu fesse!

Io lotto per un ideale

«Io lotto sempre per un ideale,
io non faccio per interesse la politica,
io penso solo agli altri e questo vale,
io costruisco bene con le critiche».

Son queste le parole che si sentono
da chi si mette innanzi per la carica;
nel cuore ha il pensiero della gente,
la mente di progetti è stracarica.

Arriva finalmente al comando:
«Io porto la stradella a quell’amico;
la luce al parente non la mando?

Il posto più importante mi è permesso!»
«A chi ha creduto a te mo che gli dico?»
«Se perdo l’occasione sono un fesso!»

 


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

About Rodrigo Cieri

Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Un commento

  1. Dire la verità con ironia / è la cosa migliore che ci sia!
    Questo il succo della poesia di un poeta che- prima ancora o insieme alla poesia -ha fatto politica attiva con incarico di primo cittadino al suo paese CELENZA ,e veramente con la TENSIONE IDEALE di essere il primo a dimostrare lungimiranza e senso di collaborazione. E ciò gli è stato riconosciuto al 99% … beh l’1% di ingratitudine al mondo d’oggi si può sopportare!

Rispondi a MARISA GALLO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.