Home / Cultura / Turismo in Altosannio / Itinerari / A Piedi / Il Nomade Silenzio

Il Nomade Silenzio

di Luciano Pellegrini

Un nomade in ginocchio mentre alza verso il cielo l’ostia della misericordia e recita: Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba

PresentazioneC’è la crisi ambientale, lo sforzo è cercare la soluzione, ma con la collaborazione e l’interesse di tutti

Amo la solitudine, fa parte del mio carattere, è spontanea, è il mio modo di fare. Il vagabondare per i monti, mi fa gustare tutto ciò che mi circonda, soprattutto il rumore del silenzio, Il Nomade Silenzio. Dialogo con il canto monotono, ripetitivo, lamentoso (cucù…cucù…) del cuculo. Mi fa compagnia e gli rispondo, peccato che non si fa mai vedere, è un volatile eccezionalmente bello, con il frinìo delle cicale ed il cri-cri dei grilli. Sono insetti solitari. 

Qualche volta incontro una persona, o… sempre più difficile, un pastore, e parliamo della dura vita che fa. Mentre gli parlo riflette e guarda lontano. La sua giornata la trascorre appoggiandosi al suo bastone, sorveglia il gregge con i suoi cani, mangia un pezzo di formaggio, il gregge rientra il pomeriggio ed inizia la mungitura. Prepara il formaggio e la ricotta solo quando è sicuro di scendere a valle. In questo giorno, chiude lo stazzo e parla con i cani di fare buona guardia. Dorme su un materassino, non conosce le comodità. Che insegnamento, che vagabondo. 

Quando decido di raggiungere una vetta, anche se l’ho fatta tante volte, trovo sempre un nuovo stimolo. Ogni volta c’è qualcosa di diverso. Il vento, le nuvole, la nebbia, la pioggia, la neve. Ciò che non cambia mai è il silenzio, rotto dal rumore dei miei passi e dal mio respiro. Risaltano il Nomade silenzio ed il Rumore del silenzio. 

Purtroppo, sempre più si è costretti a subire l’aggressione all’ambiente, specialmente per il rumore dei motori delle vetture e delle moto. Volevo riscoprire un sentiero e percorrevo una valle. La nebbia rendeva il posto suggestivo, da fiaba. Un rumore, come una sega, mi frena, mi blocca, non vedo nessuno. Penso, sarà un taglialegna, ma presto mi accorgo che è il rumore di una micro car guidata da un adulto che con noncuranza mi ha salutato. Un fungarolo? Intanto l’incantesimo si è rotto.

Vagabondare significa anche allontanarsi dalla confusione della vita cittadina e provare nelle valli infinite, quasi senza uscita, l’angoscia del silenzio.

________________________________
Copyright: Altosannio Magazine
EditingEnzo C. Delli Quadri

About Luciano Pellegrini

Luciano Pellegrini Abruzzese di Chieti, oggi in pensione, continua, con dedizione, a praticare le sue passioni: Alpinismo, Ambientalismo, Fotografia, Reportage, Viaggi, Gastronomia, scrivendone su web, carta stampata, su riviste anche on-line.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.