Home / Cultura / Cultura Popolare / Il Mondo di Maria – Facebook, un tempo.

Il Mondo di Maria – Facebook, un tempo.

di Maria Delli Quadri [1] 

showimg2Nel 1943 l’ approvvigionamento alimentare era diventato difficilissimo. Il mercato libero non offriva nulla, i negozi non avevano merci, salvo quelle che erano state nascoste e che poi venivano vendute in segreto a prezzi maggiorati. La distribuzione dei viveri si faceva con le carte annonarie, divise in tagliandi su cui era scritto il peso e il genere di ogni alimento; pagando si potevano ricevere pane, riso, pasta, zucchero. Le razioni erano ridotte al minimo.

Niente sapone, caffé, tabacco. Il caffé veniva fatto con i  ceci abbrustoliti e i fumatori usavano foglie di patate o di noce essiccate. Il sapone si faceva in casa con i grassi residui messi in un caldaio a bollire con la potassa [2] [3]. La carne veniva distribuita una volta alla settimana, pochi grammi  a testa. Davanti alle macellerie si facevano lunghe code fin dal mattino presto. Se si arrivava tardi si tornava a casa con le mani vuote. Alcuni si ingegnavano come potevano: portavano gli sgabelli per non rimanere in piedi tanto tempo, altri, per rendere più allegra l’attesa, portavano mandolino e chitarra e facevano “u cuncertine”. Questi piacevoli trattenimenti musicali all’aperto alleviavano la noia della lunga fila presso il macello e davano conforto alle persone che stavano lì ore e ore, in attesa di sbrigarsi. E, come le donne alla fontana o al forno, gli uomini dell’attesa (perché erano per lo più padri di famiglia) facevano correre e circolare notizie su questo e su quello su  “lei e su lui”. OGNI MONDO E’ PAESE. Come a leggere un giornale, essi, poi, portavano a casa le ultime novità apprese in questi raduni. Le donne aggiungevano il resto.

_________________________________
[1] Maria Delli Quadri: Molisana di Agnone (IS), prof.ssa di Lettere, oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti. 

About Maria Delli Quadri

Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere. Amava la musica, la lettura e l'espressione scritta dei suoi sentimenti.

2 commenti

  1. Questo mondo di Maria che ci riporta ad un “Amarcord” meraviglioso. Grazie.

  2. mi commuovono molto questi ricordi…

Rispondi a Rita Cerimele Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.