Home / Cultura / Cultura Popolare / Il mondo di Maria Le sagne…se ne scappano

Il mondo di Maria Le sagne…se ne scappano

Racconto di Maria Delli Quadri[1]

Sagne a Tacconi

Le sagne se ne scappane…..

Uoje m’haje magnìate le sagne a tacchìune che ru siuche de pemmadurelle fresche. Mo’ se chiemane ” pachino”. So’ scteate specjale! Na tiella sopra a ru gas e, quande l’acqua ha vullìute, proima na sctizza d’uoglie e dapùa le sagne a ciambéate, tande meu nen s’appiccecane chiù gne na volda.

Mendre faciaiva sctu fatte m’haie arcurdéate ca na volda le sagne s’ammenàvane ìuna a ìuna, sott’a la cemmenóira, dendre a ru cuttrielle che vullaiva e eva sembre volle, e tutte quende evana scteà loche attorne: chi attezzìava, chi gerìava, e chi ammenàva. Faciavàme na folla che nen te dóiche. Ioje eva cenénna e pàtreme me deciàiva: “levate da esse, va’ a chiude la porta ca se no le sagne se ne scappane. Ioj ce credaiva e curraiva veramende, dapùa vedàiva ca la porta sctéava già chìusa e deciaiva: “Sctà chìusa!” E tutte redevane.

Uóje, ioje l’haie cotte, i’ séula, e “chesse é tutte”, decette la banda de SCHÍAVE.


Le sagne se ne scappano.

Oggi ho mangiato le sagne a tacconi con il sugo di pomodorini freschi. Si chiamano “pachino”. Sono state saporite. Una pentola sopra al gas e, non appena l’acqua ha preso a bollire, dapprima un pò di olio e, poi, le sagne a manciate, anche perché, oggi, esse non si attaccano.

Mentre cucinavo ho ricordato quando una volta le sagne venivano gettate (quasi lanciate) una ad una, sotto il camino, dentro al paiolo con l’acqua che bolliva e doveva sempre bollire e tutti dovevamo stare attorno: chi rinfocolava, chi girava, e chi gettava. Era una folla che non ti dico. Io ero piccola e mio padre mi diceva: “togliti da li, va a chiudere la porta altrimenti le sagne scappano”. Io gli credevo e correvo veramente, poi vedevo che porta era chiusa e dicevo: “Sta chiusa”. E tutti ridevano.

Oggi le ho cotte, da sola. E “questo è tutto”disse la banda musicale di Schiavi.

 

 


[1] Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Maria Delli Quadri

Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere. Amava la musica, la lettura e l'espressione scritta dei suoi sentimenti.

Un commento

  1. cara MARIA , LA BELLEZZA DEI TUOI SCRITTI è NELLA FRESCHEZZA DELLA “PENNELLATA”!
    MEGLIO DI UN PITTORE FAI VEDERE LE SITUAZIONI…E SPECIE CHI LE HA VISSUTE NELLO STESSO MODO DA BAMBINO…NON Può CH GODERNE IL RICORDO…INGENUO E FUGGEVOLE.

Rispondi a MARISA GALLO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.