Home / Cultura / Cultura Popolare / Il Mondo di Maria – Le “parafellə”

Il Mondo di Maria – Le “parafellə”

Les Chuchoteuses, bronze de Rose-Aimée Bélanger.
“Le sussurratrici”, Montreal (Bronzo di Rose Aimée Bélanger)

Al mio paese i pettegolezzi si chiamano “parafelləe le pettegole “parafellòirə”.
Nel Barbiere di Siviglia viene cantata un’aria che comincia così: “La calunnia è un venticello…” L’espressione evoca subito l’immagine di due o più persone che mormorano e dicono male di un’altra che al momento è assente e non sa (poverina) di essere il bersaglio delle contumelie altrui.
Il venticello cammina, avanza, s’ingrandisce e prende forza sì da diventare quasi un tornado che si abbatte sulla povera disgraziata; costei ignora di avere dietro le spalle il macigno della maldicenza. Poi un’amica “pietosa”, “mossa a compassione” della poveraccia, l’avverte, le riferisce i pettegolezzi, ci aggiunge qualcosa di suo, toglie e mette, “caccia e ficca” come si dice, e la frittata è fatta. La vittima ci resta male, se è colpevole non avrebbe voluto che si sapesse, se è innocente si difende e contrattacca per cui, diciamolo col poeta: “Parva (piccola) favilla gran fiamma secunda”.
Scoppia il ciclone, dapprima si smentisce, si giura e si spergiura, poi le mani si posano sul petto o sul “cuore”, luogo universalmente riconosciuto come sede nobile della coscienza e si nega accusando gli altri.
L’atto finale delle parafelle è “ru facciafruntə”: i due o più spergiuri si affrontano e in una sorta di duello gridato, si rinfacciano colpe vere o presunte, si litiga di brutto, volano ceffoni e, se sono donne, possono restare in mano anche ciocche di capelli avversari , mentre il turpiloquio regna sovrano, in cui la parola più pulita è Tuo marito cornuto
I contendenti, per lavare l’onta, andranno a confessarsi, credendo così di lavarsi l’anima. Quante Ave Maria di penitenza o “Atti di dolore” darà il prete?.

 


[1] Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l’espressione scritta dei suoi sentimenti.

Copyright  Altosannio Magazine
EditingFlora Delli Quadri 

About Maria Delli Quadri

Maria Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), già Prof.ssa di Lettere oggi in pensione. Ama la musica, la lettura e l'espressione scritta dei suoi sentimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.