Home / Cultura / Cultura Popolare / Il grillo nei campi, nei ricordi, nei racconti

Il grillo nei campi, nei ricordi, nei racconti

A cura di Benedetto Di Sciullo [1] Giovanni Mariano [2]

il grillo 1Classe: Insetti
Famiglia: Grillidi
Ordine: Ortotteri
Sottordine: Enfiseri


Nei Campi

Più conosciuti con i nomi di cavallette, grilli e locuste, sono insetti di norma caratterizzati dal notevole sviluppo delle zampe posteriori, in relazione alla spiccata attitudine al salto, e dalla presenza di organi acustici e stridulatori.

Hanno dimensioni molto varie, da appena pochi millimetri sino a 15 cm. Nella maggior parte dei casi sono mediocri o pessimi volatori, tuttavia le forme gregarie di alcune specie migratrici sono capaci di volare ininterrottamente anche per giorni (Schistocerca, Locusta, ecc.).

La colorazione del corpo è molto varia, uniforme o variegata; molto frequenti sono le forme verdi o brunastre.

Uno dei fenomeni più interessanti di questi insetti, sia dal punto di vista biologico che applicativo, è quello del gregarismo che porta alla formazione di orde migratrici costituite da un numero sterminato di individui.

Ampiamente diffusi sulla Terra, gli Ortotteri comprendono un gran numero di specie, quasi 20.000, per la maggior parte concentrate nelle regioni tropicali e in quelle subtropicali. Si rinvengono negli ambienti più disparati, dal livello del mare fino a quote molto elevate.

L’alimentazione è molto varia e per alcuni è rappresentata unicamente da vegetali; buona parte si nutre sia di vegetali che di resti animali; qualche gruppo è decisamente carnivoro. Se si escludono i flagelli provocati dalle invasioni delle forme gregarie migratrici, questi insetti non arrecano danni apprezzabili alla vegetazione e alle colture.


Nei ricordi

“Siente, siente, gnà cante li grille?” (Senti, senti, come cantano i grilli?). Era questa la domanda che spesso i grandi rivolgevano ai bambini nelle sere estive passeggiando per le strade del paese o di giorno negli assolati sentieri di campagna.

Sarà forse per questo motivo che questo insetto ha rappresentato, per i piccoli prima e per gli adolescenti dopo, l’oggetto di uno “studio” più approfondito.

Chi non si è divertito almeno una volta a catturare un grillo ed a togliergli le zampe posteriori in modo da impedirgli di saltare? Pratica certamente crudele, ma sicuramente istruttiva perché consentiva non solo di vedere l’insetto da vicino, ma anche di guardarlo mentre masticava i fili d’erba che gli venivano avvicinati alle mandibole.

Lo stesso animale era poi spesso catturato per essere utilizzato come esca per l’amo quando si andava a pescare nel fiume Sangro e non era raro vedere i ragazzi girare per le campagne con barattoli pieni di animali saltellanti. Che poi fossero buone esche per i pesci era tutto da dimostrare, ma intanto il divertimento durante la loro cattura era assicurato.


Nei Racconti

Poco gradito ai contadini per la sua voracità, quest’insetto era il protagonista di molti aneddoti più o meno noti, ma tutti ugualmente singolari. È tipico quello che racconta dell’uomo soprannominato “Grille” (grillo, appunto) il quale, colto in flagrante durante un furto di bestiame, fu condotto davanti al re per essere giudicato.

Il sovrano volle dare al furfante la possibilità di salvarsi e, nascondendo un grillo nel pugno, promise all’uomo di liberarlo se solo avesse indovinato cosa celava nella mano chiusa.

L’uomo, vedendo compromessa la sua libertà e certamente disperando di uscire vivo dal carcere disse rivolto a se stesso “Eh! Grille, Grille, ‘n chi miene ‘nchiappiste!” (Eh! Grillo, Grillo, in che mani capitasti!). A questo punto il re meravigliato dalla dote di indovino dell’uomo e per mantenere fede alla promessa data non solo lo fece liberare, ma lo accolse con sè nel castello.


[1] Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti.
[2] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, l’aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Copyright  Faldus
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Dopo una dissertazione scientifica… e il richiamo ai ricordi infantili , GRADITI E SIMPATICI, eh, la dice lunga questa bella storiella , che non conoscevo e che mi è piaciuta tanto.
    Dunque GRILLO…furfante, ma anche furbo e fortunato, che alla fine si guadagna il favore del re!
    Chissà, i grilli di oggi faranno altrettanto !??

Rispondi a MARISA GALLO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.