Home / Cultura / Cultura Popolare / IL CIECO – LU CICATE

IL CIECO – LU CICATE

di  Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano del comune di Fallo (Ch)

 

 

Nu limusinante cicate annascunneve li poche solde arradunuate durante la iurnate dentre a lu buche di nu mure.

Un mendicante cieco nascondeva i pochi soldi raggranellati durante la giornata nel buco di un muro.

 

Nchi lu tiempe ere arrisciute a mette nziembre vinte carrine.

Con il passare del tempo era riuscito a mettere insieme venti carrini.

 

Na specie di marijuole, z’ere addunate ca lu cicate annascunneve li solde sie sempre a lu stesse puoste e, quanna capette ca li quatrine misse a nu pizze da lu limusinante ere bbastante, i l’arrubbette apprufittennezene ca era cicate.

Un ladruncolo sprovveduto si era accorto che il cieco nascondeva i suoi soldi sempre nello stesso posto e, quando capì che i quattrini messi da parte dal mendicante erano abbastanza, lo derubò approfittando del fatto che fosse cieco.

 

Lu limusinante z’addunette ca i zonne stave piglienne li solde, ma, siccome era cicate, nin puteve aricanosce lu marijuole.    

Il mendicante si accorse che gli stavano portando via i soldi, ma, essendo cieco, non poteva riconoscere il ladro.

 

Facette avvidè ca nzi n’ere addunate; però zi mittette a i girenne pi lu paese dicenne:

Fece finta di non accorgersene; si mise però a girare per il paese dicendo:

Tienghe vinte carrine a nu pirtuse, ci ni mette nantre vinte e ni facce quarante

Ho venti carrini dentro un pertugio, ce ne metto altri venti e ne faccio quaranta

Lu marijuole, sintennele parlà accuscì, currette a rimette li solde chi z’ere arrubbate dentre a lu buche di lu mure e aspittette, annascuoste, chi lu cicate ci purtave lieltre solde.    

Il ladro, sentendolo parlare in quel modo, corse a rimettere i soldi che aveva rubato nel foro del muro ed attese, nascosto, che il cieco ci portasse gli altri soldi.

 

Lu cicate ariette addo tineve annascuoste li solde, z’aripigliette li vinte carrine siè e zi ni iette.  

Il cieco tornò al nascondiglio dei soldi, si riprese i suoi venti carrini e se n’andò.

 

Lu marijuole ariette p’aripigliereze li solde, ma nin li truvette chiù. Da culle iuorre, la iente chi ‘ncuntrave lu limusinante pi la vie, lu sintive dice:    

Il ladro tornò per riprendersi i denari, ma non li trovò più. Da quel giorno, la gente che incontrava il mendicante per strada lo sentiva dire:

 

Quante è state fesse lu ggnurante ca chi vinte carrine ni vuleve fa quarante –

Quanto è stato fesso l’ignorante che con venti carrini ne voleva fare quaranta –

 

CHI VINTE CARRINE NI VULEVE FA QUARANTE

con venti carrini ne voleva fare quaranta

 

Questa frase viene di solito rivolta a chi crede troppo nei facili guadagni magari ottenuti anche in maniera non del tutto onesta.  

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.