Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Il battesimo della bambola ovvero “So’ fascìual e n’n so’ cumbbìatt…” / 2

Il battesimo della bambola ovvero “So’ fascìual e n’n so’ cumbbìatt…” / 2

Racconto di Flora Delli Quadri

Non è facile far capire a un ragazzo moderno quanto fosse profonda, un tempo, la differenza tra giochi femminili e giochi maschili, oggi che il confine è diventato così labile da non essere riconoscibile: scuole di danza, pallavolo e basket, videogiochi, smanettamenti con i telefonini, sms, ecc… Unico discrimine rimane, a tutt’oggi, il pallone per i maschi e le Barbie per le femmine.

La Barbie e i suoi cloni, miti intramontabili di bellezza, nascono negli anni ’80. Dare un nome alle bambole è stata un’idea di marketing geniale, che ha fatto vendere milioni e milioni di esemplari. Da un certo momento in poi è accaduto che le bambine non hanno più chiesto alla mamma, alla befana o al suo succedaneo Babbo Natale, genericamente una bambola, ma hanno cominciato a chiedere la Barbie, la Tanya, il Cicciobello, il Ken….

Un tempo, se ci si pensa bene, non era così e la bambola era “la bambola”, non aveva nome e tutt’al più il nome glielo dava la padrona. Come? Ma col battesimo, ovvio!

Individuata la bambola anonima e quindi la “mamma”, trovata la madrina, fissata la data, diramati gli inviti, il giorno stabilito ci si recava in rigoroso corteo in chiesa, “mamma” e ”madrina” in testa.
Il papà non c’era, era un’entità astratta. (figurarsi se i maschietti si abbassavano a giocare a queste cose da femminucce).
All’epoca le chiese erano sempre aperte, non c’era né penuria di preti né di sacrestani, perciò si entrava liberamente a qualsiasi ora. Vi si entrava col capo rigorosamente coperto dal velo e ci si avvicinava all’acqua benedetta. In assenza del prete toccava alla madrina versare l’acqua sulla fronte della bambola.


A questo punto il rito era compiuto, la bambola, non più anonima, aveva le carte in regola per entrare nel Regno dei Cieli e non importa se l’anno successivo il rito si ripeteva, ciò che contava era il rito in sé.

Eh già, poiché a motivare il tutto non era tanto il sentimento religioso, quanto piuttosto l’occasione per consumare le poche leccornie che di tanto in tanto si riuscivano a racimolare.
Non a caso le date preferite per il battesimo erano i giorni successivi ad un qualsiasi matrimonio, quando in casa erano disponibili dolcetti e “confetti ricci di Carosella”, questi ultimi spesso raccattati tra quelli lanciati alle spose all’uscita dalla chiesa e caduti per terra.


Il guaio era che i matrimoni non capitavano tutti i giorni. In tal caso si ricorreva ai fagioli al posto dei confetti, al pane al posto dei biscotti e a qualche noce.

Povero battesimo, allora!

Conoscendo il trucco, spesso frotte di ragazzine più grandi d’età, dispettose e sghignazzanti, camminavano dietro il corteo cantilenando, con la stessa nota musicale ripetuta più e più volte, la seguente filastrocca:

“so’ fascìual e n’n so’ cumbbìàtt”
“so’ fascìual e n’n so’ cumbbìàtt”
“so’ fascìual e n’n so’ cumbbìàtt”

ovvero “sono fagioli e non sono confetti”!

Orgogliosamente il corteo procedeva verso la chiesa sfidando l’ironia delle pettegole.
E’ inutile descrivere il loro lo smacco quando scoprivano che non c’erano fagioli nel cestino, ma un lauto ricevimento a base di confetti veri e talvolta anche biscotti. Guardavano le invitate con invidia e se ne andavano con la coda tra le gambe, meditando la prossima rivincita!

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Flora Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. L’allegria delle ragazzine d’un tempo andato, che grazie a questa testimonianza, torna a rivisitare le memorie di chi lo ha vissuto a stuzzicare la curiosità del primo impatto, può far sperare in una attuazione oggi, della stessa semplicità, possibile attraverso la conoscenza.

Rispondi a Rita Cerimele Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.