Home / Cultura / Cultura Popolare / I rraccundǝ di figliǝ sciambagnólǝ – La Parabola del figliol prodigo

I rraccundǝ di figliǝ sciambagnólǝ – La Parabola del figliol prodigo

di Davide Boccia

Sono lieto di accogliere su questo sito una pagina religiosa storica tradotta nel dialetto di OPI (AQ). Mi auguro ne giungano altri. Sapete come sia importante il dialetto nella salvaguardia delle radici del territorio dell’Altosannio (Enzo C. Delli Quadri)

Guercino, Il ritorno del figliol prodigo, Kunsthistorisches Museum.
Guercino, Il ritorno del figliol prodigo, Kunsthistorisches Museum.

I rraccundǝ di figliǝ sciambagnólǝ 

N’ ómmǝnǝ tǝnéva ddu figliǝ. Nǝ jurnǝ i cchiù ggiónǝ dǝcèttǝ ai patrǝ: «Tatà, dammǝ la rróbba che mm’ attòcca». I acquǝscì i patrǝ rǝspartèttǝ la rróbba sé chǝ jǝ figliǝ.

Dóppǝ ca jurnǝ, i figliǝ cchiù picquǝlǝ mǝttèttǝ ‘nzèmbra tuttǝ quélǝ chǝ ttǝnéva i sǝ nǝ jèttǝ a nǝ pajésǝ chǝ sctéva da lunghǝ: lòchǝ chǝmǝnzèttǝ a ffa la bbèlla vita i sǝ lǝquèttǝ tuttǝ jǝ sòldǝ. Ma, quandǝ sǝ magnèttǝ tuttǝ, ai pajésǝ addó sctéva, cǝ facèttǝ na bbrutta carasctìa i acquǝscì jissǝ s’ appǝzzǝndèttǝ.

‘Ndannǝ i vagliónǝ jèttǝ a ffatià pǝ nǝ padrónǝ i quidǝ pajésǝ ch’ i mannèttǝ a la massaria sé a ffa i pǝrcarǝ.

I pórǝ vagliónǝ sǝ sarrìa magnatǝ lǝ gliannǝ chǝ ddéva a jǝ pórchǝ, ma nǝsciunǝ cǝ déva crìa.

Acquǝscì chǝmǝnzèttǝ a rraggǝnà i dǝcèttǝ: «A la casa i pàtremǝ jǝ jardzunǝ nǝn tìranǝ ma la cigna. Tinnǝ sèmbǝ na fréga da magnà i dda vévǝ. Lǝ panǝ i llǝ vinǝ nǝn gǝ manga ma traméndǝ ji ècchǝ mǝ scténghǝ a mmǝrì i famǝ! Mo mǝ nǝ vèiǝ, rǝvaiǝ a patrǝmǝ i cǝ dicǝ: «Tatà, sò fattǝ pǝccatǝ cóndra Ddijǝ i ccóndra i ti; nǝn mèrǝtǝ cchiù i èssǝ figliǝ a tti; m’ ha da trattà cómǝ a nǝ sérvǝ».

Chǝmǝnzèttǝ i viéjǝ i sǝ rabbièttǝ da i patrǝ sé.

Quandǝ sctéva angórǝ da lunghǝ, i patrǝ i rǝquǝnǝscèttǝ, ma nǝn cǝ facèttǝ nǝsciunǝ paliatónǝ; cǝ jèttǝ ngóndra, d’ abbraccèttǝ i dǝ vacèttǝ.

I figliǝ dǝcèttǝ ai patrǝ: «Tatà, sò fattǝ pǝccatǝ cóndra Ddijǝ i ccóndra i ti. Mǝ nn’ abbrǝvógnǝ; nǝn tǝ sò cchiù figliǝ; tràttamǝ cómǝ a nǝ sérvǝ!».

Ma i patrǝ chǝmmannèttǝ a jǝ sérvǝ: «Facétǝ lèsctǝ! Pǝrtétǝ d’ abbǝtǝ cchiù bbéllǝ chǝ cǝ scta, facétǝdǝ rǝcagnà i cavǝzà; mǝttitǝcǝ purǝ nǝ bbrǝllócchǝ ai ditǝ.

Pó pǝgliétǝ i vǝtéllǝ cchiù ierassǝ, ccǝdétǝdǝ, vójǝ éma magnà bbonǝ i ffa fèscta,

pǝrché ssǝ vagliónǝ s’ éva mórtǝ i mmó è rǝnatǝ; s’ éva pǝrdutǝ i dǝ sò rǝtrǝvatǝ».

I tuttǝ chǝmǝnzirnǝ a ffa fèscta. ‘Ndandǝ i figliǝ cchiù iǝróssǝ, chǝ sctéva a la cambagna, traméndǝ rǝmǝnéva a la casa, sǝndèttǝ ca bballévanǝ i sǝnévanǝ.

Acquǝscì chiamèttǝ unǝ iǝ sérvǝ i cǝ addǝmmannèttǝ chǝ sctéva a sǝccèdǝ.

I sérvǝ cǝ dǝcèttǝ: «Fratǝtǝ sǝ nǝ rrǝmǝnutǝ i patrǝtǝ ha fattǝ scannà i vǝtéllǝ cchiù iǝrassǝ, pǝrché jissǝ è rrǝmǝnutǝ sanǝ i salvǝ».

Acquǝscì s’ arraièttǝ i nnǝn vǝléva trasì a la casa. Ma i patrǝ scèttǝ pǝ ccǝrcà i faddǝ rǝndrà.

Ma quidǝ cǝ rǝnfaccèttǝ: «’Nzómma acquǝscì è? Ji tǝ faccǝ la fatìa da tandǝ annǝ i nnǝn mǝ sǝ datǝ manghǝ nǝ crapittǝ pe ffa fèscta chǝ jǝ chǝmbagnǝ mé. Ma mo ca sǝ nǝ rǝmǝnutǝ ssǝ rǝbbǝttatǝ, chǝ ss’ è fattǝ pǝlì tuttǝ jǝ quatrinǝ da lǝ malǝ fémmǝnǝ, pǝ jissǝ sé fattǝ ccidǝ i vǝtéllǝ cchiù iǝrassǝ».

I patrǝ cǝ rǝspǝnnèttǝ: «Figliǝ mé, tu sǝ sèmbǝ sctatǝ ‘nzèmbra a mmi i tuttǝ quélǝ chǝ ténghǝ ji tǝ purǝ tu; mó n’ éma pǝnzà a scǝ vaiǝ, éma èssǝ quǝndéndǝ, pǝrché fratǝtǝ s’ éva mórtǝ i mmó è rǝnatǝ; s’ éva pǝrdutǝ i dǝ sò rǝtrǝvatǝ».


La Parabola del figliol prodigo

Un uomo aveva due figli. Un giorno il più giovane, disse a suo padre: “Padre, dammi la parte di eredità che mi aspetta”. E il padre divise i suoi beni tra i figli.

Dopo qualche giorno, il figlio più piccolo mise insieme tutto ciò che aveva e se ne andò in un paese lontano: e li si diede alla bella vita e si mangiò tutti i soldi. Ma, quando ebbe finito tutto, nel paese dove si trovava, ci fu una grande carestia: e così egli cominciò a provare la miseria.

Allora andò a mettersi al servizio di un signore di quel paese, che lo mandò nella sua tenuta a guardare i porci.

Egli avrebbe desiderato riempirsi lo stomaco con le ghiande che mangiavano i porci, ma nessuno gliene dava.

Allora cominciò a pensare tra sé e sé e disse: “Quanti servitori a casa di mio padre hanno pane a volontà ed invece io qui sto morendo di fame! Adesso parto, me ne vado da mio padre e gli dico: “Padre, ho peccato contro Dio e contro di te; non merito più di essere tuo figlio; trattami come un servo”.

Si mise in cammino e se ne andò da suo padre.

Mentre egli era ancora lontano, suo padre lo vide, e ne ebbe pietà; gli corse incontro, lo abbracciò e lo baciò.

E il figlio disse: “ Padre ho peccato contro Dio e contro di te e non merito più di essere tuo figlio: trattami come un tuo servo!”.

Ma il padre disse ai servi: “Presto! Portate l’ abito più bello e fateglielo indossare; mettetegli un anello al dito e le scarpe ai piedi. Poi prendete un vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo ragazzo era morto e adesso è resuscitato; si era perduto ed è stato ritrovato”.

Ed incominciarono a far festa. Intanto il figlio più grande, che era in campagna, mentre ritornava e si avvicinava a casa, sentì che suonavano e ballavano.

Allora chiamò uno dei servi e gli domandò che stava succedendo.

Il servo gli disse: “E’ tornato tuo fratello e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello più grasso,perché egli è ritornato sano e salvo”.

Allora si arrabbiò e non voleva rientrare a casa. Ma il padre uscì e cerco di convincerlo ad entrare.

Ma quello gli rispose: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trascurato i tuoi comandi, e tu non mi hai mai dato neanche un capretto per far festa con i miei compagni. Ma ora che è ritornato quest’ altro figlio, che ha consumato tutta la sua roba con le donne cattive, tu hai ammazzato per lui un vitello grasso”.

E il padre gli disse: “ Figlio mio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è anche tuo; ma ora bisogna far festa e stare allegri, perché tuo fratello era morto ed è risuscitato, era perduto ed è stato ritrovato”.


Davide Boccia, nel novembre del 2015 ha conseguito la laurea magistrale in Culture moderne comparate, presso l’ Università degli Studi di Torino, presentando una tesi di laurea in dialettologia dal titolo “Descrizione linguistica del dialetto di Opi (Aq)”.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. Antonia Anna Pinna

    Averne di padri così. Bellissimo. Grazie Davide Boccia

  2. Siamo sicuri che un Padre così non ce lo abbiamo ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.