Home / Cultura / Cultura Popolare / I nostri modi di dire di fronte ad una Casta arrogante

I nostri modi di dire di fronte ad una Casta arrogante

di Enzo C. Delli Quadri che ha utilizzato suggerimenti pervenuti da Daria Ciampaglia di San Pietro Avellana e da Domenico Marchione di Vastogirardi


Si parte dalla situazione interna a ciascuna famiglia

R’ guia d’ la tina r’ sa r’ manier.
I guai della tina li conosce il mestolo.
Solo il componente di ciascuna famiglia conosce i guai che questa situazione finanziaria italiana e internazionale comporta per la sua famiglia.

I m’arresparmie la moglie a r’liett e chi me vo fott arret alla fratta
Io risparmio mia moglie a letto e c’è chi mi vuole fregare di nascosto.
Quel componente della famiglia si fa in quattro per risparmiare e scopre che c’è una Casta che  spende e spande con i suoi soldi.

Le reazioni, contro questa situazione, possono essere piuttosto importanti e al limite del violento

Nen dè pile ngòpp ‘alla lènga!
Non ha peli sulla lingua.
Si perde il controllo e si dice tutto quello che si pensa, in modo esplicito, sincero.

M z’ arrvotan l’udella    
Mi si rivoltano le budella.
Si provano sentimenti di ira, di rabbia, di sdegno, per torti morali e materiali che la situazione  impone loro.

Merita d’ess mbcchiet.
Merita di essere impiccato.
Per  il suo cattivo comportamento, la Casta meriterebbe di essere punita severamente.

Leva l ponia da mien a Crisct.
Leva i pugni dalle mani di Cristo.
La Casta, con il suo atteggiamento di attaccamento ai privilegi, provoca reazione adirata, talvolta violenta, anche nelle persone pacifiche e tranquille.

Ma la reazione può anche essere di rassegnazione

Ngarisce fièra mèja ca tiènghe n’aca da vènne
Rincara fiera mia perchè ho un ago da vendere
Non mi interessa che i costi aumentino, perchè non ho nulla da vendere.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.