Classic Layout

Oltre il Verrino

di Anglonense Anonymus Oltre il Verrino Il fiume ha sempre seguito il suo corso. Benevolo, per la terra che attraversa. Generoso, per il “bracciale ed il contadino povero” ma ancor più per proprietari terrieri ed istituzioni ecclesiastiche. Impetuoso, quando fu attraversato dall’idea di una rivoluzione lontana. Ponderato, quando vide aprire scuole, …

Read More »

Che mito, questo melograno!!!

a cura di Paola Giaccio [1] L’albero a cui tendevi la pargoletta mano il verde melograno Dà bei vermigli fior…” Tra i gustosi frutti di cui ci fa dono Madre Natura, la melagrana è indubbiamente uno dei più difficili da consumare (chi non incontra qualche difficoltà nel sbucciarla?), ma è altresì …

Read More »

Alla ricerca di lumache

A cura di Benedetto di Sciullo [1] tratto dalla rubrica Lo spazio di tutti del sito faldus.it, editing Giovanni Mariano [2]   Alle quattro e trenta di una cupa mattina d’agosto, due ragazzi ruppero ogni indugio e salirono la scala di pietra che portava allo sporto situato accanto al terrazzino di una casa. Come avevano fatto già …

Read More »

Autunne

di Bruno Marinelli [1] Autunne Se tegne d’ culure la campagna: d’ gialle, d’ rusce, d’arancione. ‘Na nuvula d’ cieglie passa ‘nciele: ‘nu frusce d’ale ch’ se ne va luntane. D’uva ch’ vòlle, d’ fugne e d’ castagne se spanne, già, ‘n’addore ch’ cunfonne. L’aria e chiù fresca e, subb’t …

Read More »

Nu vìecchjə maštrə

Poesia di Felice Pannunzio[1], Nu vìecchjə maštrə Nu vìecchjə maštrə, arrétə a na vətróina, sə védə angóra, céttə, ógni matóina: davéndrə la pətòica, mbulvərata cóm’e na cósa armašta abbandunata. Fa cacché calzungillə, o na ggiacchétta; e chéuscə chjénə chjìenə, sénza frétta. Nə ndé nu lavurandə, ndé nəscìunə chə j’arrégnə ru …

Read More »