Home / Cronaca / Attualità / Giuseppe Nucci in mostra a Roma nella XIII rassegna di Fotoleggendo

Giuseppe Nucci in mostra a Roma nella XIII rassegna di Fotoleggendo

Locandina DEntroTerra - Fotoleggendo 2017

FotoLeggendo è un festival internazionale aperto a tutta la città, che coinvolge numerose realtà della fotografia romana fino al Museo di Roma in Trastevere con l’agenzia fotografica Ostkreuz. Realtà diverse tra loro che danno vita a un circuito di spazi indipendenti operativo tutto l’anno, mostrando la vivacità di una Roma che non è solo luogo dove ospitare convegni o tavoli tecnici, ma cuore e motore di fervide attività e proposte culturali.

Storie è il titolo di questa XIII edizione, un’edizione in cui vengono portati in mostra diverse storie di vita e poliedrici metodi di narrazione, che spaziano dalle Polaroid alle foto scattate col cellulare, dai progetti multimediali al classico negativo.

Fotoleggendo 2017Il viaggio inizia da uno dei mostri sacri della fotografia contemporanea, Larry Fink, con la sua inconfondibile visione di uno spaccato degli USA degli ultimi cinque anni. Da Fink si passa a un’altra icona della fotografia contemporanea, Michael Ackerman e la sua costante ricerca intimistica.

Ebbene, nell’ambito del Fotoleggendo 2017, verrà esposto, presso la sede del WSP Photography, il progetto DEntroTerra che Giuseppe Nucci di Sant’Angelo del Pesco sta portando avanti, ormai, da più di un anno e mezzo.

L’Italia ha dimenticato di essere una nazione di paesi e una parte della propria anima è stata destinata all’oblio con tutto il suo carico di tradizioni, superstizioni e credenze. Il progressivo abbandono dei paesi dal dopoguerra ad oggi è diventato sempre più drammatico. Poche sono quelle zone d’Italia che appaiono come riserve del patrimonio storico minore e molte di loro sono situate lungo la catena appenninica. Le montagne con i loro inverni lunghi e rigidi e la mancanza di infrastrutture moderne che portino progresso e benessere, hanno contribuito a preservare le radici di tutti coloro che dal dopoguerra ad oggi sono partiti in cerca di lavoro e fortuna altrove. L’alto Molise e l’alto Sangro sono due di queste aree, composte da tanti piccoli paesini di montagna situati nell’entroterra di Abruzzo e Molise.
Ci sono 3 parole alla base di questo lavoro: Dentro, perché questi sono i luoghi da dove provengo. Terra, in quanto tutta questa civiltà, queste usanze e queste tradizioni hanno a che fare con il mondo contadino. Entroterra, perché nel piccolo questo è uno spaccato significativo di quell’Italia interna troppo spesso bistrattata. Un paese ci vuole”.

L’inaugurazione è prevista per Sabato 10 Giugno alle ore 19:30 in via Costanzo Cloro 58. La mostra sarà esposta fino al 7 luglio 2017 e visitabile dal lunedì al venerdì dalle 18.30 alle 21.30.

Giuseppe Nucci
Giuseppe Nucci

Dopo la pubblicazione sul Lens Blog del New York Times questa è una seconda piccola soddisfazione, per un lavoro che mira a raccontare quell’Italia per certi versi dimenticata di cui l’Alto Molise e l’Alto Sangro fanno parte.

Questi i link che rimandano all’attività di Giuseppe Nucci
– nell’ambito della mostra FotoLeggendo:
http://www.fotoleggendo.it/edizione2017/portfolio-item/giuseppe-nucci/

– nell’ambito del WSP photography, la sede espositiva della mostra: http://www.collettivowsp.org/dentro-terra-mostra-fotografica-di-giuseppe-nucci-fotoleggendo-2017/

Sant’Angelo del Pesco, Agnone, Capracotta, Vastogirardi, Pescopennataro, Castel del Giudice e Borrello sono i comuni che, con Giuseppe Nucci, faranno un giro nella capitale con la speranza di riuscire ad organizzare, in futuro, una mostra nei luoghi in cui tutto è nato.

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Cento volte più loquace della parola, la FOTO: è immediata!
    Parla agli occhi e va dritta al cuore, quando “cuore e mano” del fotografo vibrano all’unisono …E GIUSEPPE DI NUCCI lo ha dimostrato già altrove coi suoi bei lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.